lunedì 29 giugno 2009

CINZIA 3

d Pictures, Images and Photos

La nostra storia piace, sai Cinzia?


Pochi si sono resi conto che non è una storia ma realtà.


Oppure si, è un racconto di una vita, la tua, la mia la sto ancora scrivendo vivendola, tu no.


Tu, Cinzia, ti sei fermata a 25 anni e sei diventata un foglio scritto solo di nostalgia e ricordi, una storia da raccontare per ricordarmi che anch'io ho avuto 18 anni e tanta tanta fortuna!


Culo dicevi tu, ci volevano le palle per vivere come facevi tu, a volte ti invidiavo, ti guardavo e vedevo tutto quello che io non ero e che avrei voluto essere, almeno per un'ora.


Bella e intelligente, e sempre pronta a buttare all'aria il mondo, io sempre  cauta, ponderavo le cose, le studiavo sotto mille aspetti diversi e poi trovavo il modo di salvare capra e cavoli.


Quante volte mi ci hai mandato a quel paese per questa mia capacità, alla fine il nomignolo di "zia" me lo hai appioppato proprio tu!


Ero la "zia", quella delle menate, quella che ti teneva a discutere per una cazzata, ma era un modo per crescere, per diventare adulte.


Poi che cosa è successo?


Va bene, c'erano le canne, le manifestazioni e i discorsi sulle brigate rosse, ricordi? Angelo veniva giù da Trento con dei ciclostili e noi lo prendavamo in giro, che cretine che eravamo.


Ma poi che è successo?


Lo sai, e anch'io lo so, tutti lo sanno, o almeno quelli che sono riusciti a scappare fuori dal cerchio del Pifferaio matto!


Il Pifferaio matto che tentava tutti, così come il serpente della bibbia tentava Eva.


Lui e la sua mela chiamata eroina.


Come una lunga serpe bianca è entrato nella nostra vita, nella nostra compagnia, raccontava favole per chi era triste o incazzato e a tutti dava la stessa ricetta.


Ho lottato tanto, fino a diventare afona, ma per te lo sono sempre stata, ti incantava il Pifferaio, ti piaceva fare la dannata e maledetta e così ci hai trovato più gusto.


Ti bucavi e ti piaceva, sei sempre stata onesta su questo punto, non hai mai dato la colpa alla famiglia o alla schifosa società, lo facevi perchè ti andava bene così e basta.


Ti guardavo e non ti parlavo nemmeno più, era inutile, eri in un mondo che non capivo e che non volevo, diventavo invisibile oppure eri tu a sparire?


58 commenti:

  1. Erunamo il Maledetto è stato qui....passerò di nuovo a commentare quando avrò meno da fare

    RispondiElimina
  2. Difficile dirlo quando due persone si allontanano ... un carezza a te

    RispondiElimina
  3. Non mi interessa sapere se questa è una storia vera, come in realtà è, oppure di fantasia, perché tu l'hai saputa rendere estremamente viva, tanto che leggendo questo e gli altri capitoli riuscivo a "vederla", a capirla, e a piangere per lei.

    Lei che non cercava false scuse, ma che avrebbe potuto farlo, visto che la mancanza di amore, di empatia, di solidarietà, umana e sociale, è il tratto caratteristico di una società basata sull'egoismo, sull'apparire e non sull'essere, sull'ingordigia di denaro e di potere.

    Spietatamente bello.

    RispondiElimina
  4. Cesy il tuo racconto -verità è veramente toccante, e bellissimo.

    Vedere scivolare via una cara amica per l'eroina senza poter far niente, sentendosi incapaci e inascoltati è una cosa che ti cambia la vita.

    Un'esperienza che apre gli occhi e che fa crescere. Ti sono vicino!

    RispondiElimina
  5. L'ho, da sempre, interpretato e vissuto in questo modo:

    - Cala un sipario nero sulle nostre vite. Anche se ce la faranno...il dolore prodotto in noi che li amiamo non sbiadirà mai. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ...rispetto il dolore, solidarietà e commozione...però, amica mia, per vivere così non ci vogliono palle...anzi, è una fuga per mancanza di palle e purtroppo è il rifugio di chi in certi frangenti della vita non le ha...

