venerdì 25 giugno 2010

Maturità

Adoro leggere Pictures, Images and Photos Sto vivendo la maturità di Mara, inutile dire che sono emozionata.
Mi trovo a essere io quella più agitata, Mara è serena e tranquilla, sicura di se e del suo sapere.
Quella che non dorme e che si alza alle 5 di mattina sono io.
Io che sto vivendo attraverso mia figlia una cosa che avrei voluto fare, studiare mi piaceva ma non ho avuto possibilità di farlo.
Problemi economici e il bisogno di una busta paga in più in famiglia non mi ha permesso nemmeno il sogno di poter pensare oltre le medie.
Un desiderio che mi è sempre rimasto e che mi ha portato a pensare a quello che ho perso in termini di cultura.
Lo so che non è importante ma mi rendo conto del mio non sapere, ancora chiedo spiegazioni a Dario, ancora vado a cercare il significato di una parola e ancora sbaglio (e tanti di voi me lo fanno notare), con l'acca poi, sono sempre in guerra!
Ricordo che appena finite le medie era venuta a casa mia la prof. di italiano con suo marito che era direttore dell'ospedale di Desenzano, avrei potuto studiare da infermiera come interna.
Io già saltavo sulla sedia ma mio padre fece solo una domanda, "prenderà dei soldi?"
No, niente soldi, era già un privilegio poter accedere a questi corsi a costo zero e con un lavoro sicuro.
Allora niente studio, mi aveva già trovato un lavoro in un'officina.
Un lavoro che distava da casa 10 km. e che per 8 mesi ho fatto in bicicletta.
Una bicicletta da uomo, quelle con la stanga in mezzo, difficile da usare perchè essendo piccola arrivavo a malapena a mettere per terra le punte dei piedi.
Otto mesi, la mattina partivo alle 5 e mezzo per iniziare alle sei, a pranzo mi mangiavo un panino e poi alle sei la sera ripartivo stanchissima verso casa.
Otto mesi per arrivare a dicembre dopo c'è stato il mio primo motorino, non era un regalo di Natale, era perchè si poteva comperare.
Ma poi si vede che era destino che sarei dovuta entrare a lavorare in ospedale visto che a distanza di 7 anni ci sono andata.
Ora seguo questa tappa importante di  mia figlia e mi commuovo, con la prima prova scritta ho indovinato la traccia che ha scelto, anche la seconda prova è andata, oggi c'è la terza, secondo lei la più tosta.
Più tardi la porto a Brescia e speriamo che sia una prova facile, il tempo è poco, 2 ore, e lei scrive sempre tanto....
Non importa come uscirà, io so che quest'anno ha una battaglia molto più dura da vincere, ma so anche che siamo sulla buona strada e dal suo sorriso ho capito che lei ne ha la consapevolezza.
Forza Mara, ti siamo attorno, ti abbracciamo e ti stringiamo con una coperta fatta di un amore infinito.
Non un telo soffocante e stretto ma un velo trasparente dove tu puoi vedere il tuo percorso e camminare sicura della nostra protezione fino a quando tu ne avrai bisogno.
Buona vita piccola mia



52 commenti:

  1. Intanto un grosso "in bocca al lupo" alla tua Mara, che sicuramente saprà farsi onore!
    E poi volevo dirti che anch'io, dopo la maturità, avrei voluto proseguire gli studi: mi ero già informata per l'università, avevo già l'entusiasmo alle stelle... ma i miei dissero no. "Abbiamo già fatto tanto, adesso è ora porti a casa qualcosa".
    Ecco perché mi arrabbio tanto quando vedo i giovani che hanno la possibilità di studiare e la buttano via malamente...

    Un abbraccio.

    RispondiElimina

  2. bhe, esistono le scuole serali, in bel modo per prendersi delle rivincite a distanza di tempo! conosco delle persone che le frequentano...anche pensionati giuro!   pensaci, magari ti farebbe bene!

    RispondiElimina
  3. che bello...una mamma che avvolge sua figlia in un velo d'amore...non in una coperta soffocante,fortunata tua figlia ad averti come madre,brava tu...a saper amare....
    in bocca al lupo a mara!!!

