domenica 9 maggio 2010

FESTA DELLA MAMMA ?

Angelic Pictures, Images and Photos Da sempre non ho mai amato queste feste.
Feste fatte per spendere, ravanando tra sentimenti d'amore e nostalgia.
Da figlia ho sempre cercato di dimenticarmene ma senza mai riuscirci, sapevo che la mamma ci teneva.
La mamma, già, la festa della mamma, terribile inventare una festa così.
Tutti gli anni è un obbligo cercare di dimenticarla, difficile però con tutta quella pubblicità sbattuta in faccia senza nessuna pietà.
Fiori a gogò venduti per le mamme, rose recise che gridano la loro morte, rose senza spine e senza più profumo.
Mai regalato mazzi di fiori, piante, quelle si, segno di crescita e di speranza.
Una speranza che da figlia non capivo chiaramente, sicuramente il capirsi era difficile e non bastava un fiore a cancellare tutta l'incomprensione.
Non bastava un bacio dato solo per l'occasione e solo con le labbra.
Mancava il sapere dell'amore nascosto, mancava la mia umiltà.
Ora so che la scelta del non chiedere è stata sbagliata, da madre l'ho capito.
Da madre non ho mai dato importanza a questa festa, forse ricordando l'imbarazzo di quei baci?
Vorrei poter chiederle scusa di tutte quelle piante date senza biglietto d'istruzioni, senza le frecce per arrivare al mio cuore.
Un cuore che credeva di essere grande e adulto, capace di battere senza quell'abbraccio che vorrei tanto conoscere.
Ora so che è solo per paura che non mi va questa festa, troppi sentimenti in gioco, troppe domande senza risposte.
Domande che resteranno senza sorrisi o abbracci, finito il tempo dei perchè, è rimasto solo il tempo dei se....


48 commenti:

  1. Ciò che hai scritto è toccante e, benché così intimo, in qualche modo di tutti. C'è tra genitori un appuntamento sfasato, da figli non lo capiamo, quando diventiamo genitori questo aspetto della vita si illumina, ed è troppo tardi per riconoscere ragioni, per rimpiangere torti. Festa della mamma, festa del papà: il mio prossimo post si intitolerà così. Sono decori posticci in una società posticcia, dove il vero valore della famiglia si sta perdendo, e non solo perché le famiglie si rompono, perché se ne creano di allargate, collaterali. E' la priorità dei nostri valori che dovrebbe essere rimessa nel giusto ordine. Ma tutto rema contro. Tutto tranne la nostra coscienza, il nostro amore per la vita.
    Il mio saluto per te
    NM

    RispondiElimina

  2. Comunque non bastano i baci e gi abbracci solo il girno della festa...certo un giorno l'anno può essere uno spunto o magari l'inizio di un cammino con una nuova consapevolezza : se hai capito che hai paura, dei sentimenti, delle domande e le loro risposte, cogli l'occasione per cominciare avincerla la paura...scoprirai...no, non te lo dico, lo scoprirai...
    per ora, da mamma quale sono, da mamma che risponde e chiede e abbraccia a volte fino a soffocare, lascio un abbraccio anche a te , così, per buona misura...

    RispondiElimina
  3. Sono feste consumistiche che cavalcano l'onda di sentimenti veri e reali. E lo sono, anche se lì per lì possono non sembrarlo. Tua madre capiva il tuo amore, taciuto, tormentato e contraddittorio, ora che sei madre lo sai che si capisce quello che c'è nel cuore dei figli.

    RispondiElimina

  4. ... rose mancate.... baci non dati....
    ....parole non dette.....
    purtroppo, anche questa e' vita.
    Ti abbraccio forte forte......

    RispondiElimina
  5. Sapere che lei ci tiene è ciò che mi spinge a farle sempre trovare una nuova pianta, quest'anno roselline, l'anno prima un girasole, il prossimo chissà, ma lei ha il pollice verde, e gliene compro spesso, non solo oggi... chissà se saprò mai cosa significa essere madre...

    RispondiElimina
  6. Non esiste una guida pratica  per genitori, anche se in realtà potremmo tutti attingere da: Il Manuale del Perfetto Figlio Scavzzacollo"...
    Come non esistono indicazioni per esprimere correttamente i proprio sentimenti.
    Tutti ne parliamo, ma poi siamo spesso incapaci di fare le giuste scelte.

    Ti capisco.

