mercoledì 28 maggio 2008

....... 34 ANNI FA , MA SE GUARDIAMO BENE NIENTE é CAMBIATO


Mara mi ha chiamato dicendomi che va in manifestazione.

Oggi per noi è il giorno della  memoria.

 ho piacere che mia figlia senta come un dovere questa triste ricorrenza .

 I ricordi corrono a quel martedì, chi se lo può scordare?

orror
Un martedì pieno di pioggia di un maggio freddo e strano. Ero una ragazza  che già lavorava, si cresceva in fretta,  ed entrare nel mondo del lavoro era cosa normale.

La notizia mi arrivò proprio sul lavoro, la radio sempre accesa per rendere meno faticose quelle ore, all'improvviso il silenzio,  poi la notizia, ricordo il senso di irrealtà, lo stupore  e  poi la rabbia.

Mollare tutto e andare a cercare i compagni, vedere la gente per strada piangere ed abbracciarsi come a cercare in quel contatto  la sicurezza di stare  sognando, di potersi svegliare e ridere di quei sogni così schifosi!!

Ma non era un sogno, era una realtà che ci toccava da vicino, stavolta toccava  noi!

Conoscevo personalmente Livia,  donna fantastica, insegnante e da sempre impegnata nel volontariato nei consultori femminili.

Tempi di discussioni,  di partecipazione nei collettivi dove ognuno di noi portava idee cercando un nuovo modo di  vivere.

Tempi brutti,  la violenza  era attorno a noi,   la paura si respirava  si leggeva sui muri,  lunghe scritte nere, minacciose  anche in quel  colore così marcato.

Ma se mi guardo attorno mi si stringe il cuore, sui muri vedo a distanza di 34 anni le stesse scritte.

Sento che abbiamo fallito, non è cambiato niente, il seme di quella violenza c'è sempre,

orror
Però  una speranza  vive, penso a mia figlia, oggi c'è lei al mio posto, e mi sento meglio,

Grazie piccola, ti voglio bene. 

55 commenti:

  1. scusa se non c'entra nulla con il post. ti volevo solo di re che la situazione sembra rientrata... parrebbe tutto apposto!

    grazie mille per il tuo aiuto!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo hai ragione, niente sembra sia cambiato, salutissimi Carla

    RispondiElimina
  3. Ero piccola,e non ricordo,..ma,ho bene in mente un'altra strage,..quella della stazione di

    RispondiElimina
  4. ..della stazione di Bologna,..sò che ero scioccata e terrorizzata,...e in effetti,non è cambiato molto,,,spero anch'io per i miei figli...bacio.

    RispondiElimina
  5. resistiamo e continuiamo a vivere la nostra libertà nei rapporti con gli altri e con il mondo, spazzeremo via anche questo rigurgito fascista

    Sara una risata e la "monnezza" che hanno creato a seppellirli

    hasta la victoria....siempre

    RispondiElimina
  6. Non avevo mai sentito la registrazione.

    Ho studiato molto di quegli anni, anche se io non c'ero. Son andata alle manifestazioni per BOlogna ed ho provato un senso di impotenza e anche di presa in giro.

    E' vero quello che scrivi nel titolo del post: in fondo non è cambiato molto...

    RispondiElimina
  7. NOVITà SUL BLOG....HO MESSO PER LA PRIMA VOLTA UNA MIA FOTO...

    RispondiElimina
  8. non ricordo di questa storia forse ero troppo piccola... ciao un bacione

    RispondiElimina
  9. non ricordavo..grazie per ricordarcelo...

    un abbraccio

    Ameya

    RispondiElimina
  10. utente anonimo28 maggio 2008 21:31

    Guarda la luna piena sul quadro:


    Ho trovato su youtube

    Il MOSTRO di LOCH NESS


    di M.C.ESCHER 1898-1972 NL


    http://it.youtube.com/results?search_query=nessie+escher&search_type=&aq=f

    RispondiElimina
  11. Secondo me le cose sono cambiate, certo rimane sempre qualche traccia del passato o qualche seme, ma ho fiducia che l'umanità stia crescendo.

    un abbraccio

    Rue

    RispondiElimina
  12. La violenza non ha colore; chi ne fa uso é un criminale e basta, e perde il diritto all'ideologia.

