giovedì 19 marzo 2009

UN DOLORE

Angoscia Pictures, Images and Photos


..... è tutto il giorno che ti penso,



ormai sono 22 anni, tanti, ma se mi guardo dentro sono attimi.



A volte ti sogno, situazioni strane, immagini così reali che al risveglio mi trovo a domandarmi qual'è la realtà, sono io fuori dal tempo o sei tu che sei volata oltre?



Domande non me ne faccio più, troppo è stato il dolore per accompagnarti lungo il tuo e mio calvario, vederti attraverso quel monitor, sapere cosa stava accadendo e cercare di proteggere ancora qualcuno, basta!



Il 19 marzo, una giornata per i  papà.



Si, bella festa quel pomeriggio di 22 anni fa, io che gli auguri non lì avevo fatti a papà, quando lui mi ha chiamato mi aspettavo un rimprovero, avrei voluto mille e mille rimproveri, non quel suo grido di aiuto, non quel suo singhiozzo chiuso in gola!



Sono stati giorni passanti con la lentezza del sogno, attimo dopo attimo a cercare un perchè o la ragione del perchè, credere di potersi svegliare per continuare a vivere senza quell'orribile dolore che non ci faceva respiarare.



Stare in ospedale da sola, sempre, mamma e papà avevano abdicato, ero con te anche se c'era un muro a dividerci, ma so che tu sapevi che io non ti mollavo!



Sapevi che mi dannavo, che correvo a cercare le ultime tue notizie,



maledetto quel medico che quella mattina alle mie domande mi ha risposto dicendomi che ancora non conoscevo le regole, me le avrebbe dette a suo tempo.



Le regole della prima rianimazione me le ha dette stravaccato su una poltrona davanti al monitor dove tu apparivi quasi sospesa in aria,



ti avrei vista due volte al giorno sul monitor, eri una malata "critica",



e  " il bollettino è finito, vada in pace"... maledetto, se era tua figlia che avresti fatto?



E se era tua sorella?



Avresti pregato il cielo e anche il mare?



Avresti girato come  come un idiota per i corridoi dell'ospedale cercando una chiesa per barattare con qualsiasi dio la sua vita?



Avresti finito per stare male in ogni posto tu stavi, tranne che in quella maledetta e inutile stanza dalle assurde poltrone di pelle verde?



Avresti guardato le altre persone uguali a te nel dolore come parte di te?



Avresti gioito se c'era un miglioramento con loro se un figlio o un fratello migliorava?



Avresti pianto se se ne andavano dietro a una barella dove la morte aveva vinto?



Non ho mai odiato nessuno, ma te si, magari solo per un attimo ma ti ho odiato e desiderato che fossi tu in quel letto a pezzi!!



Non ci si deve mai abituare al proprio lavoro, specialmente al tuo, non si deve lasciare il cuore a casa, una ragazza di 26 anni merita rispetto e umiltà.



Sono stati 10 giorni di calvario, poi tutto è finito, finalmente hai smesso di lottare, mi hai lasciato il compito più brutto, avvisare la mamma e il papà.



Ho solo un ricordo su tutto, quella domenica mattina sono arrivata  a casa, era prestissimo non c'è stato bisogno di parlare, l'unico grido che ricordo è stato quello di una vicina rivolto verso la mamma,



donna.... donna.... donna....



in quel grido c'era tutto il dolore del mondo di noi donne,



noi che facciamo i figli, noi che li vediamo morire, noi che moriamo con loro!

61 commenti:

  1. Intensa e malinconica....

    molto bella....

    un saluto..e spero venga a trovarmi

    Ramsey

    RispondiElimina
  2. Lascio qui il mio inutile abbraccio.

    RispondiElimina
  3. un piccolo dono ti aspetta nel mio blog....


    SCUSA SE VADO CON IL COPIA E INCOLLA...

    non è cattiveria o pigrizia, è che sono cotta....

    un bacione e dolce notte...

    RispondiElimina
  4. Bello e terribile...


    Un salutone sister

    RispondiElimina
  5. emozionante e straziante......

    Lo sai che ti voglio bene, vero?

    :)

    RispondiElimina
  6. passato per augurarti buon fine settimana ciao.

    RispondiElimina
  7. ...il mio abbraccio per te.

    RispondiElimina
  8. Ricordi strazianti.

    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  9. Davanti a questo tuo post, mi commuovo e ne percepisco l' atroce dolore.

    Davanti a questo, tutti gli altri problemi o dolori, sembrano ...cazzate .

    Ti auguro un sereno fine settimana

    Ezio

    RispondiElimina
  10. Cara Gesi, volevo augurarti un buon fine settimana, ho letto il tuo post. E' straziante! Maledetti coloro che non rispettano la vita, e i sentimenti.

