giovedì 22 aprile 2010

SENZA TITOLO

Fantasy Pictures, Images and Photos Oggi ho dovuto decidermi, facendomi violenza ho aperto l'armadio.
Non so tu, amico mio, non so se hai mai provato quel dolore straziante
Quel dolore che ti inchioda davanti a una vita persa.
Quel dover per forza mettere a "posto" il vuoto che qualcuno ha lasciato.
Mi spiace, lo so, sono ripetitiva, oggi ho capito che sono troppo ripiegata su me stessa.
Sicuramente è stato il tuo messaggio a scuotermi, ogni mia certezza è volata via.
Non ho più certezze, da 5 mesi mi lascio vivere, il che è diverso dal vivere, lo capisci, vero?
Mi sono ritrovata a dire un mantra e nel medesimo attimo che lo pronunciavo sapevo che era tutta una farsa.
Tutto, tutto quello che io volevo, tutto quello in cui io credevo in un attimo non c'era, non c'è più.
Che senso ha continuare a respirare?
Che senso ha camminare se non sento un eco di passi accanto a me?
Passi che ho creato, passi che ho guidato, passi che si trasformavano in una gaia corsa finendo nelle mie braccia?
Che senso ha stare davanti a un armadio cercando un profumo che ben conosco?
Un profumo mescolato al freddo niente e che sta svanendo, non così il mio dolore.
Pensavo che il tempo mi fosse amico, ho aspettato, ho girato alla larga dall'armadio, ho aspettato e ancora aspettato.
Ma ho visto che bastava una parola, uno sguardo e il tutto ricominciava.
Da raccogliermi con il cucchiaino come ti ho scritto.
Non so nemmeno il perchè scrivo, mi sento così piccola e inutile, forse perchè mi sento in colpa.
Sicuramente ho fatto mille e mille sbagli e questo non giustifica nulla, anzi, dovrei essere più forte e sbagliare meno.
Ma come vedi non ho imparato nulla, resto sempre e solo un cuore aperto, non chiedo niente, non ho mai chiesto sconti a nessuno.
So che davanti a un armadio pieno di vestiti e di ricordi ci dovremo confrontare tutti, chiedo solo un attimo di silenzio e di comprensione.
Fa niente se le nostre strade si divideranno, fa niente se resterà il rimpianto di una mai sentita risata, fa niente se nemmeno le lacrime ci uniranno nel leggere questa frase, per me resterai sempre il mio Fratellino.
Scusami, ho sbagliato permettimi un abbraccio grande,
con stima,
Cesy

31 commenti:

  1. Mi si stringe il cuore...

    Ti abbraccio forte sister

    RispondiElimina
  2. Non ho parole. Ti lascio un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. sei sempre fantastica..i tuoi post ti inchiodano

    RispondiElimina
  4. sbagliamo tutti...ma pochi sanno accorgersene..tu hai quel qualcosa in più che ti permette di guardarti con onestà...è da ammirare.

    un caro saluto

    RispondiElimina
  5. dolorosamente onesta, ti fa onore.

    RispondiElimina

  6. Aprire l'armadio dei ricordi è una cosa che andrebbe fatta da tutti, ogni tanto.Ricordare, lontano dall'enfasi di un momento, può servire a capire tante cose e, come hai fatto, a chiedere scusa dei nostri comportamenti.Non importa se le scuse rimarranno inascoltate, l'importante è porgerle, capire dove e perchè si è sbagliato.Assumere la consapevolezza di un errore è l'unico modo per non commetterlo ancora.E sono sicuro che a te non capiterà più!
    E' veramente bello leggere quello che scrivi e il modo!Un abbraccio e un sorriso, per scacciare quelle lacrime e per rendere sereno il fine settimana.

    RispondiElimina

  7. Come ti capisco...quante volte mi si è lacerato il cuore davanti all'armadio dei miei genitori! Tanti vestiti belli, eleganti, che non avrebbero indossato mai più, se non per l'ultimo viaggio...
    E poi togliere i vestiti di mio padre, accarezzarli uno ad uno, ricordare tutte le volte che li aveva indossati, per un'occasione o per l'altra...e poi ancora vedere i vestiti belli di mia madre, che non indosserà mai più perchè ormai anche lei non esce più di casa, le gonne, le camicette che si era confezionata lei stessa,  le tovaglie fatte a mano, i copriletti ricamati, le tendine...tanto lavoro prodotto dalle sue mani d'oro e che ora non ricorda più di aver fatto...che strazio!
    Ti capisco e ti abbraccio!

    RispondiElimina
  8. ...si guardano...si toccano gli abiti bagnati dai ricordi, dalla nostalgia...
    un tuffo tra parole mai dette e sorrisi che sono rimasti sul treno che fugge via...

    Commovente e molto triste...

