martedì 21 ottobre 2008

RICORDANDO UN'AMICA

Oggi ho pensato tanto a una mia cara amica che non c'è più,


e ho deciso di ripostare il post fatto su di Lei e la sua Carolina.


Ricordandola il suo sorriso mi scalda dentro.


Domani sono già 2 anni che ci ha lasciato,


sicuramente Lei ridacchierà leggendomi.




Questa è la storia di Carolina e di Elena.


Un'amicizia unica e intensa, vissuta da ambo le parti con un amore speciale.


Una storia che vi racconto piano piano quasi sussurrandovela, rivivendola con voi.


Una storia che fa male, che va a smuovere ricordi sopiti, rivivere sorrisi che ora sono  nel cuore, risate che risuonano nella mente...


Carolina è figlia di Sissi e Artù, e da subito si era  capito che era una micina dal carattere importante.


Un carattere difficile, spigoloso, non amava il rumore il giocare con i fratelli non la interessava, rimaneva ore in un angolino a studiare il mondo, sfuggiva le carezze e ti guardava con gli occhioni ambrati come a dirti " E ora che te ne fai di me? "


Naturalmente è rimasta l'ultima, nessuna la sceglieva, emanava dal suo corpo una regale indifferenza verso chi veniva a vederla.


Poi, un sabato è arrivata una coppia con un bimbo.


Ricordo lei, tutta vestita di chiaro con un sorriso dolcissimo,  lei che si avvicina alla pestifera, io che già so come andrà a finire guardo sconsolata la scena.


Rimango sconcertata, la peste si annida tra le mani di Elena e comincia a fare la danza del latte .... incredibile ... e fa pure le fusa.


La serata finisce con una pizza e l'inizio di una nuova amicizia.


Ci vediamo spesso, ci scambiamo confidenze e lei mi fa partecipe della sua battaglia contro una malattia e questo ci unisce ancora di più.


Passano i mesi e tra una terapia e l'altra ci sono le vacanze al quale Carolina partecipa sempre ( Venezia, L'isola d'Elba ) , è diventata la bambina di casa.


Ricordo la telefonata di Elena, disperata perchè era morto un piccolo di Carolina, si sentiva in colpa perchè si era addormentata,  lei era sicura, sicura che il micino non sarebbe morto se lei fosse stata   sveglia .... cara, cara Elena, amica di una sensibilità rara, unica.


Passano mesi belli e passano mesi così così, ridiamo di come Carolina si sia eletta sua custode, nessuno al di fuori di Davide e Mauro possono baciarla, graffia sua sorella solo perchè la vede mentre l'abbraccia aiutandola  ad alzarsi, non l'abbandona un attimo, diventa la sua ombra.


Un'ombra a volte difficile da gestire quando Elena peggiora, sembra che Carolina sappia, che non voglia perdersi nemmeno un attimo della sua amica.


Elena mi racconta di furiosi urli di grattamenti sulla porta quando la chiudono in bagno, perchè in casa ci sono estranei per aiutarla nelle terapie, ridiamo insieme le dico di non mollare... le ordino di non mollare.... che dobbiamo fare tante cose, andare a "mangiare strano" andare in montagna e poi tante cose ancora dobbiamo fare ,tante risate ancora......


Ricordo quella domenica ... 22 ottobre... il messaggio sul telefonino,


Elena non c'è più ...


sono andata subito a salutarla, era sempre bella, era lei, vestita dal suo colore preferito, il bianco.


Carolina l'ha accompagnata in questo suo percorso, e ha condiviso con lei tutto, sono sicura che anche una micia basta a darti forza, a darti coraggio e a sentirti meno sola.


Penso spesso a Elena, e mi sento fortunata per averla conosciuta,


 Confesso che non ho mai cancellato il suo ultimo messaggio nel quale affermava di volermi bene .....

57 commenti:

  1. alora scoltami ti avo vieduto pasare sul mio bloghino, e avo legiuto il tuo dolcie e triste post ma belo, e anche avo lasciato un abracio peloso in direta sperando di esere il primo

    Ero il Gato velocie più dela lucie

    RispondiElimina
  2. Ho letto il tuo post, e poi l'ho riletto ancora, con gli occhi lucidi e brividi nel cuore.

