martedì 26 agosto 2008

SISSI, LA VERITà

gatti

Sono sveglia da tanto, il braccio fa male.


Ho guardato un'alba bellissima e ora piena di malinconia ho voglia di scrivere, piano, con una mano sola sono lentissima, ma ho deciso di finire la storia di Sissi.


Anche stamattina appena alzata sono uscita per vedere se lei era arrivata.


Sono due anni e più che Sissi non c'è fuori dalla porta ad aspettarmi.


Due anni che io mi illudo ogni mattina, quando senza pensare vado a quella porta con la speranza che ci sia.


Ogni mattina trovo una scusa nuova.


Scrivendo di lei cerco di accettare, di elaborare un lutto, di lasciarla andare, perchè Sissi è morta.


La mia principessa era l'unica che usciva, dopo che Artù era stato avvelenato e messo contro il mio cancello con la pancia all'aria.


Un fatto ignobile e che ci ha fatto soffrire molto.


 Abbiamo cercato soluzioni, col fatto che abitiamo in alto abbiamo chiuso con grate la terrazza  e messo una porta sulle scale, insomma creato un "territorio" sicuro per i nostri gatti.


A loro disposizione due tetti, una terrazza enorme e il nostro appartamento, uno spazio più che sufficiente per gatti che vivono come degli umani, visto che anche il lettone è loro!


Ma Sissi, come sapete era diversa, lei amava fare i suoi giretti nei giardini dei vicini, non usava mai la cassettina, preferiva fare i suoi bisogni nella terra.


Abito in una via molto bella, casette singole e tutte con dei bellissimi giardini, pieni di piante e fiori, traffico poco, solo quello locale, sembra tutto perfetto, vero?


Ma allora dov'è il pericolo?


Ma lo sapete che esiste l'uomo nero?


L'uomo che odia tutto e tutti?


L'uomo che gode quando riesce ad uccidere.


Uccidere un gatto è azione "forte" da uomo!


Mettiamo il caso che questo gatto è amato, coccolato e chiamato con mille parole dolci, baciato quando torna  a casa quasi fosse un figlio.


Quale azione più pensata e studiata per fare soffrire certa stupida gente che si "perde" dietro a uno stupido gatto?


Già una volta Sissi era stata bastonata a morte, ma lei, come ha fatto non si sa, era riuscita a trascinarsi fino a casa, la corsa dal veterinario e lunghi giorni di cure l'avevano fatta vivere, i segni però erano rimasti, zoppicava vistosamente.


Zoppicava, per questo non si allontanava più tanto, il suo territorio si era ristretto, pochi giardini, tanto sole tra l'erba e tante coccole.


Ma l'uomo nero deve avere studiato bene il suo piano, stavolta doveva essere sicuro di vincere!


Era di Maggio, il mese in cui i gatti impazziscono per amore, ma Sissi no, Sissi era sterilizzata, lei continuava la sua solita vita, gli bastavamo noi.


Lei usciva la mattina presto, poi quando mi alzavo la trovavo ad aspettarmi fuori dalla porta che da sulle scale, pronta per entrare a fare la colazione.


Quella mattina non c'era, non c'è più stata.


Ho chiesto subito all'uomo nero se l'aveva vista, ricordo il suo sorriso di scherno e le sue parole : "te l'ho mangiata".


Sicuramente scherzava ..... ma il dubbio mi è sempre rimasto.


  

55 commenti:

  1. Mi dispiace tanto per la tua Sissi.Come sanno essere crudeli,certi esseri...non umani:non saprei come definire una persona così.Penso al mio Sunny,che abbiamo salvato dalla sorte subita dai suoi fratellini:allattato col biberon,aveva 14 gg.Ora è con noi da 7 anni.Il mio "cane indiano".Se vuoi puoi vederlo nel mio media album.Qui,nonostante il dolore di questo post,si respira tanta serenità.Spero che il tuo braccio guarisca presto.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. pensa si è rincarnata in willy lilly ed è andata con mia nipote di 5 anni alla conquista del veneto ciao.

    RispondiElimina
  3. Sicuramente scherzava dai...


    Un salutone

    RispondiElimina
  4. E' agghiacciante! Io sono una persona mansueta, non ho mai madato maledizioni, ma chi maltratta gli animali merita di subire mille volte peggiori!

    Quindi non hai mai ritrovato il suo corpicino? Un abbracio forte

    Ps. Riguarda il tuo braccio :-)

    RispondiElimina
  5. utente anonimo26 agosto 2008 12:16

    l'amore vero che hai x gli animali mi fa sempre commuovere... è bellissimo vedere che c'è altra gente che li ama come me.. vorrei tanto farti incontrare il tuo bimbo matisse...

    daniela

    RispondiElimina
  6. Povera Sissi...