    RispondiElimina
  7. Se penso che quando mi fanno l'analisi del sangue svengo o quasi e poi ho una crisi nervosa che mi dà tremito per due ore, mi sembra impossibile che qualcuno si buchi a scopo di sballo. Ma come cavolo si fa?

    RispondiElimina
  8. maledetto pifferaio........

    si maledetto!!!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Cesy, realtà o fantasia non importa, importa quello che si prova leggendo le tue parole, emozione pura.

    Un bacio cara:***

    RispondiElimina
  10. Ciao, sì questa storia è commovente, anzi di piu'...

    Non è questioni di colpe, ma di responsabilità e le responsabilità ci sono, non è "solo" il piacere....

    Un saluto...

    RispondiElimina
  11. fa bene leggerti. meglio non dimenticare quanto sono stato stupido allora.

    ...una lacrima e un sorriso

    ciao

    RispondiElimina
  12. amorina...hai mai pensato di scrivere un libro su cinzia?


    baci bellezza..

    RispondiElimina
  13. Credo che ognuna di noi ha avuto un'amicizia anche grande finita per la morte causata dall'eroina...la mia piu' grande amica amica era arrivata alla fine.. nonce la faceva d uscirne..un giorno apri' la finestra......e anche la nostra grande sincera e vera amicizia volo' insieme a lei...lassu', spero nel posto piu' bello che c'è...

    Io la ricordo sorridendo ancora oggi.

    Ti abbraccio

    Biby

    RispondiElimina
  14. Ho letto anche i post precedenti e ti faccio i complimenti Sister. La storia è purtroppo una delle tante che in quegli anni hanno falciato giovani esistense. In questa c'è tutta la tua sensibilità nel ricordare un'amica. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  15. Che fosse una storia vera si capiva dall'intensità del tuo racconto e,questo,lo rende ancora più triste.Il suo epilogo è quello comune a tanti altri giovani che si lasciano tentare dall'eroina e,purtroppo,(è notizia di oggi)l'età in cui se ne comincia a fare uso si è ulteriormente abbassata.La cosa angosciante è che la fine di Cinzia e di tante altre giovani vite come la sua,non è servita a niente.

    E' un momento sempre intrigante passare da te!E anche estremamente emozionante.Un abbraccio Cesy

    RispondiElimina
  16. Ogni giorno che passa, aggiungiamo una nuova pagina, bella o brutta che sia, al grande libro della nostra vita.


    A te auguro di scrivere una pagina ricca di gioia, serenità e pace…


    E che la storia di oggi abbia per tutti un lieto fine.

    un abbraccio

    Lilla

    RispondiElimina
  17. Quanti pifferai incantatori, ogni compagnia aveva il suo...

    RispondiElimina
  18. Beata te, Cinzia, che ti sei fermata a 25 anni.....età splendida

    RispondiElimina
  19. Siamo circondati da pifferai matti, purtroppo. Mi emozioni sempre Cesy.

    Un abbraccione :-)

    RispondiElimina
  20. Buongiorno sister!

    Ma che mascalzonata è la vita...

    RispondiElimina
  21. La mia Cinzia era Jacopo. Piango ho gli occhi pieni e non so darmi pace forse evrei dovuto........................

    F.

    RispondiElimina
  22. un saluto ciao a presto sempre piu interessanti i tuoi post ciao

    RispondiElimina
  23. Brividi sulla pelle e sul cuore...

    Ti abbraccio e ti lascio una carezza ed un sorriso!

    RispondiElimina
  24. La droga ha il potere di cancellare in un attimo tutto ciò che ti circonda per renderla unica e sola proagonista. E' brutto dirlo, lo so, ma ognuno sceglie il proprio destino.


    un bacio


    Rue

    RispondiElimina
  25. buona giornata Cesy, a te e alla tua tribù...:)

    RispondiElimina
  26. grazie per la votazione di fiona ,..l'immagine del tuo blog e 'fantastica

    RispondiElimina
  27. Sono un pò in anticipo ma domani sono impegnata con alcune visite in ospedale, quindi ti auguro di passare un sereno e felice fine settimana, ciao Carla

    RispondiElimina
  28. Il Pifferaio Matto, che matto non è, sa fare bene il suo lavoro: sa tentare, sa incantare, sa ammaliare, sa stregare, sa far credere di avere la ricetta per star bene.