    Una donna straordinaria, Elena, e Carolina aveva subito capito la sua sensibilità e la sua dolcezza, per questo si legò subito a lei.

    La vostra, Cesy, è stata un'amicizia bellissima ed è comprensibile che tu la conservi nel cuore e la ricordi in questo triste anniversario.

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. Cara Cesy, questa storia è bellissima e allo stesso tempo triste, come solo la vita può essere. Ti scrivo con gli occhi lucidi, forse non te lo dovrei dire, ma è così. Non ho mai conosciuto Elena e me ne dispiace molto, perchè persone così meravigliose come lei sono luminose e speciali come stelle cadenti. Per fortuna ci hai pensato tu a farmela conoscere, attraverso il tuo racconto di straordinaria sensibilità e dolcezza. Elena sorride, da lassù. La vita se l'è portata via, ma la vostra amicizia e quel calore umano che ti ha lasciato è un qualcosa di molto prezioso, che vale sempre la pena di essere vissuto, e che non morirà mai. Mi viene in mente anche la gattina...Gli animali sono di una sensibilità incredibile...E pensare che ci sono certi personaggi che dicono che non capiscono niente!!! Ti abbraccio forte, cara Cesy. Sei veramente una cara persona, ce ne fossero di più come te :)*

    RispondiElimina
  4. Come si fa a non commuoversi di fronte ad una storia cosi tenera e triste. Penso che non dimenticherai mai la tua amica Elena e Carolina.

    Un abbraccio.

    Luigi

    RispondiElimina
  5. Piccola Cesy, noi abbiamo già parlato di questo, ricordi?

    L'amore non passa, la tristezza un pò si, aspettiamo dunque che il dolore si smorzi e affrontiamo la vita con la volontà di viverla per 2.

    A me non piacciono troppo i gatti ma devo dire che questo è adorabile.

    un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  6. Un'amicizia invidiabile, vera e profonda

    RispondiElimina
  7. Bellissimo sto post...

    buona giornata

    RispondiElimina
  8. coinvolgente ricordo, di quelli che restano dentro

    RispondiElimina
  9. Le tue storie mi commuovono fino alle lacrime, mando un pensiero alla tua dolce amica Elena.

    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  10. Ciao, come va? Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. l'unica cosa certa su questa terra è la morte.. eppure non riusciamo mai a farci i conti... quando si avvicina a noi e ci porta via qualcuno che amiamo... ci difendiamo con i nostri ricordi... per il dolore a volte è immenso...


    che dire.. un bacio dolcissima donna... credo che sia una vera fortuna anche conoscere te...

    RispondiElimina
  12. Bellissimo il tuo ricordo per Elena e dell'affetto che ha saputo darle Carolina, un grossissimo saluto Carla

    RispondiElimina
  13. mi hai fatto commuovere...

    bello il tuo blog e specialmente questo post.

    Un saluto e buona serata

    RispondiElimina
  14. Sei riuscita a commuovermi...Una storia dolcissima...ti abbraccio fortissimo!

    :*

    RispondiElimina
  15. Credo che le persone, quando il ricordo è così vivo e presente, in fondo non muoiono mai, perché continuano a vivere nella nostra vita. Mi piace pensare che sia così!

    RispondiElimina
  16. Bellissime e commoventi storie di vita vissuta.

    Ciao

    Vinicio

    RispondiElimina
  17. Gli animali hanno la prerogativa di scegliere. La micina, così chiusa, così restia a dare confidenza, si era data a quella bambina. Una storia delicata e dolce, seppur drammatica e dolorosa. Una storia che fa male leggere.La micetta è riuscita a superare la scomparsa di Elena?

    RispondiElimina
  18. che dire? sto piangendo nn riesco a scrivere scusa.....

