sabato 7 marzo 2009

VOGLIO!

Photobucket


Non voglio la mimosa, non voglio una giornata dedicata a noi donne.



Una giornata per festeggiarci?



Per che cosa?



Per farci  riempire le pizzerie e essere servite da camerieri maschi in tanga?



Per renderci ridicole tale e quali agli uomini che credeno che noi donne serviamo solo a "quello"?



Scimiottare per una sera quello che gli uomini fanno normalmente come un diritto, andare a vedere gli attributi di ragazzi che si spogliano, magari urlando e ululando come scimmie?



Voglio che ogni giorno sia la nostra festa



Voglio che ogni donna sia  consapevole del potere enorme che ha tra le  mani quando guarda  suo figlio maschio appena nato.



Voglio che capisca che sta a lei crescerlo con l'amore e il rispetto per tutti, che non ci sono persone, maschi o femmine di serie B.



L'amore e il rispetto è dovuto verso la madre, da sempre è così, ma ogni donna è madre, ogni donna è sorella  e allora?



Voglio sapere perchè un figlio non riconosce in ogni donna la sorella, perchè non le riconosce il suo stesso diritto di dignità?



Perchè quella violenza che distrugge l'essere più intimo di noi donne?



Come può un uomo usare  violenza e chiamarla amore?



Ma come può una donna accettare questo amore!



Non è amore è un abisso dal quale ritornare il più delle volte è impossibile.



Voglio mille giorni all'anno per festeggiare noi donne.



Non voglio una catena al collo per ricordare questo giorno, vorrei che ogni donna riuscisse a strappare tutte le catene che le tengono chiuse in stanze di paura.



Voglio poter gestire la mia vita da sola, senza interferenze da parte di una chiesa che sa solo condannare.



Non voglio essere chiamata assassina se decido di abortire, sono io che sanguino e non solo nell'utero.



Voglio più aiuto, in quanto donna, noi lavoriamo molto di più dei maschi, la nostra giornata inizia prima e finisce molto dopo la loro, ricordiamocelo sempre!



Voglio  dire a mia figlia di avere fiducia nel prossimo, lasciarla camminare da sola senza l'angoscia che ho ora nel cuore.....



Voglio che viva in una vita  normale, basata sull'amore e il rispetto reciproco, camminare assieme, ne davanti ne dietro ma sempre affiancati.



Voglio è una parola che uso poco, forse ora l'ho usata a vanvera, ma vorrei tanto questo VOGLIO!



 



 

65 commenti:

  1. Bel post.... da donna lo condivido pienamente! Anch'io domani sera eviterò di andare nei locali a farmi fare la festa.... voglio essere festeggiata negli altri 364 giorni...con il rispetto, sentendomi sicura se cammino per strada...e non sentendo più stupidi commenti maschilisti...

    un saluto!

    RispondiElimina
  2. Da anni penso che l'8 marzo sia più che altro un momento inutile di celebrazione di non si sa bene che cosa. Di quanto sono in gamba le donne, di quanto sono belle. Chissà. Una ricorrenza molto più che una celebrazione.

    Ma d'altra parte che le donne siano una categoria che ha ancora molto per cui lottare, questo è fuori discussione.


    E allora mi piace pensare a questa giornata come occasione, come invito a continuare a lottare insieme per ottenere ciò che ancora è piuttosto lontano, allora forse a quella giornata si potrebbe dare un senso.

    RispondiElimina
  3. L'8 Marzo celebra una ricorrenza drammatica:un incendio in una fabbrica dove morirono centinaia di donne per colpa del loro datore di lavoro che le chiuse nell'edificio in fiamme.Non è certo una cosa da festeggiare,ma forse,l'usanza dello spogliarello maschile è la giusta pena per "l'uomo"che,in quanto tale,ha preferito salvare se stesso piuttosto che quelle donne.Metterlo in ridicolo,può essere una piccola rivalsa,quasi per far capire agli uomini,che sono loro,a volte,ad essere considerati inferiori da chi,nella vita di tutti giorni,loro ritengono tali.Una donna non va rispettata perchè madre o sorella,va rispettata perchè essere vivente pensante.Il fatto di essere donna non è una condizione di inferiorità,tutt'altro!Il tuo voglio è comune a tutte le persone che usano il contenuto della testa.l'unico male è che sono troppo poche.Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Se proprio questo giorno deve esserci che venga allora usato in maniera diversa...

