venerdì 17 ottobre 2008

LE DUE CONSUOCERE

solitudine Pictures, Images and Photos

Dal mio cappello dei ricordi stasera ho preso in mano una storia quasi divertente.


Era ora,  dirà una certa persona che continua ad accusarmi di tristezza leopardiana!


La lascio raccontare a Mara, e in punta di piedi mi allontano....


Il reparto ospitava due arzille vecchiette, vivevano in due stanze singole, una accanto all'altra, ed erano consuocere!


Due vecchie e nobili dame, le loro stanze erano impregnate da tutta la loro vita passata, ogni più piccolo spazio era occupato da foto, libri, lettere e ancora foto e vestiti, persino i mobili erano di "casa loro".


Solo le gambe non funzionavano, e per questo affronto erano perennemente arrabbiate con il mondo intero!


Ma la cosa che proprio non riuscivano ad accettare era il sapersi accumunate in un destino uguale, da sempre rivali e ora assieme in un vivere mai nemmeno sfiorato!


Per tutta la vita si erano guardate in cagnesco, sicurissime nel loro diritto di madri di poter dire che l'unione dei loro amati figli fosse tutt'altro che riuscita.


Nonne entrambe di nipoti affettuossissimi, ma guai se sapevano del loro passare da una stanza all'altra!


Così tutte le sante mattine c'era un andrivieni tra una stanza all'altra.


La mattina si iniziava così, "signorina, vada, vada a vedere come si veste, QUELLA  stamattina"


Corsa nella stanza n.2, QUELLA ti aspettava con TUTTI i bellissimi vestiti sul letto e con un sorrisetto diabolico, quasi sfidandoti ....


"Vada pure a dire alla SIGNORA CHE SO  IO che stamane tocca a lei vestirsi prima.


Ritorno mesto in camera n. 1, masticando tra i denti una bugia si cercava di mediare tra vestiti, collane e trucchi vari,


Photobucket

e si, regine si sentivano, e come regine si vestivano e si truccavano, ma solo se anche l'altra  stava al gioco!


Vivevano solo per farsi dispetti l'una all'altra,


era la sola cosa che le faceva alzare la mattina, il sapere se l'altra stava male, per esclamare con voce gioiosa,


"l'avevo sempre detto io che era una "popolana"



39 commenti:

  1. è bello comunque ricordare queste storie di persone che esprimevano il carattere e l'antagoniscmo che era proprio di un tempo :)


    br /src="http://www.spiritoribelle.com/blog/Magic_Colours/buonanotte/buonanotte17102008.jpg">


    Come le onde di un mare lontano

    Come la carezza del vento

    Come il raggio di luna che scalda la notte

    Come un sogno che ti culla

    Come la luce che schiara il tramonto


    Buonanotte a te amico e amica che la notte ti sia vestito :)

    RispondiElimina
  2. bisbeticodipendenza :-)

    in caro saluto

    RispondiElimina
  3. rivivo i momenti, di liti fra vicini con protagonista il mio vecchio, solo che c'andavano giù pesanti, fino ad arrivare ad avvelenarsi i conigli, siam dovuti intervenire noi figli e farli riprendere con romanzina dai carabinieri

    RispondiElimina
  4. hai visto che anche all'ospizio si ride!!!!!!!!!!

    bella questa proprio bella

    consuoere insieme però...

    che sfiga nè

    ciao bella

    viky

    RispondiElimina
  5. un "armonioso" convivere


    baci baci iry

    RispondiElimina
  6. ...Simpatico svolgersi ed evolversi di un nuovo modo di vivere e di relazionare...interessante anche se costretto da personali vicende...

    ...Mi piace oggi leggerti senza veste di leopardiana tristezza, ma mi piace anche quando ti presente con quell'abito che mi spinse a farti quella considerazione:)

    RispondiElimina
  7. guarda conosco persone che son davvero così...

    Però sono sfide che magari aiutano ad andare avanti...

    Buon fine settimana... mi sono incantata nel vedere le foto dei tuoi mici... sono adorabili

    RispondiElimina
  8. Le storie dei vecchietti sono sempre divertenti

    RispondiElimina
  9. Sono sempre teneri i racconti scritti con l'inchiostro dei capelli bianchi

    RispondiElimina
  10. Certo che avevano ancora uno spirito battagliero! Una scenetta di vita dipinta con allegria. Non è vero che Mara ha una malinconia Leopardiana. Mara ha anche Cesy dentro:-)))

    RispondiElimina
  11. Dovevano essere veramente due simpatiche signore...

    Buon sabato sera e buona domenica...

    RispondiElimina
  12. Difficile cambiare carattere !!! eh eh eh

    A volte , come in questo caso, forse è un bene .