    Anche mia madre è morta 22 anni fa, in febbraio. Altra storia, altre circostanze, ma la nostalgia di lei a volte mi fa soffrire ancora. Ti abbraccio e ti ringrazio della tua visita. Ti mando un amichevole abbraccio. Bruna.. Ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  11. Possno passare 100 anni, ma alcuni momenti della nostra vita non si cancelleranno mai, anche se cerchiamo di dimenticare, ti auguro un sereno fine settimana, ciao Carla

    RispondiElimina
  12. Dolorosa e sincera, sentimenti che tracimano senza filtri, e tu. La sofferenza non si cancella mai.

    Ciao

    *danj


    p.s. fantastica e ben poco convenzionale la scelta di Gaber, complimenti! :-)

    RispondiElimina
  13. davanti ad un dolore del genere mi sento piccola ed egoista

    RispondiElimina
  14. riesci e raddrizzare i pori, perchè se pur così cruenti, è realtà... e chi c'è passato riesce a raccontarla...

    ciao sorellina...buon week-end

    RispondiElimina
  15. Buon fine settimana Cesy!

    Cosa dire? megio nulla!!!

    I dolori fanno parte di noi!

    RispondiElimina
  16. Straziante. Io ho provato questi dolori, e perciò ti sento più che mai vicina.

    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
  17. torno quando smetto di pianger....

    RispondiElimina
  18. per quel che vale, ti abbraccio Sister...di più non posso fare.

    ti auguro un sereno fine settimana

    RispondiElimina
  19. ...Ho letto quanto hai scritto...una, due, tre volte di seguito...

    ...Ho gli occhi bagnati...

    Non riesco a commentare...non ce la faccio...

    Ti consegno il mio cuore, aprilo e leggi...c'è tutto scritto...

    RispondiElimina
  20. Solitamente non ci sono parole per descrivere un dolore così grande.Tu ci sei riuscita benissimo!!Come spesso accade,venire in casa tua ti fa sentire partecipe della realtà,con le sue gioie,i suoi colori,ma anche i suoi dolori.E' straziante quello che scrivi,ma grazie di renderci partecipi,in modo cosi forte,del tuo sentire.Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. BUon giorno Cesy mia:)))

    Buon primo giorno di Primavera:)

    :***

    RispondiElimina
  22. ciao dolce sister, spero che dividere con noi questi ricordi possa darti conforto e un poco di sollievo, non sei sola, ma in un abbraccio fatto di mille braccia, in mezzo a tutti noi che ti teniamo stretta stretta.

    RispondiElimina
  23. Un'altra pagina tratta dalla tua memoria:stavolta non è un momento sereno. Stavolta leggo una tragedia, leggo la fine di una sorella e il dolore che ti è rimasto nella pelle.

    Un'esperienza che segna come un marchio. Non oso pensare ai tuoi genitori e a quello che hanno passato. E' contronatura perdere un figlio. Un dolore troppo grande da reggere. Un abbraccio cara Cesy.

    ps: non essere triste. Ti prego.

    RispondiElimina
  24. ...avevo già letto ieri. Non ho voluto intervenire per pudore. Sono dolori tremendi e credo mai dimenticabili. Un abbraccio, Carla

    RispondiElimina
  25. Ti assicuro che non ci si abitua mai al proprio lavoro che ti porta in mezzo alla sofferenza degli altri,ma alla fine il carico di dolore che ti porti dietro,giorno dopo giorno finisce per piegarti,ti spezza dentro.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  26. fa male a me leggere....non oso immaginare a chi lo vive in prima persona quanto possa farne

    RispondiElimina
  27. Non ci sono parole per descrivere un dolore,

    ma tu ci sei riuscita.

    Buona serata

    Lucia

    RispondiElimina
  28. un abbraccio....certi dolori non muoiono mai....


    RispondiElimina
  29. Una vita strappata così tragicamente lascia un dolore per sempre. Solo chi lo vive in prima persona avverte l'incapacità del mondo esterno a condividere. Un abbraccio Redcats

    RispondiElimina
  30. Anche un ricordo crudele, può trasformarsi in un buon comapgno di viaggio.

    RispondiElimina
  31. utente anonimo22 marzo 2009 22:04

    Cesy cara, l'unica consolazione è che tu c'eri, che hai fatto tutto quello che potevi fare, non ti sei tirata indietro. La vita ti ha portato tante cose belle e anche dolori grandi. Anche questi hanno contribuito a fare di te la persona che sei adesso. Una carezza (Daniela)

    RispondiElimina
  32. Notte Cesy..

    una dolce carezza...

    Anna..

    RispondiElimina
  33. Avevo letto ieri, sono fuggita. Sono tornata ma non trovo parole...

    RispondiElimina
  34. Buona settimana, cara Gesi, spero che la primavera ci porti anche belle giornate di sole. Abbraccione de Bruna....Ciaooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  35. Ho letto il tuo post precedente. Quanta poesia nei tuoi ricordi, la descrivi così bene, che mi è sembrato di vederti. Non so in quale regione tu sia cresciuta. Da noi, non si giocava tra maschi e femmine, forse nel mio paese erano "bacchettoni"!!!! Comunque anchio ho tanti ricordi della mia infanzia e del passato. Sono una sentimentale. Grazie per avermi dato questo regalo. Ti abbraccio. Bruna.... Ciaooooooooooo

    RispondiElimina
  36. molto profonda.