    Io nn ci vedo nulla da festeggiare...se nn un ricordo e una preghiera per quelle donne che hanno pagato per veder rispettati i propri diritti...e per tutte coloro che ogni giorno subiscono violenze ...


    Quest'anno questa giornata sarà dedicata al tema della violenza sulle donne e sulle bambine...uniamoci in un unico grido che urli BASTA ALLA VIOLENZA....


    Bentornata cara cesy... un bacio e una carezza...

    Anto...

    RispondiElimina
  5. Bravo Roby!

    Una volta il significato dell'8 marzo veniva spiegato a scuola.

    E regalare un mazzetto di mimose (gli alberi che circondavano la fabbrica della morte) era solo un modo per commemorare quella giornata, come un gesto di scusa da parte degli uomini.

    Oggi sembra che nessuno più lo ricordi.

    Ma cmq non condivido concetto di ridicolizzare gli uomini come gesto di rivalsa.

    Sarebbe come dire: visto che tu mi tratti sempre da schifo e mi consideri meno di niente..oggi lo faccio io cn te.

    Quasi legittimando l'atteggiamento degli uomini.

    Non è così che si ottiene il rispetto.

    Non è questa la parità.

    Non è così che lo voglio io.

    Buona domenica.

    Will.

    RispondiElimina
  6. L'8 marzo abbiamo poco da festeggiare ma molto da lottare!!


    Serena domenica,

    angela

    RispondiElimina
  7. Grazie! Hanno già scritto tutto, ma sopratutto te hai scritto le cose più giuste... Buone 365 giornate come spetta. Ale.

    RispondiElimina
  8. la penso come te!

    Felice domenica.

    Anto

    RispondiElimina
  9. Rispetto... solo quello... lo meritano le donne ogni giorno...

    Buonagiornata

    Francesco

    RispondiElimina
  10. Non ho scritto nulla sul mio blog sulla festa della donna perche' la penso esattamente come te. Anzi mi infastidiscono anche gli auguri che hanno il sapore di "presa in giro" ; meglio, molto meglio il rispetto e l'affetto sincero ogni giorno dell'anno!!

    RispondiElimina
  11. Non è la donna ad esistere per l'8 marzo, ma l'8 marzo che esiste perchè esiste la donna!!! pienamente d'accordo con te, cara, su tutto quello che hai scritto!!!!

    non ho mai festeggiato nemmeno io, ho sempre preferito lavorare...quest'anno, grazie alle manine fatate di un'amica ho deciso di farmi un regalino:-)

    RispondiElimina
  12. ...la vedo e la penso come te, anche se quest'oggi in viaggio ho regalato un mazzo di mimose a mia moglie. Penso di essere stato influenzato a farlo dalla tristezza negli occhi letta, sul volto dell'extracomunitario che ad un semaforo cercava di vendere alcuni mazzetti di fiori...

    RispondiElimina
  13. Sono della tua idea Sister. La donna ha un potere enorme sul figlio maschio che ha tra le braccia. Si deve ripartire da questo per avere il mondo che anch'io voglio come e quanto te. Un abbraccio*

    RispondiElimina
  14. Detesto festeggiare quelle che considerano feste obbligate, le feste sono tutti i giorni e il volere è potere. Voglio è il desiderio dell'essere e desiderare è volere .... bacio anima

    RispondiElimina
  15. Bisognerebbe festeggiarVi tutto l'anno...


    ciao sister

    RispondiElimina
  16. Condivido solo alcune parti della tua bella stesura (non le citazioni relative alla Chiesa nè all'aborto, "si tratta solo di scelte personali" non imposte). Hai perfettamente ragione nell'asserire che la Donna deve essere rispettata nei 365 gg. dell'anno e non solo l'8 marzo con un mazzolino di mimose. Ottimo componimento. Ciao e Auguri, Elvira

    RispondiElimina
  17. Beh, io non ho scritto niente, da me. Sono sempre la solita: non festeggio mai le "feste di un giorno"...Concordo con quello che hai scritto: tutto.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Hai scritto veramente delle cose giustissime,

    parole le tue che fanno riflettere...