    RispondiElimina
  13. Ma siamo geneticamente non modificabili? Ripetiamo sempre gli stessi errori e orrori. Speriamo...Ciao Piadonna

    RispondiElimina
  14. Ero piccolo ma ricordo quel disastro alla stazione ferroviaria,una cosa tremenda,però penso che non tornerà mai più.il male dobbiamo lasciarlo alle spalle.

    RispondiElimina
  15. sono perplessa, ma li leggete i giornali?

    pensate che dicono nemmeno la metà di quel che accade!!

    ci sono ancora, picchiano ancora,

    uccidono ancora!

    se poi le vogliamo chiamare "ragazzate", behh io non ci sto, sono chiari sintomi che si sentono legittimati a fare così, si sentono le spalle coperte, sono forti del vostro minimizzare, scusate, ma solo per una volta, solo per chi ci è morto, aprite gli occhi, guardatevi attorno e ditemi se questa è la libertà che volete per i vostri figli!

    RispondiElimina
  16. la stampa?...buoi con un anello al naso portati a spasso dai potenti...

    un bacio

    Maluan

    RispondiElimina
  17. Hai trasmesso a tua figlia i tuoi valori, e questa è una gran cosa...

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  18. io ricordo bene tutto... che tristezza... ma è ancor più triste che certe cose non è che insegnino poi molto...


    Un bacione

    RispondiElimina
  19. il mio buon giorno, che sia speciale

    RispondiElimina
  20. ...con la stessa rabbia, ma purtroppo anche la con stessa impotenza...con il fallimento degli ideali addosso...un abbraccio. Bru

    RispondiElimina
  21. Hai gia' una figlia cosi' grande?! Che bello..! E fa proprio bene ad andare alla manifestazione... e' una ragazza in gamba :)

    RispondiElimina
  22. ciao Lunamà, sono venuta a render visita .... per ora di corsa ma conto di tornare, buona giornata Mari

    RispondiElimina
  23. Spero che la parola "violenza", prima o poi, venga cancellata dal nostro futuro...

    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  24. Di cose da cambiare a questo mondo ce ne sono troppe

    RispondiElimina
  25. Quando è accaduto avevo soltanto 5 anni. Perciò non ho un ricordo diretto. Ne ho sentiro parlare molto in seguito. Anch'io non credo che il mondo sia cambiato rispetto agli anni '70. Purtroppo la violenza imperversa ancora.

    RispondiElimina
  26. A questo punto direi tale madre tale figlia....

    Bacioni...

    Sperando che qualcosa migliori davvero

    RispondiElimina
  27. MI hai fatto ricordare, ricordare quei tempi brutti di violenze, ho l'impressione che qualcuno voglia far rivivere quei tempi, speriamo di no........

    Ciao

    Vinicio

    RispondiElimina
  28. ciao...una dolce serata

    un bacio

    Maluan

    RispondiElimina
  29. Racconto, forse fuori posto, una storia che, a sua volta mi è stata raccontata. Era la sera del primo Agosto di tanti anni fa. Un mio amico era a Castrocaro Terme come tutti gli anni a fare l’animatore del Grand Hotel. Quella sera finì la serata, convincendo l’occasionale cantante del Bull Bull (discoteca locale) a trattenersi in albergo con lui. Sarebbe dovuta partire la mattina dopo per Milano. Non fu più solo serata, ma mattina inoltrata e la cantante non partì quel giorno, a quell’ora, con quel treno.

    Quel giorno a Bologna, in quella stazione a prendere quella coincidenza per Milano doveva esserci anche quella cantante, che non c’era, perché era a letto con il mio amico.

    Il mio amico, facendo una “porcata”, ha salvato una vita! Ma quanto saremo provvisori? Ma quanto è sottile il filo del nostro destino?

    Se io fossi stato il mio amico non so se mi sarei vantato della cosa, ma so che la cantante ancora gli manda gli auguri per Natale!!!

    Ciao, bacioni!

    RispondiElimina
  30. Ciao tesora bella.!!..stò lavorando questi giorni,per questo non mi vedi in linea,..ma ci sonoooo sempre...,ho visto le tue foto di quel posto meravigliosooo,.sei quella con gli occhiali??Scusa sono curiosa!!!bacio.