    Non sopporto chi fa angherie verso i nostri piccoli animali che non sanno proteggersi...

    Immagino il dolore... quando perdiamo un animale di casa si perde un membro della famiglia...

    Baci

    RispondiElimina
  7. Maledetto! Che possa finire la sua vita tra atroci sofferenze... e io che non posso impedirmi, davanti ad una storia di così inaudita e inutile violenza su un essere indifeso, di piangere di dolore anche per un gatto che non conoscevo...

    Maledetto e stramaledetto...

    RispondiElimina
  8. classico esempio di forti con i deboli e deboli con i forti, la nostra società ne è piena...quando luomo nero, come lo chiami tu, non riesce a prendersela con i suoi simili allora sfoga la sua frustrazione graffiando la carrozzeria delle auto o addirittura prendendosela con i piccoli animali (anche perchè ha paura di quelli più grossi)...l'uomo inutili fa questo è altro...ho degli amici che hanno fatto tutto uno studio sugli uomini inutili...dovresti leggerlo: http://boncly.splinder.com/

    RispondiElimina
  9. Oh...ho letto due volte questo post e mi viene solo da sospirare...

    Mi viene da vomitare se penso a certi uomini neri...

    Un abbraccio. Martina.

    RispondiElimina
  10. oddio....! che non c'era più l'avevo capito, ma c'è morte e morte... :o(

    mi dispiace tanto, a quell'essere ignobile auguro una lunga e atroce agonia.

    ti abbraccio sister, piano per non farti male.

    Gabri

    p.s.: alla micetta non posso più fare grattini, almeno per ora, perché stata adottata e finché non si sarà ambientata del tutto e dimenticata di me non andrò a vederla.

    ma mi manca da morire...

    RispondiElimina
  11. ciao tata.

    anche questa volta sei riuscita a farmi piangere...

    leggo dalle tue parole la grande sofferenza e mi immedesimo in te, e penso al mio amore...

    non potrei mai accettarlo, proprio come te.


    perchè chiedo al buon Dio, ci sono persone così spregevoli?


    tatina dolce e tanto amata, so che stai male e sei presa dai cuccioli bellissimi, io ti penso sempre!


    tanti baci a tutti.

    RispondiElimina
  12. Non scherzava! In uel momento ha goduto della sua onnipotenza, perchè ti ha visto sofferente! Ma non dubitare, l'uomo nero incontrerà sulla sua strada un uomo più nero di lui! Ti prego di non avere pietà per lui!

    In questi ultimi mesi l'uomo nero mi ha ucciso Virginia, la gatta della copertina del mio blog precedente (la potete vedere ancora sul mio blog www.unanepensacentonefa.splinder.com), poi mi ha ferito a morte Aldo, la storica balia dei gattini della mia colonia, insomma so cosa provi!



    Un bacio!

    RispondiElimina
  13. Il dolore è unico. Possente. Non lo invadi con le parole.

    E' di ognuno. Proprio. Impodestabile.

    Impara a mediarlo.

    Questa è crescita.

    Starai meglio se riuscitrai a frapporti tra te e l'esterno.

    Credimi.

    Un bacio, io ci sono

    RispondiElimina
  14. ehi ma dico ...che gente abita lì vicino a te!!!altro che uomo nero!!

    non ho parole...Ora però sister fammi un sorriso io ti mando un bacio dalla finestra di casa mia Sicura....arrivaaaa.Ciao tesoro..salutami tutti i mici e i miei amici,,bacio

    RispondiElimina
  15. che storia triste...

    mi dispiace per la tua gattina!

    Sfortunatamente il mondo è piendo di persone orribile...

    ricordate il marines che lanciava il cucciolo di cane...


    è uno skifo!


    Io ho avuto 3 gatti, 1 investito, 2 ritrovato morto, 3 stava male ma è vanuto a salutarmi prima di sparire...


    me lo ricordo perchè è venuto, ha fatto un paio di miagolii e non ha voltuto, nè coccole nè cibo.

    Aveva un cattivo odore...

    poi non l'ho più visto.


    Lo chiamavamo banalmente "il micetto".

    Bei ricordi...

    RispondiElimina
  16. ma è sicuro che olindo e rosa siano ancora in carcere? Non è che hanno preso alloggio vicino a voi?!?

    .....a parte gli scherzi, è proprio sui più deboli e fiduciosi (come sono gli animali, che ci vogliono bene incondizionatamente) che si scatena l'orrore dei vigliacchi....