    RispondiElimina
  7. Cara Cesy io dopo anni in cui la pensavo esattamente come te, ho radicalmente modificato il mio pensiero. La festa della mamma è un modo per renderle omaggio, non per farle necessariamente dei regali. Purtroppo è l'idea che tutti si fanno, quella di fare regali... ma la mamma vuole solo essere festeggiata... sempre. Il calendario le rende omaggio, niente di più, sta a noi fare in modo che non sia solo il problema di un giorno. Come tutte le altre ricorrenze.

    RispondiElimina
  8. se pure hai dei conti in sospeso con il passato non dimenticare che la tua intuizione è giusta ... la festa della mamma e proprio una grande stronzata da una mamma

    RispondiElimina
  9. anch'io non amo molto queste ricorrenze!

    RispondiElimina

  10. Verissimo le feste oramai sono a scopo commerciale.

    Per entrare a visitare chopy passa dal mio template che da domani linko con il suo nuovo sito.

    Un bacio.

    RispondiElimina
  11. Neppure io amo le feste, le ricorrenze.Quelle che durano un giorno,un giorno soltanto, perchè tutto va di fretta, tutto si consuma velocemente.Quando poi, come in questo caso, almeno per me, il festeggiato, la festeggiata, non c'è  più...Dovrei essere io, ora, la festeggiata, ma ho preferito non dare fastidio, mi sono comprata qualcosa e poi ho detto agli altri che ci avevo già pensato io...

    RispondiElimina
  12. Quando si è figli si contestano molte cose, poi da adulti, anzi da genitori, guardiamo con occhio diverso. I fiori esprimono un dolce pensiero e se lo facciamo in un giorno dedicato accendiamo una lucina d'amore. Lascia perdere le domande, cara Cesy, gli errori li facciamo tutti, fanno parte della vita in crescita, l'importante è avere un cuore amorevole ed il tuo lo è, devi solo lasciarti andare. La tua mamma sa che le vuoi bene e ti sorride con magnanimità.

    un abbraccio
    annamaria

    RispondiElimina
  13. ormai tutte le feste sono diventate commerciale :Natale, San Valentino....
    dobbiamo sentire nel cuore quando e perchè festeggiare
    un caro saluto
    Buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  14. cara sister, ti capisco. Io non amo le feste celebrative di un giorno,so che sembra un argomento banale ma un giorno per ricordare dà l'idea che gli altri giorni te ne dimentichi...
    Difficile essere una buona madre, ma anche essere una buona figlia non è uno scherzo!

    RispondiElimina

  15. Grazie, cara, per il tuo commento, così ci siamo conosciute ed è bello. Credo che la festa della mamma a livello commerciale ti disturbi tanto per le vostre incomprensioni del passato e per il sentimento di malessere e incompiutezza che ti è rimasto. Natale e Pasqua sono anche peggio, lo vediamo tutti, adesso hanno incominciato con le vacanze estive. Apro un telegiornale per ascoltare le notizie indispensabili e ci trovo quanto spende la gente in regali. E basta. Nessuno, però, ci vieta un piccolo dono, magari anche fatto da noi, su internet ci sono tante idee. Vuoi mettere con quale gioia "lui" indosserà il bel pullover sferruzzato da te o terrà nel portafogli la poesia che gli hai dedicato? E allora non esageriamo, se gli altri ci tengono accontentiamoli, talora una rosa e un bacio bastano e avanzano. E sentiti libera da ogni ricordo triste, la tua mamma adesso ha capito e ti benedice.
    Ho letto quello che scrivi dedicando il tuo blog a tutte le donne torturate, è vero, è stato fatto e continuano a compierlo perché la donna è fisicamente più fragile ed è facile sfruttarla,  ai maschi basta gridare.  C'è fermento, ma il pianeta è maschilista. Allora noi, senza smettere di essere donne, femminili, materne, amorose e quant'altro, non ci lasceremo sopraffare. Secondo me i maschi impareranno e smetteranno di fare i cretini, anche per non dover finire a mendicare sui marciapiedi come i leoni della mia favola. Un abbraccio gioioso.

    RispondiElimina

  16. Ma chi le ha inventate tutte queste stupide feste, a cui peraltro proprio le donne tengono tanto? Mancano ancora la festa del cane, del gatto e della badante, degli ultimi comunisti e dei figli di buona donna; ma no: quelli festeggiano tutti i santi giorni!