    Il mio abbraccio ,Lilia

    RispondiElimina
  13. Appero' vuol dire non annoiarsi mai!!!



    Sai che x la crociera non è male!!! Non ci avevo mai pensato!

    Bene..bene!!!

    RispondiElimina
  14. Resistenti fino alla fine le consuocere! Chissà che vita avevano fatto fare ai familiari..


    Buona Domenica

    RispondiElimina
  15. Forse in fondo..si volevano anche bene.

    Buona domenica..

    Ti abbraccio

    Biby

    RispondiElimina
  16. io vado con Semmy se voi ci siete ci si trova là..

    ciao viky

    RispondiElimina
  17. donne di una volta :-)

    un bacio

    Maluan

    RispondiElimina
  18. Un loro modo molto speciale di volersi bene...strana la vita vero?

    Piccola io ti ho inclusa in un altro premio perchè anche se non ci si conosce ti ho considerata un'amica preziosa...sei stata molto affettuosa...perdonami per la distrazione...un bacio a presto:-)))

    RispondiElimina
  19. buonanotte Sister :)


    br /src="http://www.spiritoribelle.com/blog/Magic_Colours/buonanotte/buonanotte191008.jpg">

    RispondiElimina
  20. dolcissima settimana a te

    ciauffffff

    RispondiElimina
  21. Simpaticcisima questa storia, mi ha calata direttamente in quella casetta, in quelle due stanze tra i loro profumi e le loro atmosfere..

    RispondiElimina
  22. Sbaglio o ieri è stato il tuo compleanno?

    Ancora in tempo per gli auguri????

    Un abbraccio e un sorriso

    RispondiElimina
  23. Carina questa storia...

    Non mi è mai capitato di vedere una cosa simile in ospedale...

    Dev'essere da una parte quasi buffa, da una parte tragica, vedere due persone, che pur essendo accomunate dallo stesso destino che ancora non hanno capito proprio niente....

    E si sa che malattia e morte non guardano in faccia i plebei o i nobili!

    Un abbraccio!

    :)

    RispondiElimina
  24. abbraccioooooooooooooooo

    baciooooooooooo

    ciauuuuuu

    RispondiElimina
  25. br /src="http://www.nuvolabiancagrafica.it/cartoline%20buonanotte_files/Ondina_buona%20serata00.jpg">


    Buona serata Miaooooooo :)

    RispondiElimina
  26. Le vedo ste decrepite, dolcissime grandame....Mia nonna era così.

    bacio

    RispondiElimina
  27. Buon martedì cara...

    un abbraccio*

    Anna..

    RispondiElimina
  28. ...Veloce passaggio nel saluto di una giornata brumosa da queste parti con nuvole tristi che han voglia di pianto...

    ...sarò piuttosto assente...debbo prendere cura di me...

    RispondiElimina
  29. Ciao poetessa!!!Cmq e' veramente facile fare il video.Me lo ha spiegato una mia amica di blog..Ed io ora lo spiego a te.Scarica il programma gratuito

    http://www.microsoft.com/windowsxp/using/digitalphotography/PhotoStory/default.mspx


    metti le foto che vuoi o le immagini

    inserisci la musica e poi decidi tu se metterli sul pc sul telefonino o spedirlo via email.

    Io dopo averlo messo sul pc l ho caricato su you tube,

    Baciiii.

    RispondiElimina
  30. Grazie mille per essere passata nel mio angolo di Paradiso,spero di rivederti ancora.Ho sbirciato nel tuo mondo,ma vista l'ora,ripasserò più tardi per leggere tutto con più calma,visto che c'è tanto da leggere.Grazie anche per la "sorellina"...molto affettuoso.A presto,Cinzia.

    RispondiElimina
  31. ciao e grazie per il bel commento da me..:-) beh..ci sto provando con tutto me stesso ed il lavoro mi piace..speriamo vada avanti sempre così..a presto

    RispondiElimina
  32. Una storia con il sapore di una volta :)

    RispondiElimina
  33. E' una storia senza tempo che racchiude un bellissimo sorriso.

    RispondiElimina
  34. Le bianche facce dei ricordi gridano dentro di loro, e compiono prodigi di valore contro i giorni a venire che sembrano usciti dalla notte.


    le arzille vecchiette, senza dubbio hanno tanto fatto, tanto pensato, magari qualche volta viaggiato sotto falso nome.

    assicurandosi la luna nello stagno, l'affetto dei nipoti, l'amore dei figli.


    e come un cielo litiga per la prima luna, così loro oggi stridono, e lì lì, nell'incredibile simbiosi, senza volerlo, ancora vivono.

    RispondiElimina