    RispondiElimina
  17. E' proprio triste e brutta questa storia, ma è colpa dell'ignoranza e insensibilità di alcune persone. Al lavoro da mio padre c'era un bellissimo gatto nero che un giorno è sparito, un suo collega ridendo ha detto che era stato lui perchè portava male!!!!

    Che schifo!

    un bacio e tanta serenità

    Rue

    RispondiElimina
  18. Un saluto dal mare, da lunedì sarò di nuovo sul trampolino di lancio :-)

    RispondiElimina
  19. Io avvenelerei lui :-(..come si a far del male a degli animali cosi dolci ed indifesi :-(

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. se dovessi vedere qualcuno che fa del male a un gatto,che sia il mio o un altro troverei il modo per fargliela pagare....

    ti auguro buona giornata!!!!

    Je

    RispondiElimina
  21. Mi spiace tantissimo per Sissi...Vorrei dirti di non smettere di sperare ma so quanto brucia al mattino aprire la porta e non trovarla lì ad aspettarti...perciò ti dico solo che Sissi sicuramente adesso sta in un posto splendido da cui aiuta micetti meno fortunati e magari sussurra loro nelle orecchie di stare lontani dall'uomo nero...che alla resa dei conti avrà di che piangere...puoi starne certa!

    RispondiElimina
  22. Quando leggo queste vicende rimango sconvolta per tutto il giorno. Vedi Sister, io non so odiare, non so portare rancore, ma ho un istinto tremendo quando sento queste cose: vorrei ucciderlo quell'uomo nero. Sparargli una pallottola dritta in fronte e ti giuro che non mi sentirei colpevole. Gente così è pericolosa per l'umanità, nasconde una mente perversa, malata, capace di qualunque crimine. Due anni fa ho avuto una simil avventura con una cagnolina. Una Jack Russel trovatella. I bastardi sono vivi. Io sono fuggita da quel luogo dove gli animali vengono considerati meno che zero. Comprendo il tuo dolore a distanza di due anni: rimane anche (almeno a me) il senso di colpa di non aver chiuso alla perfezione il cancello quella mattina. Un bacio dolcissima Cesy:-)

    RispondiElimina
  23. La cattiveria umana,a volte , non ha limiti... e' una vergogna!

    Il mio abbraccio ,Lilia


    p.s.

    Spero di cuore che tu ti riprenda presto :-)

    RispondiElimina
  24. ...racconto che evidenzia sofferenza e manifesta la sottile cattiveria umana e conduce in un coinvolgimento bagnato di tristezza..

    ..molto bello...

    RispondiElimina
  25. Tieni viva Sissi attraverso i tuoi racconti e questo è bellissimo...

    Mi spiace per il tuo braccio... spero ti rimetterai presto

    Buona serata

    LeAAA

    RispondiElimina
  26. Non sai quanto possa capirti.Una storia simile alla tua è la mia con il mio ultimo cane,Roscoe,un meticcio che era sempre pronto a scodinzolare a tutti.

    Io lo perdetti mentre prestavo il servizio militare,uscì di casa e non tornò mai più.

    Tanti sospetti e nessuna certezza.Anzi,solo una!Quella d'aver perduto un vero amico.

    Spero e ti auguro che Sissi possa presto tornare.

    Paolo

    RispondiElimina
  27. Ho davvero il freddo addosso e tanta tristezza...esistono poveri esseri che riescono a vivere nutrendosi solo di odio e vigliaccheria?

    Che mondo infame...

    ti sono vicina nel tuo dolore.

    Spero anche che il braccio stia meglio...un bacione e fatti vedere non mi vieni più a trovare :-(((


    Ps=Ma il bannerino del tuo blog non funziona?

    RispondiElimina
  28. Che la Luna possa cullarti in un caldo e soffice manto stellato, mentre gli angeli con le loro voci soavi ti sussurrano una nenia....Dolce notte :-))

    RispondiElimina
  29. senti a me me l'hanno avvelenato un gatto, se non è degenerato il tutto è stato solo per due motivi


    1- volevano avvelenare il cane dei vicini e non il mio gatto

    2- (questo è il punto decisivo) non ho idea di chi sia stato


    io al tuo posto al tipo avrei infilato un sacchetto di zucchero nel serbatoio dell'auto, lo avrei fatto picchiare con calma e metodicità e non so che altro!!!


    Sono indignata

    RispondiElimina
  30. si cesy ne so qualcosa di queste persone sofferenti...

    perdonali, ti prego...

    con affetto Gio...

    RispondiElimina
  31. già la perdita di un animale amato è dolorosa ma così'...