    Un bacio Cesy.

    Sabrina


    RispondiElimina
  37. Medici insensibili al dolore e alle sofferenze degli

    altri..

    incontrato uno di recente.

    "sig.ra inutile dannarsi..è morta!!

    che animale


    Un bacione cara

    RispondiElimina
  38. Buon Lunedì cara:)))))

    sMACKKKKKKKKK!:)))))

    RispondiElimina
  39. Certi medici non si rendono conto del male che fanno. Altri si ma agiscono freddamente per non lasciarsi coinvolgere. Non è facile dire a una persona che non c'è più nulla da fare per il loro caro. Io non potrei mai fare quel lavoro proprio per questo. A me viene da piangere se solo leggo una cosa vagamente commovente... figurati!

    Certi dolori non muoiono mai, ma anche i nostri cari non lo fanno finché restano vivi nel nostro amore e nel nostro ricordo.

    Anni fa vidi un film russo credo, era una favola in cui due ragazzini si trovavano in un mondo strano. Vedevano una casa e su una panchina sotto un albero due vecchi, i loro nonni, dormivano.

    Svegliatisi li accoglievano con grande amore e alla fine uno dei bimbi chiedeva: ma voi non siete morti?

    E i nonni rispondevano che loro tornavano a risvegliarsi ogni volta che i loro cari li pensavano e provavano amore per loro...

    Mi viene da piangere ogni volta che ripenso a quelle parole.

    Ti abbraccio forte. E che la tua vita sia sempre piena d'amore.

    RispondiElimina
  40. Sì, cara Cesy, "il dolore ha una voce e non varia". Ci si riconosce e ci si ritrova nel dolore degli altri.

    Un saluto di affetto.

    z.

    RispondiElimina
  41. Son passato a regalarti il mio abbraccio!


    Ezio

    RispondiElimina
  42. Buongiorno tesorino, come stanno i micetti???;)

    :))))))

    RispondiElimina
  43. Questi sono i veri dolori della vita, davanti ai quali proviamo rabbia perchè ci sentiamo piccoli e impotenti. Dieci anni fa ho perso un'amica di 26 che per me era come una sorella. Siamo cresciute insieme e abbiamo condiviso sogni e speranze, poi una malattia rara e incurabile l'ha portata via da questo mondo dopo un anno di calvario dentro e fuori dagli ospedali.

    Ti sono vicina con il cuore e con il pensiero, cara amica...

    RispondiElimina
  44. Sono venuta più volte a leggere ma non riesco a lasciare un commento, scusami....

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  45. Non lascio parole.....inutili, vane....lascio questo post, di corsa come il più vile tra i vili....sperando che i pensieri si trasformino ancora una volta in ricordi...dolci....sereni....ma quando anima bella, quando?

    RispondiElimina
  46. Questo post, e quello successivo sul bombo abbandonato perché malato, mi hanno fatto venire le lacrime agli occhi.

    E pensare che il tuo blog mi ha colpito perché ospitava tutte queste foto e riprese di bellissime micie coi loro gattini appena nati... sembrava un blog spensierato... tutto pensavo meno che ci avrei trovato cose così atroci.

    Ma ovviamente, tutti abbiamo una vita, e tutti portiamo una o più croci... per quanto può valere ti sono tanto vicina.

    E grazie per la visita al mio blog, e per la bellissima foto che hai lasciato, se non si fosse capito adoro gli animali... :)

    RispondiElimina
  47. Ho sentito e sento questo immenso, straziante dolore sulla pelle e nell'anima...dolore che non dà mai pace...dolore che non dà risposte...dolore che non si placa, che non dà riposo, che pesa, e lacera il cuore...

    Mia figlia si chiamava Valentina...

    e ogni mattina vorrei svegliarmi sperando sia stato soltanto un incubo...ma la sua stanza è vuota...com'è vuoto il mio cuore...

    Grazie de tuo passaggio da me!

    Un caro abbraccio!

    RispondiElimina
  48. ...pagine dolorose e di sofferenza che segnano la nostra vita.

    Ciao

    RispondiElimina
  49. mi hai fatto piangere

    {in assoluto silenzio}

    RispondiElimina
  50. Ti capisco. Più di quanto pensi. E quello che hai raccontato del medico, l'ho vissuto anche io. Ho un amico che sta studiando medicina e gli ho detto, non appena ha iniziato gli studi, di farmi un favore personale: non mi diventare come quei medici che trattano male sia pazienti che parenti. E' poco, sarà una goccia nell'oceano ma sempre meglio che niente.

    Un bacio tesora.

    RispondiElimina
  51. Quanto dolore Cesy. Io conosco il dolore, quello passato tra le corsie d'ospedale a sperare, a urlare. !986 la prima volta, 1999 la seconda, 2001 la terza... ma la terza non conta perché nel letto d'ospedale c'ero io Cesy. Ma ce l'ho fatta io. Loro no. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina