lunedì 15 dicembre 2008

ZIO MARTALONE


Giorno triste oggi, giorno di lacrime confuse con questa pioggia che mi fa compagnia.



Oggi ho buttato una manciata di terra sulla bara di mio zio, non volevo, era come ammettere che tutto era veramente finito.


Photobucket


Non volevo, sembrava un tradimento, e poi voltarmi e andarmene, lasciandolo la in quel buco da solo, con l'acqua che piano piano filtrerà a bagnarlo, pensieri, solo pensieri.



Lo zio Martalone, un gioco solo nostro, un gioco d'amore e di tenerezza,



"allora Cesy, sei matta o martalone?"



"meglio martalone che matta zio Isidoro!"



Uno zio tutto da raccontare e da vedere, uno zio senza dita.



Uno zio il cui nome era scritto su fogli importanti sin dalla sua nascita !



Correva l'anno 1938,  il duce Mussolini decretò che a ogni bimbo che veniva dato il suo nome ( Benito) avrebbe ricevuto come regalo 5 lire!



Mio nonno che di figli ne doveva sfamare già 6 fu ben felice di questa opportunità, (ora divago, ma ho letto che in romagna c'è un comune che ha attivato questo "regalo" naturalmente in euro 500) e così mio zio si chiamò Benito.



Nome mai usato, per tutti era Isidoro, oggi in chiesa sembrava che il prete parlasse di uno sconosciuto, che ne sapeva lui di Isidoro, come Benito non valeva niente, ma come zio Isidoro Martalone era meraviglioso.



Ma la sua "fortuna" continuò, a 5/6 anni sul finire della guerra, amava correre dietro agli aereoplani che lanciavano dei "regali", fu così che raccolse e svitò una penna bellissima, peccato che gli scoppiò tra le mani.



Era una penna bomba che gli portò via di metto tre dita della mano destra.



La sua fortuna lo trasformò in un invalido di guerra con relativa pensione, e per la famiglia era una manna, più grandicello un lavoro protetto e sicuro in una centrale idroelettrica.


Photobucket


Niente miniera per lui, o ferriera, una vita serena con tre figli e una moglie che lo adorava.



Non pensavo che sarebbe finita così, tre suoi fratelli tra cui mio padre morti per tumore polmonare dovuto al lavoro, morti "bianche" per capirci meglio, va beh, si l'amianto, la polvere delle miniere, ma lui?



Lui in miniera non ci è mai entrato, non ha mai avuto comportamenti a rischio, eppure è morto anche lui per un maledetto tumore al fegato,



lo so che è la vita, ma vi prego, solo per stasera non ditemelo, domani potrò capirvi, ma adesso no.



Continua a piovere, chissa se l'acqua lo starà già accarezzando, è che è così fredda....



e su a Lodrone mi sa che stanotte nevicherà....

58 commenti:

  1. E' scritto come una pagina d'un romanzo. C'è una storia, la storia di zio Isidoro, della sua vita, delle sue speranze. Stanotte su a Lodrone nevicherà...Isidoro vedrà la neve cadere sulla terra, senza rabbrividire. Ti abbraccio Sister.

    RispondiElimina
  2. Ti capisco e anche tanto, Sister.

    Ti abbraccio forte,ed i silenzio. Tanto non ci sono mai parole in questi momenti che consolino davvero. Un abbraccio forte sì.

    RispondiElimina
  3. Lo sai che il mio abbraccio è sincero.

    Le tue parole sono bellissime.

    RispondiElimina
  4. Ti sono vicina, un abbraccio e una preghiera va al Grande Isidoro!


    un bacio

    Rue

    RispondiElimina
  5. come sempre hai scritto una bellissima storia, toccante, anch'io ti sono vicino, con la preghiera....un caro saluto a tuo zio e un bacione a te...

    RispondiElimina
  6. Ma che magone!

    Un pensiero a tuo zio, quasi mio coetaneo.

    Ed un grande abbraccio a te Sister.

    Luigi

    RispondiElimina
  7. Bellissime e tristissime parole,ti abbraccio

    RispondiElimina
  8. Posso solo comprendere la tua tristezza, il male ha portato via persone a me molto care e ti capisco, ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. nessuno deve, può dirti che è la vita.

    no questa non è vita..

    abbraccia forte il suo ricordo a te, scrivici di lui, scrivi di lui.. per ricordarlo notte e giorno domani. per raccontare ad altri di quanto amore tra uno zio e sua nipote, di quanto è importante voler bene ai respiri anche se siamo imperfetti.

    ma credo che per te.. le sue imperfezioni fossero perfettamente amabili.

    ti stringo.. e capisco, come molti attorno a te spero.

    RispondiElimina
  10. Un abbraccio Cesy anch'io oggi vado a seppellire un congiunto :(

    e il cielo è sempre piu' grigio...

    RispondiElimina
  11. Tuo zio ha avuto oggi,con questo scritto,una delle più belle carezze che la vita gli ha di certo regalato.Si la vita,perchè a nessuno di noi che siamo"vivi" è dato sapere se essa continua anche dopo.Stai serena,sicuramente ti guarda da lassù e non ti abbandonerà,mai!Sarà la tua guida,il tuo consigliere silenzioso e non potrà che gioire con te ,se sarai felice.Non ho parole per starti vicino quanto vorrei,solo,ricorda,che da oggi hai un angelo in più che ti guiderà nel tuo cammino.Un abbraccio,Roberto

    RispondiElimina
  12. Ti abbraccio forte, Gatta-cesy. Ci sono argomenti che non chiedono parole...

    RispondiElimina
  13. Un fortissimo abbraccione, ma stai tranquilla perchè il tuo zione sarà sempre al tuo fianco, ovunque tu sia, e credo te lo farà capire.

    RispondiElimina
  14. il lasciare il corpo di un genitore, di un amico, di uno zio, di un figlio in un buco di madre terra, da a tutti un brivido di angoscia e di terrore ....


    quante volte la scena che hai descritto .... ma non voglio farti ne un sermone, ne una consolazione da oroscopo, ma solo vedi questo fatto come un arrivederci di un amcio che partito per un posto importante e che non poteva più rimandare questa partenza....

    quante lacrime quando si saluta qualcuno che parte per un posto lontano .... ma che non siano disperazione, ma solo di tristezza ..... da risorti ci rivedremo tutti.....

    RispondiElimina
  15. Cara amica non sono bravo nelle condoglianze ma ti sono vicino.Un abbraccio.

    Color

    RispondiElimina
  16. ...ed una soffice neve lo accarezzerà. ;-)

    RispondiElimina
  17. ti ringrazio per il commento :

    visto il successo pensiamo che prossimamente prepareremo un altro balletto che ne dici?!:-)


    ora pero' leggendo questo post sullo zio torno seria, anche io ho uno zio in ospedale con un tumore....non so se avrà ancora giorni, mesi, anni....no si è voluto fare operare, che dire? stasera prego per lui e per il tuo Martalone. un abbraccio

    RispondiElimina
  18. E la neve lo accarezzerà


    "non piangere più se davvero mi ami"


    Ho letto questa preghiera meno di un mese fa per una ragazza di 30 anni che se ne è andata così, all'improvviso.


    E' la vita??


    Mah


    Ti abbraccio . Forte

    RispondiElimina
  19. Cara Cesy, i cari che se ne vanno da qui, non fanno che ritornare a Casa, dove mai più dolore e morte potranno mai toccarli,

    Ritornano allo Stato di Grazia Assoluta in cui venimo alla Vita.

    La morte, è il riaprire la porta per l'Eternità

    Un giorno, la morte non vi sarà più.

    Un caro saluto a te, bell'anima!

    RispondiElimina
  20. Un grande abbraccio, senza parole.

    RispondiElimina
  21. mantieni vivo il ricordo di Isidoro, una volta mi dicesti "...non vado nei cimiteri, i miei cari vivono nel cuore"

    è il posto dove restano vivi....

    un'abbraccio sorellina

    RispondiElimina
  22. Ciao cesy...mi spiace apprendere questa triste notizia... e ti abbraccio forte forte...certa che il tuo cuore è talmente grande da essere riconoscente verso la vita che ti ha in qualche modo fatto godere dell'affetto di una persona speciale come tuo zio...

    A presto...con affetto...

    NeLLa'S

    RispondiElimina
  23. Molto commovente. Scritto con amore e nessun sentimentalismo.

    Coraggio. Lui ti è sicuramente vicino a modo suo.

    Ti abbraccio.

    Gianluisa

    RispondiElimina
  24. Tutti facciamo il nostro corso su questa terra e quando è finito passiamo oltre. Sono sicura che nel posto in cui si trova ora è felice e sta bene....

    RispondiElimina
  25. Una buona giornata da parte mia, cara Cesy, questa storia mi ha colpito e mi ha fatto incazzare come una biscia: La storia delle dita mozzate mi rimanda a pensare alla Valsella una fabbrica del gruppo Fiat che produca mine antiuomo, e ci sono degli ingegneri che studiano le forme da dare a questi strumenti di morte, giocattoli!! perchè devono colpire i bambini!! e non ucciderli, ma mutilarli, hai capito con che abbiamo a che fare? e poi fanno la pubblicità: la punto, la tipo, sai dove gliele metterei io queste supposte ai signori Fiat!! Grrrrrrr!!

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  26. un bacione grande...vedrai lo zio è nella luce e lì nemmeno la neve potrà toccarlo.

    RispondiElimina
  27. Mia mamma e tuo zio si sono incotrati , sono sicura che stanno finalmente bene e sono sereni. Io non sono riuscita a guardare che la chiudevano nella tomba, come per il mio papà , l'ho salutata e sono andata via , sentendo la loro presenza alle mie spalle. Un abbraccio Carla

    RispondiElimina
  28. Olá! Buone festivita e uno stupendo!

