martedì 27 gennaio 2009

BLA... BLA... BLA.... SOLO CHIACCHERE

chiusura Pictures, Images and Photos

Tanti mi chiedono come mai mi alzo così presto, semplice, porto al pulman Mara.


Alle 7 è ancora buio e le strade sono deserte, ma non sempre, tante volte puoi incontrare chi ha vissuto la notte, e non sempre sono incontri felici.


Ieri pomeriggio quando è arrivata a casa era chiaro e c'era anche un timido sole, ma  l'incontro con il buio c'è stato.


Trafelata e sconvolta è salita in casa raccontandoci di quel ragazzo straniero che da un pò di giorni la segue quando scende dal bus, le prime volte erano solo complimenti e richieste "gentili", ora sono minacce!


La mia piccola non ha mai parlato prima perchè pensa, (ne è ancora convinta) di sapere gestire la cosa, ma ieri la paura è stata grande, quando ha visto la violenza con cui è stata apostrofata.


In questi giorni  si parla moltissimo di violenza sulle donne, stupri avvenuti anche a Brescia, due in pochi giorni, una signora che aspettava il bus, trascinata in un parco,  una ragazza di 19 anni stuprata da tre uomini.


solitude Pictures, Images and Photos

Non voglio gridare all'untore, dico soltanto che Brescia è al secondo posto  in Italia come presenza di persone estracomunitarie, e parlo di quelli censiti con regolare permesso di soggiorno, ma ce ne sono il doppio clandestini!


Brescia è una città ricca (magari oggi un pò meno), piena di piccole fabbriche a conduzione famigliare, infatti la piaga più diffusa è l'abbandono scolastico, i nostri giovani  preferiscono andare a lavorare così da poter avere soldi per i loro divertimenti.


Abbiamo una provincia disseminata di discoteche, purtroppo, e la domenica mattina aprendo i giornali locali sembra un bollettino di guerra, incidenti e patenti ritirate non si contano.


disperazione Pictures, Images and Photos

Ricordiamo  che Brescia è tra le prime città come consumo di cocaina,


ricordiamo che ci sono vere e proprie "bande" adibite allo spaccio.


A Brescia è cosa normale che la polizia giri per le scuole superiori con i cani antidroga come deterrente per i piccoli spacciatori.


Aggiungiamo a questo scenario le tante persone irregolari che gravitano sul territorio, quelle che vivono di microcriminalità, quelli che la donna la vedono solo come un vaso per raccogliere soldi e  sperma, le nostre strade sono piene di ragazze di ogni colore e età, avete focalizzato?


La violenza subita dalla ragazza di Guidonia è su tutti i giornali d'Italia,


ma a Brescia ci siamo già passati e la cosa non ha fatto più di tanto chiasso, ci stiamo abituando anche a questo?


Il 4 dicembre 2008, vicino a Salò, una coppia come tante, 23 anni lei, lui poco più grande, all'improvviso un ragazzo marocchino sfonda il finestrino e con la minaccia di un coltello sale.


Fa guidare il ragazzo fino a un posto isolato e impervio, lo fa scendere e poi fa ripartire l'auto con alla guida la ragazza, giunti in un altro posto altrettanto isolato stupra la ragazza.


Semplicemente cronaca a Brescia.


Non voglio dire che è sempre così, non voglio accusare solo e sempre i soliti stranieri, sarebbe troppo semplicistico, ricordiamo che la stragrande maggioranza di violenze su donne avviene in famiglia.


Violenze che quasi mai vengono denunciate, perchè non si denuncia chi si ama o si è amato.


Ecco è questo che io voglio insegnare a mia figlia, il rispetto di se, sempre, a prescindere dai sentimenti, non deve MAI accettare una violenza in nome dell'amore.


Ma come si fa a insegnare il rispetto verso al prossimo se dall'altra parte non c'è?