    RispondiElimina
  17. Feste stupide e consumistiche che non servono a niente se non ai commercianti...

    un sorriso sister

    RispondiElimina
  18. Ti capisco perfettamente. La festa dovrebbe essere fatta con discrezione e buon gusto, senza cadere nel consumismo spicciolo. Ci vuole poco per onorarla e credo che la festa debba essere comunque onorata.:-)

    RispondiElimina

  19. Cesi sei una persona speciale. Ti mando un bacio. Bruna..ciaoooooooooo

    RispondiElimina

  20. Quando si è figli non si da importanza a nulla, siamo sempre pronti acontestare, ma quando siamo madri e nonne  capiamo tanti perchè e per come, ma non c'è più tempo, rimangono solo i ricordi e spero che tu ne abbia anche dei belli

    RispondiElimina

  21. Mi trovi pienamente d'accordo, come la festa del papà per i miei figli che l'hanno perduto, su questa terra almeno, e mentre a scuola fanno i lavoretti, loro pensano in che posto devono mettere il loro. penso a coloro a cui non è stato possibile diventare madri, che hanno perso i loro figli, sul nascere o in altre circostanze e che guardano a carrozzine e mammine con infinita tristezza. Penso all'obbligo di amare anche quando non si sente dentro, perchè la mamma è la mamma, senza avere la possibilità di dire se si è stati feriti. Per non parlare dei fiori, un commercio in movimento basato su sentimenti molto delicati.

    RispondiElimina
  22. infondo ...la poesia della vita è racchiusa in una sola parola: MAMMA

    RispondiElimina
  23. Come se le mamme avessero bisogno di una festa....
    La festa vera te la fanno i figli, quando ti mandano all'inferno, perchè vuol dire che sono pronti alla vita.

    Ogni forma di celebrazione mi evoca immagini di libagioni ed ingozzamanenti, tavole imbandite e sentimenti sintetici, mirati solo al sollazzo di ventri mollicci e gole secche.

    Le solite cose per nutrire i corpi e spegnere le menti.

    di mamma ce n'è una sola

    e meno male: pensa se ne avessimo 4 o 5 ciascuno...

    non oso neppure calcolare l'esito esponenziale di zie, cugini e parenti tutti

    Sister: a quando un bel post sullo sfacelo della finanza pubblica o sul malcostume dell'happy hour o ancora magari sul definitivo bando della produzione e mescita di alcoolici ?

    eddai
    sempre con sti post autolesionisti.

    sarà che vengo da qualche giorno in un sincrotrone, ma mi si sono ringalluzziti  neuroni e sinapsi a quelle energieeeeee

    dai Sister: sparami un post da combattente: no lustrini, no glitter, no coccole: tritatutto, mannaggia e poi carramba, come dite in valle ?: dat de faaaaaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!!!!!!

    Alura ?
    Pota ?

    fat so le manighe e ciapa el badil !!!!


    dai dai dai


    GB  
      

    RispondiElimina
  24. condivido questo post.
    io no ho avuto padre e mia madre è stata più che altro assente.
    sarei io la madre da festeggiare, ma non ce n'è bisogno perchè quel fiore e quella carezza mi giungono nei giorni più impensati  dai miei amorevoli figli.
    sono poi contraria a ogni ricorrenza consumistica.
    se per ricordarsi del valore di un essere umano c'è bisogno di dedicarle un giorno!.... ma dai! come ha detto già qualcuno...

    RispondiElimina
  25. Un abbraccio .
    Ci sono feste ,come questa, dove se qualche cosa va storta nella vita, non sai piu' dove sbattere la testa per capire.
    Io non sono mamma..lo sai ,pero' sono stata e sono figlia....di una mamma che ,per una malattia subdola e inaccettabile , ora mi chiama mamma.
    Mi inchino all'amore e ormai non piango piu'.
    Un sorriso.

    RispondiElimina
  26. Noi non abbiamo mai festeggiato con regali. Ancora oggi che sono mamma anch'io non lo facciamo. Di solito mangiamo un dolce tutti insieme. Anche quest'anno mio marito ha comprato una torta.

    Ormai sono quattro anni che non posso fare gli auguri alla mia mamma o, almeno, posso farglieli, ma lei non se ne rende conto. Credo mi abbia dimenticata, esattamente come ha dimenticato mio padre. E questo è molto triste, sia nel giorno della festa della mamma che negli altri giorni.