    RispondiElimina
  9. L'esistenza è difficile e ci impone di continuare il cammino lasciandoci alle spalle le persone care. E' doloroso aprire l'armadio dei ricordi, ma essi sono l'unico contatto con coloro che non ci sono più. Chi va, entra nel luogo della pace, per chi resta la vita è un lotta intrisa di rievocazioni. Macerarsi non aiuta a trovare la forza per proseguire il cammino, chi non c'è più vive in una dimensione il cui metro di giudizio è diverso dal nostro.
    Forza cara, ti lascio un abbraccio per un sereno giorno.
    annamaria  

    RispondiElimina
  10. utente anonimo24 aprile 2010 11:29

    da che parte si comincia qui.....?
    difficile articolare un pensiero su un sentimento così importante....
    altrettanto difficile leggere il post facendo finta di nulla...non lasciare tracccia.....

    il distacco , l'abbandono,
    gli armadi pieni
    gli armadi vuoti
    ma anche gli armadi da riempire di nuovo....
    ri-partire altrimenti che ci rimane...?
    ingoiare o trascendere la forma umana....
    ed il trascendere è prerogativa metafisica ancora lontana da noi

    come si dice in questi casi in forma più o meno consapevole....

    " se Dio avesse voluto che  noi vivessimo nel passato ci avrebbe posto gli occhi sulla nuca anzichè sulla fronte"

    non ci rimane che con-dividere i nostri limiti 
    e con tutti i miei limiti umani ti sono vcino con-dividendo
    questo aspetto della nosra esistenza

    ti abbraccio

    ENTRONAUTA




    RispondiElimina

  11. L'unica cosa che mi sento di fare è darti un grosso abbraccio carico di positività, che possa darti la forza di andare avanti nonostante questi dolorosi momenti.
    Ti abbraccio. FOrte.
    :*******

    RispondiElimina
  12. per quanto possa essere doloroso, sto capitolo dovrai chiuderlo in un senso o nell'altro; il tenerlo in sospeso fa solo muffa e alla lunga qualcosa va amputato

    RispondiElimina
  13. Un abbraccio che ti faccia compagnia e ti sia di conforto.
    Buona domenica a te.

    RispondiElimina
  14. Commovente, purtroppo i ricordi non fanno bene,ma male.
    Pero la vita dice di tirare avanti.
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Ma io mi inchino dinnanzi a queste profonde riflessioni!
    Ti ringrazio per averle condiviso con noi, carissima...
    Serena giornata...
    Ros

    RispondiElimina
  16. ....soltanto un abbraccio...
    Graziella

    RispondiElimina
  17. Il tempo ti sarà amico, credimi.
    Io ci sono passata.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Il tempo cura le ferite, resterà qualche segno ma non potrà fare più male quanto una ferita appena aperta. Bisogna saper convivere con il dolore e saper dire a noi stessi che la vita va avanti, che non è fatta solamente di dolore, ma di gioia, amore, serenità.. Cose che ti auguro!
    Un sorriso..

    @@@ Sliverock @@@

    RispondiElimina


  19. Carissima Cesy 

    Non ti fare colpe, gli sbagli servono per imparare e andare avanti.

    Con l'arrivo della primavera cambiamo gli armadi e cambiamo pelle.

    Un saluto affettuoso.

    RispondiElimina
  20. raccogli i tuoi ricordi e fanne il tuo tesoro prezioso ... chi non sbaglia ascoltando il cuore? Non c'è rimedio per chi non sa fare a meno d'amare e questo tipo di esami non finiscono mai, neanche per una come me che all'apparenza ha tutto chiaro nel proprio cuore ... ci vuole coraggio e capacità di amare anche un po' se stessi oltre che gli altri. Egoismo? No cara, talvolta è indispensabile "sopravvivere". Che il sole ritorni a splendere nel tuo cuore. Un bacio.
    Licia

    RispondiElimina
  21. Cesy, cosa posso dire? L'armadio dei ricordi, una volta aperto, è difficile da richiudere, ma i ricordi, anche quelli dei nostri errori, ci illuminano la strada..Ti stringo forte, amica mia, coraggio.

    RispondiElimina
  22. Buona giornata sister...

    Un sorriso

    RispondiElimina

  23. Ciò che ci è caro non si perde mai. Rimane con noi sempre.  E' un distacco fisico, di carne e di corpo, ma esiste l'unione nella nostra mente. E' difficile, difficilissimo accettare questo concetto, ma così deve essere, perchè solo così continuerai a vivere. Perchè se una vita te l'hanno portata via, la tua non va buttata via. Vivi nel ricordo, nella gioia che ti ha dato.

    RispondiElimina
  24. mi ci è voluto un pò

    non sei la sola cui capita di sbagliare

    ma non sei sola.

    non più.

    GB

    RispondiElimina
  25. Buongiorno sister... Festeggiato adeguatamente?

    RispondiElimina
  26. utente anonimo1 maggio 2010 22:39


    BISOGNAVA PENSARCI PRIMA NN PIANGERE ORA CHE E' TROPPO TARDI... MA POI SARANNO LACRIME SINCERE???

    RispondiElimina