mercoledì 10 novembre 2010

FIGLIA DI UN DIO MINORE ...

solitudine Pictures, Images and Photos
Anna non credeva che esistessero figli di un Dio minore ma guardando Maddalena  il dubbio le attraversò il cuore.  Allungò la mano per attirare l'attenzione di sua cugina e le sorrise, Maddalena sgranò gli occhi e iniziò  a gesticolare e a parlare nel modo strano dei sordi.
Ecco, non bastava essere sordi e emarginati?
Non bastava una vita ai margini quasi fosse una colpa quella di non sentire?
Un matrimonio con il compagno anche lui sordo, dove dopo la nascita di un figlio "normale" tutti volevano dire loro cosa dovevano fare e non fare?
Un alternarsi di assistenti sociali e dove anche le insegnanti diventavano di colpo delle psicologhe pronte a trovare mille disagi e comportamenti anormali.
Quante lacrime, quanta paura di non essere una brava mamma, e come poteva?
Era sorda!
Una mamma sorda certamente è una mamma sbagliata, a questo era arrivata Maddalena.
Anche lungo l'andare degli anni le difficoltà non erano mancate, sempre con quella paura dentro, quella di essere una di serie B.
Anna guardò  quel viso così caro a lei, la riconosceva nell'amore che da sempre le univa, quanti ricordi le ritornavano in mente, un'infanzia a metà la loro.
Maddalena che era diventata sorda all'età di sei anni e da allora fino ai 18 anni era stata in collegio in città 9 mesi all'anno.
Solo d'estate ritornava al paese, Anna sorrise al triste ricordo del Mocc, un pastore bergamasco che più di un cane era una balia.
Il Mocc era uno di loro ma lui era di Maddalena!
Quando Maddalena era a casa il Mocc era la sua ombra, con lei andava ovunque e i grandi erano tranquilli, niente di male poteva succedere se stavano insieme.
Mocc che preferì morire 8 giorni prima dell'arrivo di Maddalena, con pudore, quel pudore che hanno i cani nel non voler far soffrire le persone più care.
Mancava poco a Natale e Maddalena tornava a casa in corriera, erano andati in 5 ad aspettarla, tristi e spauriti, la neve cadeva fitta ma a loro non importava, non sapevano come comunicare la triste notizia.
Bastò uno sguardo, l'incrociarsi di occhi e fu pianto dirotto, "morto  Mocc... morto Mocc ... "
Anna ricordava quel tornare a casa tutti abbracciati alla rifusa con lacrime miste alla neve che indifferente cadeva su di loro, era un rifare il funerale a Mocc, era un ricordare l'amico di sempre che ora ti ha tradito, era dolore e rimpianto.
Questo pensava Anna guardando Maddalena in quel letto d'ospedale.
Già, ci mancava anche un tumore al rene, figli di un Dio minore, e perchè no?
L'abbracciò piano, stando attenta ai vari drenaggi, alla pompa della morfina e l'accarezzò, avrebbe voluto che la zia fosse viva, che il Mocc fosse vivo, magari l'avrebbero protetta meglio, non avrebbero permesso a quel Dio di farle altro male.
Parlò con lei, un discorso intimo, fatto di segni, suoni e espressioni facciali, la gente attorno guardava con curiosità ma a questo erano abituate, erano in un cerchio tutto loro.
Erano in un limbo dove poche persone entravano, troppe quelle che se ne scappavano via, la paura e il disagio del rapportarsi con il diverso faceva tabula rasa e la solitudine ingigantiva l'abbandono.
No, non era figlia di un Dio minore, era molto di più e Anna lo sapeva da sempre.


 

38 commenti:

  1. Non sono mai riuscita a capire perchè alcune persone siano così sfortunate rispetto ad altre..si dice che Dio abbia sempre una motivazione, un disegno, per permettere che accadano certe cose, ma è difficile capire e rassegnarsi.Ho un'amica sordomuta, che si è sposata con un uomo udente e che ha una figlia del tutto normale. Ricordo le sue battaglie da ragazzina per imparare ad essere come tutte le altre, la sua determinazione e la sua voce un po' strana, meccanica.
    Un abbraccio forte!"

    RispondiElimina
  2. Racconto di vita vera...di quelle dalla quale tutti fuggono...fintanto che non capiti a loro...

    Buonanotte!

    RispondiElimina
  3. hai una straordinaria capacità espressiva, leggerti è vivere emozioni, fra quelle riflessioni vive che narrano di vite parallele, destini sordi incrociati  a pagine d''umiltà e amore.
    Ci sono vite che sembrano vivere ai margini di un foglio, con te tornano al centro per scrivere la loro bellezza, asciugando le lacrime di uno sguardo che non sa della loro essenza..........

    Davvero brava!!

    RispondiElimina
  4. Sei molto brava nello scrivere e leggere le tue cose di vita, brava.

    RispondiElimina
  5. Bello e toccante! Brava!
    In questi giorni che non siamo muti (speriamo che Bobby ci lasci questo suo pc per Natale!) è un piacere lasciarti un pensierino come traccia del nostro passaggio.