    Un saluto

    RispondiElimina
  19. Bravissima,giusto!Un caro saluto franca

    RispondiElimina
  20. sò che l'appoggio morale da un maschio può apparire superfluo ma timidamnete mi aggrego alla cordata, le mimose poi non è abbiano un buon profumo, buona vita a 360° a voi donne

    RispondiElimina
  21. Decidere per un aborto è sempre doloroso, ma per fortuna esiste questa libertà di scelta. Alla chiesa non importa niente del vostro utero, della vostra sofferenza. Condanna in quanto timorosa di svegliarsi una mattina e scoprire che la presenza e la parola di Ratzinger (O Ruini, o Bagnasco) non è più elemento di sopraffazione.

    Un abbraccio cara Cesy.

    RispondiElimina
  22. Essere considerata una persona, da rispettare e amare.

    Sembrebbe normale volerlo, ma perché deve essere così difficile ottenerlo?

    RispondiElimina
  23. Buon inizio di settimana sister :-)

    RispondiElimina
  24. Mi piace leggerti, sempre. Mi piace perchè con il tuo aiuto vedo parti di me che quasi sempre mi sfuggono e perchè so che da un'altra parte a migliaia di km di distanza ho un'amica dalla notevole intelligenza e dall'enorme cuore.

    Un bacio cesy, un bacio di cuore....

    RispondiElimina
  25. Tutte le donne sono dalla tua parte me compresa, anche io Voglo! Un abbraccione, Taurie.

    RispondiElimina
  26. Ciao, comunque un fiore regalato, in un qualsiasi momento, è sempre gradito. Oggi è il giorno dopo...facciamoci rispettare, l'inghippo è sempre lì. Paura del distacco delle conseguenze che una nostra probabile potrebbe ingenerare. Un abbraccio, Carla

    RispondiElimina
  27. Sottoscrivo al 100% tutto quello che hai scritto. L'8 marzo non serve assolutamente a niente se poi le donne vengono violentate nel corpo e nell'anima per tutto il resto dell'anno. E non mi riconosco in quelle donne che hanno trasformato una ricorrenza drammatica come questa, in un fenomeno da circo dove, per sfogare chissà quali voglie o desideri repressi, diventano predatrici assatanate di uomini. Non sono mai andata alle feste organizzate per l'8 marzo, e mai ci andrò.

    Il tuo post è da 10 e lode.

    Buona serata, cara :)*

    RispondiElimina
  28. Bellissimo post,hai ragione! In modo diverso abbiamo scritto le stesse cose condivise da me pienamente.Un caro saluto

    RispondiElimina
  29. Non ero mai venuto.

    Come il solito arrivo in ritardo.

    Che dire, buon proseguimento e che almeno uno di tuoi desideri si realizzi da oggi fino al 7 marzo del 2010.

    Poi sarà il momento di ricominciare

    Buona settimana.

    RispondiElimina
  30. Centomila volte d'accordo con te, cara!

    RispondiElimina
  31. E' quello che vorremmo tutte, se fosse un mondo perfetto. Ma non lo è.


    Io ho optato per il messaggio: rinuncia alla mimosa, pretendi un privilegio maschile.

    RispondiElimina
  32. Pretendere, mi sembra troppo, le donne moderne vogliono emanciparsi, hanno voluto sentirsi uguali agli uomini prendendo i loro peggiori difetti, io come regalo alla donna offro il mio rispetto la mia stima, la mia gentilezza, il mio essere uomo, la mia forza che si piega alla sua dolcezza, la mia mente che disegna scenari felici per noi. Dobbiamo questo alla donna 365 giorni all'anno e non perchè è obbligatorio farlo e non perchè rinuncia alla mimosa, ma perchè è semplicemente donna.

    RispondiElimina
  33. Bellissimo e riflessivo post!

    TANTO DI CAPPELLO !!!!!!!!!!!!!

    BRAVA !!

    Ezio

    RispondiElimina
  34. I nostri voglio coincidono!

    :)

    Ti voglio bene, un abbraccio!

    RispondiElimina
  35. E che non mi vengano a dire che "l'erba VOGLIO non esiste nemmeno nel giardino del re", queste sono basilari regole di vita

    RispondiElimina
  36. Anche se in ritardo ti commento lo stesso....VOGLIO anche io!!!!

    RispondiElimina
  37. Cara amica ,hai scritto un post di rivendicazione del tuo essere donna in contrapposizione al maschio.