    RispondiElimina

  4. complimenti al tuo amore, grande grande, ma rispettoso della sua vita, della sua strada

    RispondiElimina
  5. IL tuo percorso di vita ti fa onore..
    Tantissimi auguri alla tua Mara...per tutto.
    Con profonda stima e affetto..
    ti abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Una storia che fa riflettere.
    Nonostante la non-felice esperienza, non conservi frustrazioni e manie.
    Anzi la tua situazione ti stimola sempre a nuove ricerche, circoscritte a te.
    E onore all'amore che riversi su tua figlia.
    Un in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  7. ti abbraccio. Grazie del brivido che mi (ci) hai donato. ciao.

    RispondiElimina
  8. Infiniti auguri alla giovane Mara perché questo sia solo l'inizio di un cammino fortunato. Dio sa quanto i diciottenni di oggi ne avranno bisogno. Consegniamo loro un mondo peggiore di quello che abbiamo ereditato dai nostri genitori, e non possiamo andarne certo fieri. Se l'amore conta qualcosa nella vita, se è pura energia come io credo e spero, le Mara di oggi potranno contare sul vento in poppa almeno delle loro madri e dei loro padri. Un caro saluto. M.

    RispondiElimina
  9. con un grande e colpevole ritardo rrivo qui, per ringraziarti dei tuoi commenti e per un in bocca al lupo a tua figlia, che comunque ha una mamma come te e per questo ha già vinto. grazie.

    RispondiElimina

  10. quando la luna...
    si aprirà
    (in due) nel cielo
    su noi cosa cadrà
    cosa accadrà
    (si leccherà le labbra
    il lupo)
    e aspetto nuove streghe

    (avrei tante cose da dirti)
    eli

    RispondiElimina

  11. Ma...che dici?
    Ci sono persone che salgono in cattedra? 
    Il fatto mi spaventa. Non mi voglio preoccupare della mia scrittura.
    La tua va benissimo. E' scorrevole, piena di vita vissuta...con una forte carica emotiva che travolge.

    Qui nessuno dovrebbe essere sotto esame.
    E' Mara, invece, sotto stress per i suoi esami.
    A lei auguro di conquistare felicemente un traguardo importante...e tanti altri ancora.

    RispondiElimina

  12. La cultura si costruisce leggendo  e tenendosi informati, non è poi così necessario averla conquistata con il classico pezzo di carta. Tu sei una persona intelligente e sicuramente puoi dare dei punti a tanti laureati...Scrivi bene, trasmetti le tue emozioni, i sentimenti...cosa importa se può capitare un piccolo errore di forma o grammatica? Chi ti legge è interessato al contenuto, a ciò che vuoi comunicare, mica viene qui a fare il professore con la matita rossa e blu!
    Un grosso "in bocca al lupo" alla tua maturanda e un abbraccio a tutte e due!

    RispondiElimina
  13. Anch'io con mio figlio sto sostenendo gli esami di masturità....incrociamo ledita fino al giorno otto. gli orali^_^
    sereno w.e.

    RispondiElimina

  14. Esperienza passata...molto bella da un certo punto di vista, fatta di complicità e batticuore condiviso...un po' ti invidio spero vada tutto bene :-)

    RispondiElimina

  15. forza Mara

    per tutto quello che vedi

    RispondiElimina
  16. Da come scrivi non sembra affatto che tu non abbia studiato! Questo è una testimonianza che l'intelligenza di una persona non è fatta di tante pagine di libri, magari imparati a memoria, ma di una sensibilità interiore che ti porta ad essere molto più grande di tanti altri.E' semplicemente entusiasmante passare da te e leggerti.Leggere della tua vita, di come la racconti con leggerezza anche negli episodi più difficili.Tua figlia è veramente fortunata e quel velo trasparente che sai distendere attorno a lei, le darà sicuramente tutto il calore di cui ha bisogno.Sei speciale,almeno per me.Un abbraccio forte e un grande in bocca al lupo a Mara.Buona Domenica Cesy, col cuore.