    E quando qualcuno cade nell'oblio della sua musica, nonostante abbia vicino chi cerca di scuoterlo, di svegliarlo dallo stato di sonnambulismo in cui si trova, vuol dire che ci voleva prorpio cadere.

    Hai detto bene: non dava la colpa a nessuno, se non a se stessa; era quello che voleva, e niente e nessuno avrebbe potuto distoglierla.

    Lasciala andare, la storia che stai scrivendo è tanto bella quanto tremenda, forse ti serve per esorcizzare il fantasma che ti porti appresso ma, e se mi sbaglio ti chiedo scusa, ho l'impressione che tu ti senta in colpa per non averla saputa salvare.

    Ma era impossibile, era troppo determinata.

    Lasciala andare e perdonala, se vuoi perdonare te stessa.

    Scusa se sono stata invadente,

    un abbraccio.

    Giusy

    RispondiElimina
  29. ...con un sorriso ti regalo la serenità che stasera corre nell'anima mia. Buonanotte, mia cara amica...

    RispondiElimina
  30. Sono passata leggere il seguito.

    Buon fine settimana cara amica

    RispondiElimina
  31. Una storia intrisa di tristezza che fa piangere e tremare il cuore... è una storia di una realtà vera...

    Ti abbraccio forte amica mia*

    TVB

    RispondiElimina
  32. Cara Cinzia, una cosa vorrei dirti ora che non ci sei più o chissà dove, l'inferno avrà sempre il suo riscatto, niente avviene a caso, tu non sei un numero, ma una mente fragile, di cui è facile trarne l'inganno, ma tu resterai, per sempre, un'anima pura, Alberto

    RispondiElimina
  33. un bacino sister..si avvicina il week end quindi ti volevo salutare.


    anna*

    RispondiElimina
  34. caro bacio..

    tenero abbraccio..

    F.

    RispondiElimina
  35. buon fine settimana ciao carissima

    RispondiElimina
  36. Cara Cesy, ti voglio bene sai? e non scherzo, venirti a trovare è stata una piacevole carrellata di vita veramente vissuta fino all'ultimo midollo osseo, e fa piacere leggerti pagine da sorella maggiore, un abbraccio, Alberto

    RispondiElimina
  37. Ti auguro un sereno fine settimana.

    A presto. ♥

    RispondiElimina
  38. Molto bello qui :)

    Un soffio.

    eL3cTr4

    RispondiElimina
  39. sei profondissima...complimenti sono incantato, davvero!

    è un piacere consocerti

    RispondiElimina

  40. (sempre qualcuno, nella nostra vita, che non si è riusciti a trattenere...)

    RispondiElimina
  41. scusa la mia latitanza..ma sono presa con le partenze per l'abruzzo come volontaria C.R.I e le mie vicessitudini,non riesco ad essere presente...mi sto cercando..

    RispondiElimina
  42. Un caro saluto Cesy:***

    Buon inizio settimana:))))))

    RispondiElimina
  43. Classica era di "buchi"....Ne ho visti tanti sparire, entrare in un mondo solo loro...vivere per un grammo di "malefica estati".

    Commovente!

    RispondiElimina
  44. solo tanta commozione...non ho altro da aggiungere, sarebbero solo parole...un abbraccio

    RispondiElimina
  45. I Pifferai malefici ci sono sempre stati e sempre ci saranno, il loro canto è melodioso, difficile sfuggire alla tentazione.

    RispondiElimina
  46. Domattina ti porterò il caffè :-)

    RispondiElimina
  47. Quando vediamo una persona a cui vogliamo un bene dell'anima desiderare solo di perdersi e cadere nell'oblio o lottimao o ci voltiamo dall'altra parte. Lottiamo fino all'ultimo, fino a quando non vediamo che l'unica cosa che possiamo fare e accettare la scelta altrui, impotentie afflittedel nostro fallimento. Per rimanerci male tutta la vita. Quante volte l'ho pensato...


    Ma siccome per me è un momento sereno voglio condividere un po' di polvere stellata anche con te, perchè sei sempre tanto dolce e hai un cuore grande come l'universo! :*

    RispondiElimina
  48. Buona settimana, qua all'insegna dei temporali violenti, un salutissimo Carla

    RispondiElimina
  49. buona giornata, spero non troppo assolata ma fresca...

    RispondiElimina