    Bacci.

    http://i220.photobucket.com/albums/dd129/gatodocehot/Hot.gif

    RispondiElimina
  29. Ciao Cesy..tutti abbiamo passato momenti simili!!!

    Credo che la vita abbia toccato tutti

    Io ho perso i genitori con un tumore, ma ero giovane sai???? e anche loro erano giovani!!!

    Quanta sofferenza!!!

    Domani 18 dicembre di 16 anni fa mia madra ci lasciava x sempre....

    mio padre 10 anni prima sempre sotto Natale!!!! Forza Cesy un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  30. ...dolorosa perdita di un pezzo di vita rappresentato da una cara persona che ha lasciato un profondo vuoto...

    RispondiElimina
  31. a volte l'unico pensiero che ci rincuora è sapere che li saranno protteti da tutto e da tutti,anche se ci mancano...

    RispondiElimina
  32. so che non ci sono parole che consolino, quando morì mio papà, a 59 anni, un pezzo del mio cuore si indurì e così è rimasto. Non c'è niente che consoli, solo far passare il tempo serve. Ti stringo.

    RispondiElimina
  33. « L'alchimia serve a separare il vero dal falso »

    Teofrasto Paracelso

    Benito è un piccolo bene. Condivideva questo nome Baruck Spinoza. Baruck è Benedetto.

    RispondiElimina
  34. Mi dispiace moltissimo:(

    Ti abbracco forte....

    RispondiElimina
  35. Capisco il tuo dolore, la vita terrena è così, e a volte si interrompe prima o in modo sofferto o in modo tragico. Questo accade in questo luogo di prova, è dura, ma è così.

    Loro, che vanno via poi stanno bene, è difficile per chi resta senza di loro. Ciao cara, fatti forza tuo zio non vuole vederti triste. Ti ringrazio per essere passata da me, serena giornata.

    Annamaria

    RispondiElimina
  36. Che voli alto il dolce pensiero di chi ha amato, che nei ricordi si imprima il volto di chi si è lasciato amare....

    Ciao anima nobile, sii felice, perchè dietro di te, tra le lacrime di oggi, lasci un ricordo speciale.....

    Domani ci vedremo ancora....e così pensando, il mio dolore sparirà, e lascierà posto alla speranza e il dolore si trasformerà ancora una volta nei dolci ricordi che accompagneranno la mia vita....

    Ti abbraccio amica mia.....

    RispondiElimina
  37. Spero tu stia un po' meglio..so' che è dura...e purtroppo questo è il regalo che la vita ci fa'..un regalo che nessuno vorrebbe mai..

    Ti abbraccio

    Biby

    RispondiElimina
  38. Doveva essere un grand'uomo tuo zio. Mi spiace per il tuo dolore, so quanto sia difficile perdere una persona amata.

    RispondiElimina
  39. Mia cara Cesy, intanto grazie per la visita, anch'io non amo per niente queste manifestazioni soprattutto religiose, sono ateo convinto, e leggendo quello che scrivo avrai capito che non me ne può fregare di meno, però è una cavolo di tradizione fare gli auguri ed anch'io mi ci sono asoggettato, però c'è un però... ihihihihih! ho messo un racconto di Benni che velatamente prende per i fondelli queste ipocrite ricorrenze, mi piacerebbe che mi mandassi un pvt, per dirmi se ti piace questa piccola operazione di smontaggio del Natale,

    Ti abbraccio

    Nino

    RispondiElimina
  40. Ciao sorella,questi sono dolori che non vorremmo mai provare ma....purtroppo tutti,prima o poi, dovremo affrontarli.Tuo zio srà sicuramente orgoglioso di te e sà che lo hai amato tanto e continuerai a farlo per sempre.Da lassù lui ti guarda e ti sorride...tu pensa solo che adesso è sereno e le sue sofferenze sono finite.Lo sò è dura,ma è un modo per andare avanti e vivere.Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  41. Per oggi ti dico solo che ti abbraccio.Ciao.

    RispondiElimina
  42. Il mio silenzio accarezza la tua anima



    baci baci iry

    RispondiElimina
  43. In questi giorni ci ha lasciato anche una mia vicina....

    Buon fine settimana Lucia

    RispondiElimina
  44. Finalmente sole e sembra anche per domenica, felice fine settimana, un abbraccio Carla

    RispondiElimina
  45. Ti abbraccio forte, cercando di donarti un lieve e timido raggio di sole che oggi pare faccia capolino...

    RispondiElimina
  46. La terra lo ha accolto e lo proteggerà, ora riposerà in pace per l'eternità, Lui ha avuto l'amore di una dolce nipote. Non è poco.

    Ciao cara, F.

    RispondiElimina
  47. Mi dispiace tantissimo per questo...ma tuo zio sarà sicuramente stato felice di aver avuto una nipote come te!!!

    E adesso ti sorveglierà dall'alto e saprà ancora di più quanto lo hai amato!!!

    Un abbraccio grandissimo!!!

    RispondiElimina