    RispondiElimina
  17. Mi hai emozionato, Cesy: che bello, avere una mamma come te, pronta ad abbracciare senza soffocare...Un po' mi hai fatto ricordare la maturità di Giovanni, spero che a Mara vada altrettanto bene. i nostri figli hanno tutta una vita davanti...le nostre frecce che scagliamo in avanti, verso il futuro...Pensavo alle parole di Nowhere, che come al solito condivido.
    Ed anche ad una frase trovata su di una maglietta: "Non abbiamo la terra in eredità dai genitori, ma in prestito dai nostri figli".
    Un abbraccio grande. aspetto notizie.In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  18. Auguri a Mara e a te. Dietro la sua vittoria ci sei tu con le tue rinunce e la tua forza.
    Scrivi in maniera fluida e diretta, regali emozioni. Sei brava

    RispondiElimina
  19. Complimenti, cara, il tuo scritto ha toccato il cuore. E tu saresti quella che non sa scrivere?  Tesoro, sei più in gamba tu di tanti laureati messi assieme. Si leggono certi strafalcioni di gente super titolata, che poi non è il pezzo di carta che fa cultura, molti sono arrivati alla laurea solo con nozioni tecniche e il famoso italiano non sanno neanche dove sia di casa. Stai vivendo un bel momento con tua figlia, lei ti darà molte soddisfazioni che sono già qui impresse su questa pagina.

    buona domenica.
    un abbraccione
    annamaria

    RispondiElimina
  20. Mara è il risultato del tuo valore, che non ha bisogno di riconoscimenti cattedratici, è bastante a te e a noi, è una ricchezza che doni a piene mani anche così, esponendoti con tanta autocritiza e umiltà.
    Per me vali molto. provo sempre grande piacere a leggerti.
    In bocca al lupo per tua figlia, forunata ad averti come madre.

    RispondiElimina
  21. In questi momenti i più agitati siamo noi genitori, gli studenti sono più tranquilli.
    Ciao

    RispondiElimina
  22. Soltanto una madre sensibile avrebbe potuto scrivere ciò che hai scritto. Sospetto che tua figlia sia una ragzza fortunata. 
    Un po' la invidio.
    Un abbraccio e in bocca al lupo a lei!

    RispondiElimina
  23. bellissima dedica a tua figlia....
    in bocca al lupo a mara...

    un nacio da annina

    RispondiElimina
  24. utente anonimo30 giugno 2010 00:34

    GRAZIE A  DIO  IL CUORE  VALE PIU' DELLA CULTURA  ....AVANTI A  TUTTA  BIRRA . DIO  E'CON  VOI   IL CIELO E LA TERRA SI UNIRANNO E  MARA SARA' VITTORIOSA    DA PIERFRANCO E FAMILY

    RispondiElimina
  25. utente anonimo30 giugno 2010 16:54

    un saluto....
    mike mc old.

    RispondiElimina

  26. è dolcissimo ciò che scrivi :))

    RispondiElimina
  27. ....la vita..le responsabilità hanno scelto per te ..e nonostante non abbia potuto realizzare il tuo sogno, la vita ti ha ricompensata di una grande sensibilità ...capace di trasmettere splendide emozioni di vita vissuta...
    tutto ciò che scrivi...lo scrivi splendidamente e sopratutto con il cuore...

    ...anchio ho visto andare in frantumi lo stesso sogno anni fa...non è stato facile accettarlo....


    RispondiElimina
  28. Un grandissimo in bocca al lupo anche da parte mia:-)
    Conosco questi passaggi da genitori.
    Ho due figli, ma durante i loro studi non ho avuto modo di emozionarmi, eccetto durante la tesi di laurea del maschietto, dato che svolgevo un'attività professionale che mi assorbiva in tutt'altre e continue emozioni.
    Nel mio caso non ho avuto impedimenti allo studio. All'inizio e per tanto tempo non ne avevo voglia, perchè interessato di più alle pratiche sportive.
    Col tempo, poi, sono rinsavito ed ho avuto un soddisfacente percorso negli studi:-) 

    RispondiElimina
  29. I tuoi sogni  nella tua mano
    un abbraccio

    RispondiElimina

  30. Hai un cuore sensibile e sai trasmettere le tue emozioni: sono grandi doti. La cultura cartacea non conta poi così tanto. Un abbraccio. Araba Fenice

    RispondiElimina
  31. Sempre meraviglia  tu,ai miei occhi di bambina incantata

    RispondiElimina
  32. E' bellissimo ciò che hai scritto.
    Davvero.
    Bellissimo.

