martedì 24 marzo 2009

UNA ROSA

the Rose Pictures, Images and Photos

Chi come me ha lavorato in un ospedale sa che è un mondo a se, un paese nel quale si vive e si convivono tante situazioni.


Tante storie di umanità sofferente ma anche di normalità fatta di amicizia e si, anche d'amore.


Sembra strano ma più si conosce il dolore più ci innamoriamo, il curare persone aiuta a capire la vita e il suo valore.


Non sempre le scelte altrui ci sembrano giuste, ma naturalmente non possiamo farci niente.


Non possiamo dire brava a una mamma che abbandona suo figlio sieropositivo, non possiamo neanche dirlo in giro, c'è il segreto professionale.


Ma tra le corsie la notizia gira, lasciato in ostetricia come se fosse stato un mazzo di rose.


Si, rose con tante spine....


Antonio a volte mi chiamava per aiutarlo, lui era l'uomo "dell'elettroencefalo", dovevo solo tenere ferme le teste dei pazienti molto nervosi, cercare di calmarli.


Quella mattina mi ritrovai davanti a una culla di vetro, eccolo il bimbo abbandonato, ormai grande, 3 mesi e un musetto tristissimo!


Dovevo prenderlo in braccio, così Antonio riusciva a imprigionargli la testolina nella selva di tubicini di gomma per effettuare l'esame, uno scricciolo, ricordo ancora la sua paura.


Ma una paura strana, lo sentivo teso, ma nello stesso tempo si avvicinava alla mia mano che lo accarezzava e non piangeva, solo gli occhi erano spenti, senza curiosità.


Sembrava che già sapesse tutto della vita, la sua di vita...


Chissà che fine avrà fatto, nato come una rosa con troppe spine, nessuno si è curato di lui, come una rosa difettosa è stato buttato via...


53 commenti:

  1. Io che ho lavorato in corsia Ti capisco...

    Notte sister

    RispondiElimina
  2. io ho aperto il mio blog quando, poco più di 2 anni fa mi operai di una seppur banale colicistectomia.... ospedale di Bollate, uno dei più sgalfi della Lombardia, ma con una equipe molto preparata, dal primario che mi operò all'ultimo degli infermieri....

    fu una esperienza "bella", per quanto possa essere bello andare in ospedale, perchè ti fa ta capire tantissime cose....

    RispondiElimina
  3. .....per risponderti ho dovuto trattenere il respiro....spesso i bambini abbandonati si lasciano morire. Il contatto fisico, una voce che sussurra loro valgono quanto le poppate....perchè non affidarli nell'immediato, un mistero. Più crescono (se ce la faranno) e più non verranno scelti. Ti mando un grande abbraccio

    RispondiElimina
  4. Storia infinitamente triste.... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Io non potrei mai fare un lavoro come il tuo....come si fa a lasciarsi trafiggere l'anima...rimanendo impotenti di fronte alla sofferenza, alla morte, al dolore....

    Si lo so, puoi fare molto, puoi donare sorrisi, cure e carezze...ma quel bimbo forse avresti voluto portarlo via con te...ma non si può fare...

    Sei stupenda....

    RispondiElimina
  6. povera creatura. l'amore ricevuto dalla mamma è la porta ad una vita felice...

    un abbraccio sister

    RispondiElimina
  7. Racconti con tanta sensibilità il tuo percorso attraverso il dolore altrui...che poi diviene in qualche modo anche tuo...perchè sei come sei...autentica...vera... e generosa di bei sentimenti...

    E questo post lo dimostra ancora una volta..

    Ciao cara...a presto...

    Anto...

    RispondiElimina
  8. Credo che per quanto uno si sforzi non si riesce ad abituarsi al dolore altrui,anche se ci si è a contatto tutti i giorni.Si può vestire una maschera per celare il proprio quanto più possibile,ma non si può far finta di niente,mai!Quelle espressioni,quella silente richiesta d'aiuto,ci accompagnano fino a casa e anche dopo.Il drammatico è la certezza di poter fare veramente poco in certe situazioni.Tu ce le racconti con garbo,quasi ad esorcizzarle,ma si avverte la tua sofferenza,ugualmente.Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Piccola Creatura ... spero abbia trovato qualcuno dotato del giusto amore per farlo sbocciare...

    RispondiElimina
  10. stare vicino agli ammalati fa crescere tanto...io ne so qualcosa

    RispondiElimina
  11. Il dolore o chiude le porte o le spalanca: a te le ha aperte.Penso a quel povero piccolo: penso anch'io, che fine avrà fatto? Non mi sento di giudicare chi avrà avuto sicuramente i suoi motivi, ma io non lo avrei abbandonato. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Buongiorno sister un sorrisone per Te

    RispondiElimina
  13. Fai un lavoro molto importante e pieno di responsabilita e vedi tutti i giorni cose brutte, purtroppo le cose brutte sono maggiori delle belle, ma, quelle belle danno tanta soddisfazione el a forza di continuare.