    Perchè? Noi,maschi e femmine dobbiamo integrarci,non dividerci,pretendendo e volendo.L'uomo e la donna sono è devono essere due facce della stessa medaglia che guardano,però, nella stessa direzione.

    Io non voglio che la donna si alzi di primo mattino per farmi da serva,o rimanga in casa a sbrigare le faccende domestiche mentre io mi dedico al tennis o vado alla partita,che veda dei figli mentre io mi incontro con gli amici.Quando si vive insieme bisogna condividere tutto,ma sopratutto aiutarsi sempre e comunque.

    Se ci sono donne che vogliono servire il loro uomo al pari di cameriere per dimostrarsi premurose e innamorate,c'è ne sono moltissime, la colpa è solo ed esclusivamente loro.

    Ciao

    RispondiElimina
  38. caro COLORATISSIMO,

    non è che noi vogliamo prepararvi il caffè o strisciare per voi uomini,

    no, non è una missione per cui noi donne andiamo matte.

    è che voi ve ne lavate le mani,

    voi dopo le 8 ore di lavoro pensate di avere esaurito il vostro "compito" .

    noi povere ed emerite coglione no, noi abbiamo ancora i figli, la casa e anche farci trovare a letto tutte profumate!!!!!

    RispondiElimina
  39. Sono pienamente d'accordo.

    Brava Cesy, hai scritto pensieri giustissimi!

    RispondiElimina
  40. Brava, ben detto e ben scritto!

    RispondiElimina
  41. ho apprezzato il tuo post e il pezzo recitato dal grande Gaber!!!!!!!!

    ti saluto e ti ringrazio per esser passata tra i miei BLOB CARTACEI!!!!!!!

    A RI/COMMENTARCI!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  42. Carissima "Mara". ti ho scitto due commenti e Splinder non li ha accettati!!!! uffa.uffa! Provo questo. . Brava! condivido! Bruna. bacio....Ciaooooooooo

    RispondiElimina
  43. Sono con te, il senso di questo VOGLIO dovremmo dirlo e sentirlo sempre più spesso, un abbraccio Carla

    RispondiElimina
  44. interessante.....

    una volta si diceva: "l'erba voglio non cresce nenahce nel giradino del re"....

    io invece sono convinta che quanche VOGLIO nella vita ci vogliono...proprio per non perdere di vita chi siamo e dove vogliamo arrivare...bacio anche ai cucciolotti ora lupetti.....:-)))) bebuccia

    RispondiElimina
  45. Buongiorno sister :-) un sorriso per Te

    RispondiElimina
  46. Buona giornata Cesy:***

    un grande bacio:***

    :)))))

    RispondiElimina
  47. Sono passato a rileggere, lo meritavi!


    KISS

    Ezio

    RispondiElimina
  48. buongiorno cesy

    ti lascio un abbraccio dolce come lo sei tu.

    ciao

    RispondiElimina
  49. Ciao carissima,

    buona giornata

    angela

    RispondiElimina
  50. è bello il tuo blog e

    anche i tuoi gatti sono bellissimi.




    RispondiElimina
  51. vedo con piacere che la pensiamo allo stesso modo!

    feliz dia

    Lunaa

    RispondiElimina
  52. Buongiorno cara...

    una carezza..

    Anna.

    RispondiElimina
  53. niente mimosa solo un buon fine settimana,ciao

    RispondiElimina
  54. Passo per augurarti un buon fine settimana. Carezze per i Mefisti e una a te*

    RispondiElimina
  55. ok, ti piace Gaber, hai un blog bellissimo, ami i gatti, scrivi questi post intelligenti... non posso non aggiungerti come amica.

    Oggi è pure il mio compleanno... Leggere il tuo blog è stato un regalo. Grazie. Ciao!

    RispondiElimina
  56. la mia casa è sempre aperta.

    c'è un gran silenzio nelle sue pareti, ma in compenso il dolore batte forte nel petto.

    voglio, è la prima parola che la psichiatra mi ha indicata come "terapia" contro la depressione.

    non lo so, ma a me sembra lei la depressa, e cmq ancora non la so usare bene, ché l'amore si deve vivere e non gridare.

    ed io, mentre lo vivo, muoio.

    voglio, morire.

    t'abbraccio


    simy

    RispondiElimina