    RispondiElimina
  33. Eccomi puntuale per augurarTi buona giornata

    RispondiElimina

  34. Chi dice che fai errori? Sai scrivere benissimo, esprimi i tuoi pensieri
    con un tal sentimento poetico che mi commuovi. La vita è dura, ma hai dimostrato, con pazienza e coraggio di saper affrontare le difficoltà. Tua figlia è una ragazza fortunata e saprà cavarsela bene, al suo fianco ha te che sei splendida. Mi piacerebbe sapere se ha preso un voto bello da dare  gioia e soddisfazione ad entrambe... Una curiosità, Mara sei tu o tua figlia, sono un
    po' confusa. Ti mando un abbraccione e spero di risentirti presto..

    Ps.. Io le medie le ho fatte  serali  quando i miei figli erano alle superiori. Ai miei tempi la scuola d'obbligo terminava con la quinta elementare......
    Non ho studiato per motivi simili ai tuoi. Farò degli errori, ma quando scrivo lo faccio con il cuore.
    ciaoooooooooooooooooooooooo....Bruna

    RispondiElimina

  35. Scusa, cara Cesy, ho fatto un po' di confusione, infatti se ricordi, i primi
    tempi ti chiamavo Mara ( diminutivo di "Lunamara") Che testa!!!!!!!!!!!
    Ciaooooooooooooooooo

    RispondiElimina

  36. si dice di un cane che si reputa "intelligente" quasi fosse umano

    "povero....... gli manca solo la parola"

    frase scorretta che indica tutta la presunzione umana...

    in realtà.... a causa dei nostri limiti
    siamo noi a non capire "LORO"

    RispondiElimina


  37. Perchè dici : non ho studiato? Certo he hai studiato e quello che sai è molto di più di quanto credi. Hai però ragione sul gran privilegio di studiare e basta, tempo incantato. ( ho continuato per annoi a sognarmi gli esami di maturità...)

    RispondiElimina
  38. Fai un buon fine settimana sister

    RispondiElimina
  39. Sono arrivata in fondo alla lettura di questo aggiornamento con gli occhi lucidi.
    La mia generazione sottovaluta altamente il potere dell' istruzione (io per prima, in effetti).
    I giovani d' oggi, diplomati, o spesso anche laureati, non hanno idea dell' immensa possibilità che è stata loro concessa, e tutto quello che sono in grado di fare è deturpare la lingua italiana, fregandosene altamente di colmare le loro lacune.
    Forse ti manca un pezzo di carta, ma da quel poco che ho letto credo di poter asserire che in questo caso è del tutto relativo.

    Grazie per aver condiviso questi pensieri.
    Saper indurre gli altri alla riflessione non è mai un aspetto sottovalutabile!

    A presto

    Betty

    RispondiElimina
  40. Sono capitata su questo post sulla maturità, forse, perchè è stato il mio incubo per anni. E' una sorta di soglia, un rito di passaggio collettivo così importante.
    Capisco il tuo rimpianto ma consentimi: io ho la maturità classica, una laurea e un dottorato di ricerca, titoli conseguiti con ottimi voti; studiare mi è sempre piaciuto e non mi è mai costato troppa difficoltà (sacrifici nè ho fatti anche io: sono la prima laureata in famiglia) ma sono sola. 
    L'amore di un marito, una figlia da aiutare a crescere, una famiglia sono una grande meritatatissima fortuna, imparagonabile con un alto livello di istruzione e persino con la cultura.    
    Perdona lo sfogo.
    Felice di aver fatto la tua conoscenza,
    Anna

    RispondiElimina