Come posso non dirle di stare attenta a tutto?


questa e' una denuncia contro la violenza alle donne Pictures, Images and Photos

A volte mi sembra di essere paranoica ma ho veramente paura, so soltanto che sto spendendo un sacco di soldi con il telefonino per sapere sempre se è protetta, e sicuramente tante mamme sono nella mia medesima situazione.


Al Berlusca sicuramente questa paura non la conosce, lui il carabiniere privato per i suoi figli ce l'ha, e quello che fa rabbia è che è pagato da noi. 


 


 


Ho ricevuto tanti messaggi privati e vi ringrazio, mi sembra doveroso darvi atto di quello che sta succedendo.


Anche l'altro ieri il "tipo" era ad aspettarla, ma stavolta con un motorino, e ha continuato ad insultarla perchè lei  si rifiutava di seguirlo, è riuscita a chiamarmi, sono corsa ma quando mi ha vista è scappato.


Ora abbiamo coinvolto i vigili urbani, da oggi Mara sarà seguita da agenti in borghese, devo premettere che la cosa è fattibile perchè mio marito lavora in municipio e prima di essere forze dell'ordine sono amici.


Siamo fortunati, ma perchè devono esserci sempre due pesi e due misure? Sicuramente se io denunciavo la cosa nessuno si sarebbe mosso se mio marito non era persona conosciuta.


Riguardo ai commenti arrivati che dicono che è sempre stato così.


Non è vero, assolutamente non è vero, io ero ragazza negli anni 70 e mi ricordo che si girava in autostop liberamente, non c'era quel terrore che gira adesso, basta guardare sulle strade, quante persone fanno l'autostop?


Ovviamente non era tutto rosa, convengo, ma si usciva e si andava a ballare, ci si divertiva ma il terrore che c'è adesso non c'era, mia madre non mi ha detto "attenta alle bestie con due gambe"....


scusate...


 


 

51 commenti:

  1. Ciao Cesy, pare che sia il "pegno" da pagare in nome del "progresso". Vita più agiata, più lavoro, (meno interesse per lo studio e la cultura),ricerca di una vita "diversa" irragiungibile. La società è sempre stata violenta, violenta nei confronti dei deboli. Oggi pare una massa gigantesca, ma proporzionalmente alla crescita della popolazione resta la stessa. Prima, tutto restava nel privato, anche le aggressioni fuori casa. Oggi i media diffondono e tutto "pare" si "sappia". Se torno ai tempi miei, le ragazze uscivano in coppia mai sole, questo significa che il pericolo esisteva. Capisco e conosco la tua preoccupazione. Dare fiducia ai nostri figli è l'arma maggiore, controllarli di continuo potrebbe rivelarsi un'arma a doppio taglio. Intanto, nel tuo caso, hai una ragazza che parla e non nasconde...un buon segno. Ti abbraccio, Carla

    RispondiElimina
  2. E' una cosa terribile! E se dovessi trovare una spiegazione credo solo che la colpa è di quello che, in generale, abbiamo perso: Il rispetto!

    Grazie

    RispondiElimina
  3. E' la piaga del 2000, gente di tutte le razze che offendono la libertà delle persone e umiliano l'umanità e questi osceni abusi su ragazze indifese devono finire perchè non è ammissibile che una persona non possa uscire da casa per la paura di cosa possa succedere fuori e ora di finirla con con le pene che fanno ridere, bisogna usare mezzi forti come li usano questi sciacalli.

    Ciao

    Vinicio

    RispondiElimina
  4. Mi piace quello che hai scritto porta una profonda riflessione...butta e scarventa ognuno di noi in una triste realtà che però scorre in questa nostra vita che manca troppo spesso di rispetto e di comprensione e umanità...ti abbraccio forte e grazie di esserci Sun

    RispondiElimina
  5. hai dato parole a quello che tutti vorrebbero dire e che non riescono a farlo

    (e non lasciarla mai sola) (la mara)

    RispondiElimina
  6. capisco la tua preoccupazione,e mi rammarica il vedere che le belve siamo solo noi maschietti, angosciante è anche per la tua piccola Mara, muoversi con la preoccupazione di chissà cosa avrà in mente quel bastardo, l'unica è che si muova in ambienti sempre frequentati da gente, pioppi e melograni non han bisogno di sangue per crescere, ma di attenzione come ai figli.

    RispondiElimina
  7. E poverino il berlusca, lui deve far difendere la sua prole. Poi fa niente se coppie giovani, ragazze giovani vengono massacrate violentate e rovinate per tutta la vita. Per fortuna non è successo nulla a Mara.Ti abbraccio forte forte forte

    RispondiElimina
  8. Non è certo un bel periodo...la violenza è all'ordine del giorno e forse nelle città ove vi è + benessere, come giustamente tu citi Brescia, gira anche + di tutto e di +....

    Però preferisco girare libera che con una guardia del corpo o carabiniere sempre attaccato dietro....anche perchè i figli di B. possono anche essere rapiti!!!


    Io ricordo cmq che questa paura di esser violentate c'era anche quando ero giovane in città... vi erano stati alcuni episodi e io avevo anche frequentato un corso di autodifesa e nn ti parlo di mesi ma parecchi anni addietro!!!!!

    quando tornavo a casa di notte (vivevo sola a quell'epoca...) scendevo dalla auto pure con un ombrello in mano anche se era piena estate e mi guardavo prima di scendere in giro circospetta....non sto a dire che si evitano i pericoli, ma almeno un minimo di cautela quella ci vuole!

    RispondiElimina
  9. Ogni politico che c'è stato non conosce la paura, visto che questo problema c'è sempre stato come molti altri , solo che ora lo pubblicizzano di più, fa audience.

    RispondiElimina
  10. Non è solo brescia.. è tutto il mondo, i dati dicono che sono maggiori le violenze e meno le denuncie..


    Io però dico che c'è troppa voglia di notizia e poca voglia di lottare, sia da parte dei politici che è normale non gliene freghi un piffero di niente, sia da aprte della gente, che per rabbia riesce solo a gridare e fare ancora più violenza.. non dico che sia sbagliato, dico solo che forse... così non otteniamo il risultato sperato. Eh, si... ci sono tante mamme nella tua situazione...


    Un abbraccio..

    RispondiElimina
  11. Mi ritengo fortunata xchè abito in un paesino tranquillo ma ho dentro tanta rabbia per le violenze alle donne apprese in tv in questi giorni. Rabbia xchè, anche se li hanno presi, sai cosa succede? Li tengono dentro per un piccolo periodo di tempo e poi tornano ad essere liberi di riccommettere violenza. A mio parere ci vuole semplicemente la castrazione e non quella chimica che non funziona per nulla.

    Ti abbraccio... Giusy

    RispondiElimina
  12. A mia opinione invece si dovrebbe rasare al suolo l'attuale politica italiana, con annessi dinamiche e sistemi....

    Ma credo che per fare questo non siamo ancora pronti... ancora riusciamo a mangiare!

    RispondiElimina
  13. belle immagini.

    il tutto... da riflettere...

    RispondiElimina
  14. Cosa devo dirti?

    Io di anni ne ho 30 e sono una bella ragazza, spesso torno da Bologna tardi (Bologna vergognosamente in vetta alle classifiche italiane per stupri), ma non posso e non voglio vivere con la paura addosso.

    Quello che andrebbe fatto sarebbe un'educazione vera al rispetto degli altri, ma fino a quando tale rispetto mancherà da parte di chi lo dovrebbe insegnare come si fa?

    Berlusconi riesce a scherzare sopra a questo dramma, lui non lo rispetta, come si può pretendere che lo facciano quelli che da lui sono rappresentati?

    E vogliamo parlare di cosa ti risponde la polizia in caso di denuncia? "se non ha fatto nulla non possiamo intervenire"

    Sono amareggiata e costernata.

    RispondiElimina
  15. Vengono i brividi solo a leggere.....

    Sull'ultima frase non commento, mi vengono in mente solo parolacce!!!

    RispondiElimina
  16. La televisione in questi giorni ha riportato le storie di queste violenze. C'è veramente da avere paura. Nessuno si sente protetto..neanche nella propria casa. La soluzione? Forse non accogliere tutti questi immigrati...sarebbe un passo avanti.

    Non si può continuare a vivere nella paura.

    Un bacio e notte

    RispondiElimina
  17. Mi fa più rabbia chi lo ha votato e ora fa finta di niente!


    Brescia davvero è piena di stranieri, quando ci vado rimango esterrefatto dalla enorme presenza di extracomunitari.


    Buona giornata sister

    RispondiElimina
  18. è un giudizio pesante su una situazione peraltro prevedibile (la ricchezza porta benessere ma anche delinquenza), impossibile non essere preoccupati...ma l'ultima battuta la puoi tranquillamente estendere a tutti, in quanto penso che un anno fa Brescia aveva gli stessi problemi, e Lui non c'era....buona giornata

    RispondiElimina
  19. Una riflessione dolorosa , ma attenta ...

    Dopo le tue parole c'è ben poco da dire il problema che si dovrebbe agire...

    RispondiElimina
  20. Puoi starne certa che io ti capisco alla perfezione ed è vero che c'è tutto un gran bla...bla, in cui ci si perde a fare inutile politica.

    Ieri, mi è capitato casualmente di leggere un bel testo che una blogger ha dedicato alla giornata della memoria. Questo bel testo, per me, è stato abbruttito quando ci si è voluto inserire ideologia politica spicciola, tant'è che veniva fatto un accostamento razziale assolutamente improprio, con l'orrendo stupro avvenuto a Guidonia. Si è approfittato per prendere la palla al balzo, trattandosi di giovani rumeni, per accomunare le grida e la minacce di linciaggio di cittadini esasperati, con il razzismo, mirante alla distruzione di una stirpe, praticato dai nazisti.

    Invece di fare questo genere di politica, si vuole usare il buon senso immune da ideologie e capire che lo stesso atteggiamento i cittadini di Guidonia l'avrebbero avuto anche se gli stupratori fossero stati italiani?...

    Se era il giorno della memoria, la memoria, secondo me, avrebbe dovuto essere rivolta soltanto al popolo ebraico e non inquinarla con la nostra poltica poco costruttiva.

    Così la penso con la mia libera mente e non ho alcun animo di offendere la suscettibilità di alcuno.

    A quella signora, per essere sullo stesso piano dialettico, avrei potuto o potrei chiedere se avrebbe accostato la gente della sua città ai nazisti, se si fosse comportata come quella di Guidonia, nel caso che fosse rimasta coinvolta lei stessa, sua figlia o una congiunta?

    RispondiElimina
  21. Trascino il mio commento dal blog di Gatto.

    Non si può pensare che tutti i delinquenti siano clandestini. Come non si può pensare che tutti gli stupri finiscano sui giornali.

    Non facciamo differenza tra stupratori italiani e stranieri.

    L'Osservatorio sulla legalita' e sui diritti onlus ricorda che secondo i dati ISTAT la violenza sulle donne e' commessa per la maggior parte da uomini italiani.

    Gli extracomunitari, oggi considerati in Italia causa di ogni male, commettono solo uno stupro su tre e la maggior parte delle violenze sessuali sulle donne vengono commessi all'interno della famiglia e non vengono neppure denunciati.

    E poi se uno stupro è commesso da un extracomunitario ci si apre il telegiornale, se lo stesso crimine viene commesso da un italiano magari lo si mette come quarta o quinta notizia.

    Evitiamo generalizzazione.

    Capisco, comunque, la tua preoccupazione.

    Buona giornata;-))))

    RispondiElimina
  22. Non puoi non farlo....in questi giorni riflettevo sullo stesso argomento. Pensarci mi fa paura....mi rendo sempre più conto di quanto sia difficile accettare di lasciar vivere liberamente i nostri figli e me ne renderò conto ancor di più quando cresceranno....ma il compito di un genitore è anche quello di proteggere no?

    RispondiElimina
  23. E' una vergogna che noi donne dobbiamo girare per la strada con la paura di essere aggredite..speriamo si faccia presto qualcosa...

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Non sei paranoica, sei mamma. E sei donna. Conosco la realtà di Brescia perché ci vive il fratello di mia madre, però credimi non è diverso dalle altre parti, il problema riguarda gli extracomunitari ma anche no, certo “questi senza identità”(e non parlo di quelli onesti che lavorano e vivono qui con relativo permesso di soggiorno) sono quelli che non hanno nulla da perdere, sono quelli che scaraventati in un mondo diverso dal loro, non riescono a gestire una realtà alla quale non sono abituati. Ovviamente questo non giustifica, anzi, però mi rendo conto che visto che siamo noi a poter perdere anche tutto, dobbiamo organizzarci. Spray urticante nella borsetta e se le cose peggiorano anche la pistola elettrica… perché, io, all’incolumità fisica e mentale dei miei figli ci tengo.

    Sorrido perché questo stato di polizia non ha cambiato nulla e sei vari ministri del nord decidono di fare qualcosa quei provvedimenti non giungono fin qui. Hai presente la situazione di Lampedusa? E’ un’isola bellissima nella quale trascorro almeno un paio di settimane ogni estate. Conosco tutti o quasi. Bene per quanto disponibili e tolleranti (fra disperati ci capiamo) sinceramente gli autoctoni sono davvero stanchi di fronteggiare orde di clandestini, i quali hanno avuto un ruolo determinante per il crollo del turismo e dello sviluppo dell’isola.

    Se Maroni fosse stato siciliano avrebbe schierato la flotta militare a bloccare gli arrivi… ma se Maroni fosse stato siciliano sarebbe stato molto più simpatico e amabile.

    Ci facciamo giustizia da soli? Perché no….

    Un bacio Cesina

    RispondiElimina
  25. ...Cara amica, sei una persona di grande spessore interiore e di sopraffina intelligenza e lo si denota anche dai profondi ed articolati commenti sullo specifico sociale che ti hanno lasciato numerosi tuoi amici, con i quali ovviamente mi congratulo, perchè li apprezzo molto...

    RispondiElimina
  26. Come mamma comprendo i tuoi timori e ti ammiro per come gestici con equilibrio il tuo ruolo di educatrice.

    Educare alla vita, al rispetto verso gli altri e ad esigere il rispetto che gli altri ci debbono, è difficile, un arduo compito che spetta a noi genitori.


    E' deprecabile la campagna mediatica che punta i riflettori sui casi di stupro e di violenze in cui i carnefici sono extracomunitari...quando il sig. Berlusca si dimentica che le violenze più gravi avvengono tra le mura di casa...


    Prendi il mio commento come uno sfogo, e scusami se sono andata 'fuori tema', ma i nostri figli sono il domani...

    RispondiElimina
  27. ....Anche me tanti mi chiedono come mai io ogni mattina porti a scuola mia figlia ormai 11enne...insomma tutte le sue amiche vanno sole ormai....io so il perchè....l'ho provato sulla mia pelle...e ti dico...fai benissimo....non è non avere fiducia nella maturità dei nostri figli...ma della crudeltà e follia di incontriamo lungo la lunga strada chiamata "vita"...un abbraccio di cuore

    RispondiElimina
  28. Ho già letto Cesy e riporto in qualche modo il commento.