    Holly

    RispondiElimina
  6. non vorrei tu pensassi che sono insensibile a quanto da te scritto nel post sto passando per ringraziare chi è passato / a  alla festa del mio compleanno....

    RispondiElimina
  7. Un testo molto bello... forse anche perché non tratti delle solite banalità che a volte capita leggere qua e là...

    Mi sono ricordata del bellissimo film "Children of a lesser God"...
    che assolutamente vale la pena guardare!
    Anche nel tuo breve esposto, la realtà è a volte molto difficile da accogliere, tramuta però gli animi di chi è coinvolto direttamente.
    Serenità
    :-)claudine

    RispondiElimina
  8. Dopo che ho letto questo... vorrei essere viva pure io!
    Trasformi le parole in aghi che penetrano sottopelle. Tu sai fare i tatuaggi all'anima, e io impazzisco per te! baci a Mefisto.... il certosino ovviamente.
    Bentrovata tesoro... (mai abbandonata in effetti)

    RispondiElimina
  9. Figli di un dio minore, famiglie di serie b ... quanto piace sentirsi "superiori" . Ciao Carissima

    RispondiElimina
  10. minchia Cesy...sembra che tu legga nel cuore della gente, in ogni tuo racconto di gioia e dolore riesci sempre a strapparmi una lacrima

    RispondiElimina
  11. Molti i commenti che inneggiano alla tua bravura e il mio non può che essere uno in più.Venire qui, leggerti è un'emozione alla quale non si può rinunciare.Penso che conoscerti dal vivo sia un'esperienza esaltante e chi la può vivere è persona fortunata.Grazie per le emozioni che mi regali.Niente altro, perchè c'è poco da dire.Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  12. Sì, io ci credo che esistono figli di un Dio minore.

    RispondiElimina
  13. Quanta sensibilità alberga in te. Sono onorata di godere della tua amicizia e dei tuoi pessaggi da me. Le lacrime a volte fanno bene e tu hai la capacità di farci entrare in situazioni che veramente le strappano ma con garbo per non dimenticare coloro che soffrono. Un abbraccio forte forte  Maria

    RispondiElimina
  14. ... e Kora ?? come stà?? è molto bella e deve essere adorabile.
    Un abbraccio Renata

    RispondiElimina
  15. cerchiamo la perfezione nel fisico e le sue funzioni e non coltiviamo la perfezione assoluta, quella dell'Amore.
    saper Amare come Moc è un dono per gli animali, ma è una conquista per noi ... se non ci soffochiamo in gozzoviglie e vestiti nuovi .....

    no esiste un Dio minore, ma uomini senza Amore che on sanno cogliere le meraviglie nelle altre creature .....

    ciao e buona vita

    RispondiElimina
  16. sconvolgente-mente-in-esplorato!

    RispondiElimina
  17. ...commossa e senza parole ....
    Grazie per l'emozione...
    Graziella

    RispondiElimina
  18. ti lascio un bacio.... raccoglilo!

    RispondiElimina
  19. Ciao amica bresciana,
    ti ho linkato dal mio blog!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Una storia toccante scritta con scorrevolezza e delicatezza. A volte la vita sembra accanirsi, ma sono le persone forti che superano i dolori e Dio lo sa. Dopo è sempre una rinascita.

    complimenti cara, un bellissimo racconto.
    un bacio
    annamaria 

    RispondiElimina
  21. ...a te la mia buonanotte che ti giunge da un cielo stranamente stellato:-)

    RispondiElimina

  22. bel racconto.....sei brava.
    Un caro saluto e buona giornata
    Lilla

    RispondiElimina
  23. figli di un do minore, anche nipoti di un dio minore-
    eppure nella forza che trasmettono alcuni di questi "parenti" spesso infrequentati, c'è un soffio in più, un respiro che che abbraccai significti e segni.
    Ricordo un libro molto belle "Vedere suoni" di Oliver Sacks-

    RispondiElimina
  24. In quel "era molto di più" c'è la chiave di tutto, che disinnesca la rabbia e apre il cuore alla verità - per quanto un uomo o una donna possa possederla. Un bellissimo frammento di vita da far conoscere. A presto (m.)

    RispondiElimina
  25. Un saluto Sistercesy,  buona serata!

    RispondiElimina
  26. Oggi pioveva e pioveva anche forte, ma non me ne sono accorto...Oggi è stata una bellissima giornata...
    Buonanotte, cara amica:-)

    RispondiElimina
  27. Commossa e rattistata... ma il racconto è belissimo!

    RispondiElimina
  28. Non sono io a farti male....
    Come fermare un fiume in piena?
    Quante lacrime dolce amica....e sempre più mescolate alla felicità di avere incontrato un cuore grande come il tuo....vorrei avere solo un pizzico della tua capacità di amare...

    RispondiElimina
  29. Sfaticata ....quando cambi post??
    mc old.

    RispondiElimina