    RispondiElimina
  32. dicono che persone e animali passano nella nostra vita per darciqualcosa, amore, tenerezze, spunti di riflessione..e quando hanno finito il loro compito vanno via. Lasciala andare: non permettere al Male di farti più male avvelendandoti ogni giorno...continua ad amare la tua Sissi, ovunque essa sia, l'Universo sa accogliere!!!

    RispondiElimina
  33. Luna ci ha adottati, è stata lei a due mesi ad avvicinarsi e guaire. Da allora è la nostra padrona di casa... vive libera, caprioli per amici e quando la portiamo in città piange. Al mare è uno spettacolo: ci nuota accanto... Per lei tutti sono amici. Comprendo e condivido il tuo dolore... per noi perderla sarebbe una tragedia. La crudeltà umana non ha limiti.

    RispondiElimina
  34. Mi spiace davvero.....

    sono riuscito ad accedere.....ma ci è voluto davevro tanto impegno....deve esser eil mio pc che non riesce...bah....

    lascio un segno, un saluto, un abbraccio

    ciao

    RispondiElimina
  35. un magano in gola...mi dispiace immensamente.

    un abbraccio

    RispondiElimina
  36. ...nel tuo blog è bello anche passeggiare...leggere e pensare senza scrivere...

    ...c'è accogliente atmosfera...

    RispondiElimina
  37. Ma poverinaaaaaaaaaaa. che brutta fine

    RispondiElimina
  38. ciao cara grazie per le cose che ieri mi hai insegnato .

    RispondiElimina
  39. carissima, capisco la tua sofferenza, anche io quando ho perso ultimamente due miei pelosi ho sofferto tantissimo e ancora oggi, quando ci penso, piango...

    non sono morti per mano 'umana' (x fortuna no...) ma nn sto qui a spiegare, come ti dico, sto ancora male ora....

    un abbraccio....

    RispondiElimina
  40. utente anonimo28 agosto 2008 13:11

    Ti faccio tanti auguri per la tua tendinite, ci sono passata e so che male fa. L'ortopedico mi aveva consigliato ginnastica per il collo e ti dirò che un po' mi era passato il dolore. Tanti baci ai micetti! Ciao Piadonna

    RispondiElimina
  41. Mi dispiace, che dirti....dell'uomo nero ne è pieno il mondo, un giorno è toccato incontrarlo a Sissy, un altro giorno capitò al piccolo Tommaso, ieri è capitato alla turista strupata....domani chissà...c'è poco o niente da commentare quando accadono certe cose. Forse ha ragione Argenio quando dice che gli pianterebbe una pallottola in fronte.....potrebbe essere la soluzione forse...eliminare il Male con il Male, visto che il Bene spesso soccombe...Buona giornata.

    RispondiElimina
  42. Certe storie sono davvero allucinanti, cara amica, incomprensibili, se fosse possibile dare le dimissioni dal genere umano quasi quasi sarebbe una soluzione auspicabile... Leggi anche questo post e quello del 22 agosto per un'ulteriore dimostrazione...


    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  43. Il mondo è pieno di uomini neri che godono nel far soffrire, torturare e uccidere.

    pensano in questo modo di vare l'onnipotenza

    Ma hai pensato che in genere si accaniscono sugli esseri più indifesi??


    E' perchè hanno paura. Sono divorati dalla paura che cercano di esorcizzare facendo del male a chi è "più piccolo" di loro.


    Nasce solo una gran rabbia verso queste persone che dovrebbero farsi curare


    tristissima storia


    ti abbraccio


    dora


    RispondiElimina
  44. ...è vero, il mondo è pieno di uomini neri, spesso sono anche vicino a noi e sono così abili nel camuffarsi che non te ne accorgi. NERI in tutti i sensi nel corpo e nell'anima, ma per quali ideali e per quali principi morali, etici ecc. riescono a continuare a campare? un saluto...by Mary

    RispondiElimina
  45. Ho le lacrime agli occhi, sister...

    RispondiElimina
  46. Toccante... e lo dice uno che non ha mai avuto ne sentito la necessità di dare affetto a un animale.

    Non che non vorrei mai bene ad un gatto... o a un cane... ma noi senza un animale domestico non possiamo capire.


    Davvero toccante.

    Crudeltà fine a se stessa.

    Uno schifo.

    RispondiElimina
  47. Ne è pieno il mondo purtroppo. Tolgono la vita con troppa facilità per essere definiti uomini.

    Infinita tristezza per questo tuo racconto che lascia dolore e impotenza.

    RispondiElimina
  48. Fai sapere all'uomo nero che in giro c'è l'uomo invisibile...armato di pistola.

    Vediamo se ride ancora.

    RispondiElimina