    RispondiElimina

  27. signora volevo augurarle una buona notte.... ma data l'ora credo sia meglio un bun giorno....
    agape

    RispondiElimina

  28. La festa della mamma, quella del papà, quella del nonno.......tutte feste commerciali, volte solo a far comperae fiori o piante per chi, poi, non se ne prenderà una gran cura, lasciandole morire lentamente.Molto meglio dimostrare l'affetto tutti i giorni, anche solo con una telefonata, se lontani.
    Non regalo più nulla alla mia mamma, in quel giorno, ma spero che capisca comunque che le voglio bene tutti i giorni e non solo il 9 Maggio!Non credo che tu abbia problemi a farti amare da chi hai generato....non è possibile!
    Un abbraccio grande e un raggio di sole sulla tua giornata. 

    RispondiElimina
  29. Buongiorno sister, un sorriso per Te...

    RispondiElimina
  30. Chissà perchè non riusciamo mai a dimostrare il nostro bene quando li abbiamo ancora vicini e poi, come dici tu, ci rimane solo il tempo dei se....., un salutissimo Carla

    RispondiElimina
  31. buon giorno na mazza: piove anche oggiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    adesso sto meglio

    che palle ste buon giorniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    evvai Sister

    coraggio

    tanto sarà la solita giornata di lotta

    as usual


    beati quelli che hanno il tempo ed il modo di farsi le scritte lampeggianti

    Gb

    RispondiElimina
  32. stando alla sequenza manco solo io: allora cosa ti posso augurare ?

    fammi pensare: caspita questi 2 hanno già detto tutto.

    sono senza parole.

    decisamente Sister: di questo tipo di parole e pensieri sono del tutto sprovvisto.

    non sono nemmeno capace di incollarti una scritta glitter o un'immagine.

    che scarso che sono.

    facciamo così: ti auguro di trovare commenti più degni.
    ecco.

    salut

    GB

    RispondiElimina
  33. bacio e auguri di un buon pomeriggio. Bruna...Ps se ne hai voglia. ti invito a passare da me. Ciaoooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  34. Da me a te in risposta al gradito commento oderino.
    In quel mondo c'è una grande empatia fra di noi:-)

    RispondiElimina

  35. Gatta-Cesy, un abbraccio enorme!!:-))

    RispondiElimina
  36. utente anonimo13 maggio 2010 16:51

    di solito non scrivo commenti sui commneti di altri nei blog di altri ancora

    questa volta lo faccio e do un consiglio a chi di consigli non ne sente la bisogna

    non credo che Sister abbia bisogno di indirizzi su cosa dovrebbe scrivere
    e chi lo fa manca di buon gusto e di rispetto

    ad eventuale replica non risponderò
    ciao Cesy un abbraccio

    R-X

    RispondiElimina

  37. ti capisco, per quanto riguarda la prima parte. Per quanto riguarda l' essere madre no, non lo sono. Ma il rapporto madre/figlia non è dei migliori. Troppe cose non dette, troppe cose che..mancano. Da piccola facevo i regali a mia mamma per questa festa. L' unico genitore che avevo. Cose fatte con le mie mani, per quella mamma che non mi dava mai un abbraccio,  una carezza. E quei regali finivano sempre col non essere nemmeno guardati.Così, crescendo, ho smesso di farglieli. Rimane compleanno e natale, ma la festa della mamma.. proprio no.

    RispondiElimina

  38. Ormai non faccio più caso a queste feste commerciali, mi basta un abbraccio e un: ti voglio bene!
    Buona giornata e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  39. ah di là, là:)))))
    poi guardo, intanto ti auguro un felice weekend:))))))))

    RispondiElimina

  40. è il terribile gioco delle parti...tu sei ciò che io sarò
    quando ci si appresta a capire per certe cose è troppo tardi, ma per altre si fa ancora in tempo.
    un saluto...
    M_

    RispondiElimina
  41. La legge delle generazioni ci costringe a capire tardi i nostri genitori. Tardi per loro, non per noi. Loro lo sapevano, noi no. Ma diventando genitori ora lo sappiamo anche noi. E tutto continua, come sempre
    Un caro saluto
    NM

    RispondiElimina
  42. Sono d'accordo con te.
    Anch'io non ho mai amato questa ricorrenza anche se l' ho celebrata per far piacere a mia madre, che ci teneva molto.
    Tuttavia da quanto mia madre non c'è più è divenuto per me un giorno di dolore..

    RispondiElimina
  43. Cavolo sister, ci sono alcune frasi che hai scritto qui che mi hanno davvero fatto scoppiare...

    RispondiElimina