    RispondiElimina
  31. è difficile ammettere che non è poi cambiato molto :-( ...fa così male...

    RispondiElimina
  32. Piazza della Loggia è una ferita aperta. E che resti tale finchè non arrivino verità e giustizia a sanarla. Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Ciao carissima, buona serata anche a te, pensa se tutta questa pioggia poteva lavare via tutte le brutture che ci circondano, Caròa

    RispondiElimina
  34. scrivi e leggi le tue idee!

    ogni giorno nuovi articoli, pubblicazioni, commenti, storie e discussioni!


    www.attentamente.com


    Ass.Cult.Attentamente

    RispondiElimina
  35. Buongiorno e buon w.e. allungato...

    RispondiElimina
  36. Grazie per preoccuparti per me

    e sta tranquilla in qualche modo mi riprendo

    ora e uin periodo cosi e da sola nn ce la faccio! tutto qui ma sto meglio di quanto sembra credimi

    RispondiElimina
  37. Buon super weekend!

    un abbraccio

    Rue

    RispondiElimina
  38. è verissimo cio' che dici....purtroppo!

    Ciao,buon week end

    RispondiElimina
  39. verissimo, non è cambiato niente.

    Molto bello la fiducia in tua figlia.

    Un abbraccio e buon weekend

    RispondiElimina
  40. Buona serata! Dai che domani è sabato!

    <img src="http://i270.photobucket.com/albums/jj98/tggp/wednesday/057.gif> <br/><br />Un abbraccio<br/><br />Emme

    RispondiElimina
  41. che bello visitare qui..tanta bella energia..un bacio

    RispondiElimina
  42. Sono passata per lasciarti un saluto e rassicurarti che sto bene!!!

    Tanti baci e buon ponte!! :D

    RispondiElimina
  43. Buonasera!!..Sono stanchissima,..sì cara,..oltre a lavorare stò dormendo poco,..mi ha fatto ridere il tuo comm.di stamattina!!In effetti era ancora notte,..ma poi sono riuscita a riposare ancora un pò,..non preoccuparti!!Un bacioneeeee..ciao!

    RispondiElimina
  44. Ehi ciao!!riesco a passare per fare un saluto e... cavolo!Ma è affollatissimo..cerco di farmi spazio tra la folla per augurarti una buona serata!!! Sciaoooooooooo...

    RispondiElimina
  45. CIAO, GRAZIE PER LA VISITA.... E per i complimenti :)

    ciaociao

    RispondiElimina
  46. Davvero ritieni che sia come allora? Le scritte sui muri ci sono, è vero, però per fortuna non ci sono più bombe, proiettili, sequestri e spedizioni punitive. Non viviamo nella migliore società possibile, ma neppure nella peggiore per fortuna. Non trovi? Un abbraccio.

    RispondiElimina
  47. Grazie per il tuo passaggio nel mio blog! Così ho potuto apprezzare questo ricordo triste ma importante, di fatti che mai devono essere cancellati dalla memoria collettiva!

    RispondiElimina
  48. Un abbraccio e buon fine settimana cara amica :-****

    RispondiElimina
  49. bellissimo post....fa veramente riflettere

    buonanotte e un bacio dolce^_^

    RispondiElimina
  50. la violenza passata si cancella con la solidarietà del presente...............vuoi essere una goccia?

    dacci il tuo aiuto

    un salto nel mio blog, niente di speciale,ma niente da perdere

    RispondiElimina
  51. Nel 1974 non ero nata, ho sentito parlare della strage di piazza della Loggia, ma mai da persone che l'hanno vissuta tanto da vicino.


    Ho ascoltato l'audio di quel giorno, e ho letto le tue parole, che dire... mi sono immedesimata in voi, in quel periodo, in quei momenti e mi sono commossa.


    Penso che sia giusto continuare a parlare e riparlare di quello che è successo nel passato, perchè anche chi non lo ha vissuto sia a conoscenza non solo dei fatti, leggibili sui libri di scuola, ma delle emozioni, delle paure, delle angoscie, dei sentimenti che non si possono trasmettere se non dalle parole di chi li ha vissuti.


    Buona domenica, e grazie per questo post.

    Lilit

    RispondiElimina