    E' stata fatta molta propaganda pre elettorale sulla questione sicurezza. In verità, penso, oggi ci sia un allarme sociale che non va sottovalutato. E lasciando perdere la questione razziale (non dimentichiamo lo stupro di gruppo avvnuto poco tempo fa x mano di ragazzi italiani) è il governo di questo paese che si deve far carico delle problematiche. E non è certamente confortante un presidente del consiglio che liquida l'argomento con battute da osteria.

    RispondiElimina
  29. Oggi essere genitori è la cosa più difficile del mondo.

    Come fare a proteggere i figli e allo stesso tempo nn trasmettere loro ansie e insicurezze?

    E' davvero una bella sfida.


    Non sono madre, ma condivido il tuo pensiero.


    Mi colpisce soprattutto un aspetto del tuo post: la violenza di cui nessuno parla.

    Vivo in una città dove una rapina finisce al tg nazionale.

    Poi sento notizie ben più gravi che nn escono dalle edizoni locali.

    Sono spaventata più dalla strumentalizzazione delle informazioni che dai fatti in se.

    E mi spaventa xkè mi fa capire quanto marcio possa essere l'uomo per sfruttare episodi così brutali per raggiungere obiettivi da campagna elettorale.

    Perchè si è parlato di Roma e non di Brescia?

    Beh...un'idea la ho...basta ricordare chi è ora il sindaco di Roma e quali erano i punti su cui ha fondato la sua campagna elettorale...

    Che tristezza!

    RispondiElimina
  30. Argomento drammatico, direi tragico in un paese incapace di badare a sè stesso come il nostro. Stranieri o no, è la certezza quasi totale dell'impunità che rende questi animali così arroganti e falsamente coraggiosi.

    Un saluto

    Giorgio

    RispondiElimina
  31. Buongiorno Sister, come stai questa mattina? e mara come sta?

    RispondiElimina
  32. Come non avere paura, io ho sotto casa un simpatico gruppetto che spaccia, passano le pattuglie perchè lo sanno, ma cosa fanno ?niente, forse perchè da quando ci sono loro non avvengono più scippi? visto che tengono sotto controllo la zona ( c'è un sottopassaggio pedonale e non è mai stato sicuro ), pensa che bivcaccano nella ferrovia ( con tanto di poltrone ) . Ormai ci conosciamo benissimo e io fino a quando le mie figliole non sono di sopra, ti dirò, non sono tranquilla, può così parlarte il Berlusca , non vede niente di quello che succede in giro. Un salutissimo Carla

    RispondiElimina
  33. Io penso che qualunque persona che non ha lavoro e che deve arrangiarsi diventa violento e aggressivo e compie atti orribili.Non è certamente una scusante la mia ,ma era per non dare addosso solo agli extracomunitari. Di italiani violenti ne abbiamo a bizzeffe. Ora detto questo, vengo al grave problema che sicuramente affligge noi mamme che sentiamo di questi fatti tutti i giorni e comprendo la tua grande preoccupazione. Non saprei come risolvere il problema,stà di fatto che la situazione ci sfugge di mano e la politica che dovrebbe aiutarci non ci viene incontro anzi il nostro presidente fà anche battutine. Noi genitori così siamo costretti a difendere i nostri figli da soli. Ma possiamo sempre fare i loro angeli custodi? Impossibile! Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. A differenza di altri,non do colpe al governo,perchè allora dovrei darne a tutti quelli che hanno preceduto l'attuale,in particolar modo a chi predica affinchè gli extracomunitari debbano essere accolti a braccia aperte...e ce ne sono!Non sono assolutamente razzista e non potrei esserlo visto che nell'azienda in cui lavoro sono l'80% degli operai,ma credo che anche rilasciare uno stupratore dopo due giorni di carcere,sia indegno.Non penso che persone senza permesso di soggiorno,senza lavoro,senza una casa,abbiano il diritto di stare in Italia e perpretare,reati che rimarranno impuniti,rendendo impossibile la vita a delle mamme come te Cesy.E' ora di finirla con gli ingressi selvaggi:se hai un lavoro resti,altrimenti te ne torni a casa tua!Probabilmente se si spargesse voce in tal senso e l'Italia non fosse più vista come il paese di bengodi,molti ci penserebbero due volte prima di venire a delinquere a casa nostra.Si faccia poi mente locale che in molti dei paesi da cui provengono questi personaggi,la donna è trattata come un animale e,in alcune zone dell'Africa,viene reciso il clitoride affinchè non provino piacere durante l'atto sessuale...non si può pensare che il semplice cambio di frontiera,porti ad un radicale cambiamento degli usi e costumi!Detto questo,sono felice che tua figlia abbia la sua piccola scorta e sono convinto che lo sono tutti gli abitanti di Brescia,anche se a qualcuno verrà il dubbio del "due pesi e due misure".Una serena notte