    Con affetto

    Vinicio

    RispondiElimina
  14. Tragedie immani, ma mi raccomando non usate il preservativo...Redcats

    RispondiElimina
  15. non puoi sapere quanto quello che hai scritto tocchi il mio cuore nel profondo

    piango per il mio dolore e per quello di tutti i mazzi di rose gettati via

    RispondiElimina
  16. Quanto mi fa' male leggere questo...

    Non commento...soltanto un abbraccio sincero e pieno di affetto

    Biby

    RispondiElimina
  17. Buona giornata cara:)))

    Un sorriso e un pensiero per te, sperando che ti arrivi:))))

    RispondiElimina
  18. E' toccante, sconvolgente, questo racconto; che, purtroppo non è fantasia di uno scrittore, ma realtà sconcertanti della vita. Quanto doloroso sia lavorare in ospedale, quando ci si ombatte in simili circostanze. Bisogna saper donare amore e compassione. Ti abbraccio e ti ammiro. Ciaooooooooooooooo....Bruna

    RispondiElimina
  19. ammirevole il tuo lavoro....baciottissimo :-)))) Bebuccia

    RispondiElimina
  20. Si resta senza parole quando di leggono cose del genere... e tutto ti circonda come un alone di infinita tristezza.... anche se in fondo in fondo sento un vulcano di rabbia che potrebbe esplodere.. non dovrebbero mai succedere cose come questa... :(

    RispondiElimina
  21. In questi ultimi giorni ho vissuto anch'io, un esperienza amara in ospedale e anche se non ho mai lavorato in quell'ambiente capisco a cosa ti riferisci.

    Bel post, sempre molto intenso!

    ciao Anna

    RispondiElimina
  22. buongiorno e buon inizio di week end..

    RispondiElimina
  23. Buon WE cara:))))

    Stupenda mamma gatta e i micioli e il cagnoletto!!!:))))))))

    Smackkkkkkkkkk!:))))))))))))))

    RispondiElimina
  24. Mia moglie lavora in ospedale, ti potrebbe capire.

    Io non so se ce la farei...

    Buon fine settimana anche a te!

    RispondiElimina
  25. Non posso pensare che abbia fatto una brutta fine, certamente qualcuno si è preso cura di lui.

    Forse sono troppo ottimista, ma il mondo a volte è meno brutto di quanto lo si dipinge.

    Un abbraccio e buon fine settimana Lucia

    RispondiElimina
  26. felice giornata a te e alla tua truppa pelosa :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  27. lascio un bacio anima bella...buon fine settimana!

    RispondiElimina
  28. Tristissimo, purtroppo troppe rose vengono buttate nel fango, sereno fine settimana, ciao Carla

    RispondiElimina
  29. Gli errori più tragici vengono sempre sbattuti sulle spalle dei più deboli ed indifesi.

    RispondiElimina
  30. Adorabile la foto che mi ha lasciato :)))))

    RispondiElimina
  31. bel blog mi piace complimenti :)

    RispondiElimina
  32. Avrà sicuramente trovato braccia piene d'amore che si saranno prese cura di lui...ma nel cuore porta chi nei momenti più bui gli ha donato un po' di calore e uno sguardo carico di amore e pietà(nell'accezione altruistica del termine).

    RispondiElimina
  33. pagano sempre i più deboli...qui sulla Terra...buon weekend Cesy

    RispondiElimina
  34. Buon WE splendore!;)

    Un bacio a te e a tutti gli animaletti miei preferiti:***

    RispondiElimina
  35. bambini abbandonati e maltrattati dagli stessi genitori, i bambini che crescono senza affetto ed educazione..quanti sono!!Che tristezza!

    piccoli fiori spezzati.

    Un bacione cara Sister

    RispondiElimina
  36. leggo sempre con interesse le tue esperienze di vita e spesso mi ci ritrovo anche se indirettamente...


    volevo dirti che sia in casalinga che in alter ego vi sono dei premi per tutti gli amici, io lascio libera scelta....ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  37. ahhhhhhhhhhhhhh! ho visto la foto dei cuccioli da shantyyyyyyyyy che belliiiiiiiiiiiiiiii

    ma tu li distingui????da stropiccio!!!

    RispondiElimina
  38. ;-) sempre mammagiò dalla parte dei suoi cuccioli ;-) (tanti, tanti...)

    RispondiElimina
  39. In una sera triste di pioggia, mi offri un Chivas?

    RispondiElimina
  40. Tu racconti storie di vita. E spesso, non sono storie felici. La vita è drammatica Cesy. Ero venuta per leggere un post. Ma non lo trovo.

    Ti lascio un abbraccio grande...

    Perdonami se scrivo cose che involontariamente possono causarti dispiacere.

    RispondiElimina
  41. cara cesy come giustamente hai già detto tu solo le persone che hanno lavorato a stretto contatto con la sofferenza anche altrui riescono a percepire certe sfumature della vita, tu sei come sempre una persona con il cuore che vibra alla semplice brezza del vento, sei una persona che sà guardare la vita.

    ti lascio un forte abbraccio ed un bacio immenso.

    RispondiElimina
  42. Buona Domenica sotto ad un diluvio!!! Uffff!!! :DDD

    Bacini a te e ai micioli, chissà come saranno cresciuti!!!!:))))))

    Smackkkkkkkkkkkkkkk!

    RispondiElimina