    RispondiElimina
  35. Fai benissimo ad accompagnare tua figlia: e hai ragione quando dici che negli anni '70 si poteva andare in giro senza problemi, ero ragazza anch'io, allora.

    Mio figlio sarà a Brescia tra 15 gg per una master class, è un armadione, ma penso proprio che starò in pensiero:volevo andarci anch'io, ma sai come sono i figli maschi, non mi vuole tra i piedi. E poi, lui sarebbe a studiare, io in giro da sola...meglio di no, a questo punto. Non che Genova sia un'oasi di tranquillità, eh?

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  36. Riflessioni giuste e importanti, mia cara.

    Caffè?

    RispondiElimina
  37. Buona giornata Cesy...

    Una carezza...

    Anna..

    RispondiElimina
  38. Ho letto commenti da brivido... xenofobi!!

    Sono altre le problematiche: la sicurezza , certezza della pena, integrazione, politica e media. La sicurezza viene utilizzata dalle principali forze politiche per conquistare voti tra i cittadini preoccupati e la vittoria della Lega può essere spiegata, anche, in quest'ottica.

    La storia recente di questo paese è un susseguirsi di campagne d’allarme, sempre più ravvicinate e avvolte di frastuono. Le campane suonano a martello, le parole dei demagoghi appiccano incendi, una nazione coi nervi a fior di pelle risponde a ogni stimolo creando “emergenze” e additando capri espiatori.

    E poi? Odio e sospetto alimentano generalizzazioni: tutti i rumeni sono rom, tutti i rom sono ladri e assassini, tutti i ladri e gli assassini devono essere espulsi dall’Italia. Emergenza che, scorrendo i dati contenuti nel Rapporto sulla Criminalità (1993-2006), non esiste: omicidi e reati sono, oggi, ai livelli più bassi dell’ultimo ventennio, mentre sono in forte crescita i reati commessi tra le pareti domestiche o per ragioni passionali. Succede che è più facile agitare uno spauracchio collettivo (oggi i rumeni, ieri i musulmani, prima ancora gli albanesi..e aggiungerei i calabresi) piuttosto che impegnarsi nelle vere cause del panico e dell’insicurezza sociali causati dai processi di globalizzazione.

    Ha suscitato enorme scandalo il caso del rom ubriaco che ha travolto e ucciso quattro adolescenti ad Appignano del Tronto ed è stato condannato solo a sei anni e sei mesi ( oggi peraltro è agli arresti domiciliari ).Uno scandalo comprensibile. Ma si dovrebbe aggiungere che non si ha notizia di un italiano, fra migliaia di casi, che abbia passato più di una settimana in cella per lo stesso crimine.

    Si invoca la sicurezza, dall'altra si rende impossibile l'applicazione della pena.

    Intanto il nostro governo...Approva il lodo Alfano(Il re di Arcore scamperà alla sentenza Mills) incasinata l´azione del pubblico ministero e di limitare l´uso di uno dei più efficaci mezzi di ricerca delle prove: l´intercettazione.

    Mi fermo….mi viene da piangere!!


    La parola d’ordine è “più impunità per tutti”.

    RispondiElimina
  39. tua figlia è fortunata ad avere tanta premura e tanta presenza da parte dei suoi genitori.

    ed io forse non posso capire per niente come ti senti, o come ci si sente ad uscire di casa sorridenti e non sapere in che stato tornarci..

    nel mio piccolo paesino la gente lascia la chiave alla porta, le ragazzine girano sole la sera, e tanti giovani chiedono l'autostop.

    spero non finisca mai questa situazione, ma sono convintya che presto raggiungerà ogni città del nostro Paese.

    non posso far altro che augurarvi che vada tutto bene e che con i tuoi insegnamenti tua figlia un giorno riesca ad amare ed essere amata senza violenza.

    ti (vi) stringo..

    RispondiElimina
  40. utente anonimo30 gennaio 2009 11:26

    Non ho parole. Anch'io ogni volta che mi ritrovo a passeggiare anche se pur per pochi metri da sola, la sera, ho sempre paura. No, una volta non era così, ma nemmeno quando ero più piccola io...

    Voi siete fortunati ad avere le conoscenze, ma purtroppo non tutti hanno questa possibilità, e quando accadono spesso vengono ignorati.


    Ti/Vi sono vicina.

    Un abbraccio forte, FataZuccher

    RispondiElimina
  41. Sembra una storia da paese sud americano dove persino ai distributori di benzina e nelle cattedrali ci sono soldati armati a vigilare.Lo sanno tutti che fuori delle scuole medie ed elementari ci sono spacciatori di droghe che iniziano gli studenti anche regalando

    pasticche varie.

    I soldati per il rusco a Napoli

    mi va anche bene , ma il "pattume umano" nessuno lo vede?

    Troppi interessi?

    Mia sorella è stata rapinata alle 10 di sera sotto casa mentre saliva in macchina, ha chiamato subito la polizia nemmeno si sono scomodati ad intervenire

    RispondiElimina
  42. Solo chi è mamma può capire. Lasciami dire che non ce la faccio più di extracomunitari. Credetemi non sono razzista ma....

    RispondiElimina
  43. Hai perfettamente ragione si va verso un'inciviltà assurda, per me sono sotto bestie, le bestie conoscono un codice e il più delle volte dimostrano sentimenti più di tanti esseri c.d. umani..

    RispondiElimina
  44. Berlusconi aveva Mangano che dava sempre una mano. Noi umilmente possiamo solo affidarci a colui che non vediamo e confidare sempre nel bene per i nostri cari:)

    RispondiElimina
  45. Spero veramente che tutto si risolva per il meglio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  46. Mi associo al pensiero di Gatta Randagia, purtroppo l'alimentare allarmi e di contro non fare nulla di realistico per combattere la violenza non risolverà certo il problema.

    Anzi, il periodo di crisi nera che si prospetta (la previsione "tetra" per l'Italia del Fondo Monetario) farà di sicuro crescere insicurezza e drammi. Ritengo per altro che il problema della violenza sulle donne (stupri e botte, soprattutto in famiglia) ci sia sempre stato, ma le nonne erano abituate a tacere perchè parlare portava ad altra violenza (basta ricordare certi processi) ma ora se ne parla e le notizie si diffondono (il famoso villaggio globale). Senza contare l'uso distorto delle notizie per "distogliere" il pensiero razionale delle persone sulle cause e sulla mancata ricerca di rimedi adeguati .

    Si può parlare di certezza della pena in un paese in cui la classe politica per difendere sè stessa ha ridotto la giustizia impastoiata ed impotente ed ancora continua a farlo? Perchè ad esempio togliere le intercettazioni anzichè punire (e le leggi ci sono) chi diffonde ad arte notizie riservate?

    RispondiElimina