    RispondiElimina
  19. Seppure nella tristezza della perdita che solo l'essere umano può provare questa è una bellissima storia d'Amore Cesy, custodiscila nel cuore come fai, sentirai sempre la sua presenza, sempre, Elena non se ne è andata, ha solo cambiato dimensione ;-) un abbraccio e grazie per questo tuo ricordo condiviso,

    Elena

    RispondiElimina
  20. Ho gli occhi lucidi, è una storia bellissima. Un saluto

    RispondiElimina
  21. uff sono commossa!

    questa storia la sta vivendo una persona a me cara...

    guai a chi mi tocca i miei micini,le loro fusa alleviano i dolori..

    RispondiElimina
  22. gli amici che son partiti io li porto nel cuore..

    porta Elena con te

    Viky

    RispondiElimina
  23. buongiorno dolcissima ..è una storia molto bella e commovente ..bacio

    RispondiElimina
  24. Bella storiella.....ma vorrei capire, a prescindere sempre delle nefandezze perpetrate da alcuni facenti parte del genere umano....perchè c'è sempre più gente che si impegna ad amare gli animali eludendo i suoi simili....non so se rendo l'idea, dovrò farne un post, non posso pretendere risposte in quattro righe di commento....buona giornata sister....

    RispondiElimina
  25. Buona giornata..Il mio abbraccio.

    RispondiElimina
  26. Una storia triste ...è vero...però racchiude tanti bei sentimenti...e sopratutto un amicizia...un dono bellissimo che tu porterai sempre con te...

    Baci...

    LeAAA

    RispondiElimina
  27. ...un giorno, ognuno di noi non sarà più in questa terra, ma quando qualcuno se ne va, non muore mai veramente, finchè, dentro di noi ci sarà una forte fede potremmo riuscire a vedere anche ciò che nessuno in questa terra oramai non vede più perchè superficiale, perchè sfiduciata...


    E' ciò che ognuno di noi porta dentro di sè che dà senso e colore nella vita, per non smettere di vivere ancora prima di morire in questa terra.


    Un caro saluto

    by Cinzia

    RispondiElimina
  28. Ho letto il tuo post, con disagio ( sono l'infermiera oncologica ) e con tenerezza, per la tua amica Elena e per la micetta Carolina.

    Ho preso la mia prima micia 12 anni fa, la seconda 11 anni quasi, la terza quasi 3 anni fà e la quarta 2 anni poco più, 2 da gattili, 1 abbandonata, e solo la prima da un'amica che doveva darla via perchè ne aveva troppi, ora è arrivato da 10 giorni l'ultimo, un maschietto di 3 mesi, ed è la tenerezza fatta gattino....sono la mia famiglia, quella non ho avuto, non me ne frega nulla se mi criticano quando dico

    : "amori della mamma" ....

    Sono speciali, ed è verissimo, ti scelgono, non sei te che scegli loro ... assolutamente no ....

    Ciao

    Pat

    RispondiElimina
  29. Anch'io ho perso un'amica vera...si chiamava Anna..ma che dirti..mi sembra che sia sempre qui con me..

    Forse quel filo sottile non è stato reciso,e io sono felice che sia cosi'

    Un abbraccio dolcissima amica

    Biby

    RispondiElimina
  30. C'è una grande dolcezza in questo tuo post. Tanta


    bacio

    RispondiElimina
  31. ancora una volta sono commossa, lacrime su lacrime. penso allo struggimento, al vuoto, alla mancanza. per te e Carolina. povera piccina. alla sofferenza di Elena, lei, così speciale.

    alla tua dolcezza.

    un bacio Cesy.

    RispondiElimina
  32. anchio ma lo sempre fatto in silenzio... puoi venire ogni qual volta tu vuoi,e se ti va lascia pure un po di te..

    RispondiElimina
  33. sento in sottofondo il grande Francesco, non sarà un caso che tu abbia messo "farewell".

    Proprio lui, una volta disse "c'è un tempo che si va sempre ai matrimoni, poi, tutto ad un tratto, comincia il tempo che vai sempre sempre ai funerali. Lì ti accorgi che il tempo passa".

    E i gatti sono angeli che scelgono chi accompagnare. Carolina ne è l'ennesima dimostrazione.

    RispondiElimina
  34. Ti alscio la mia buonanotte senza immagini stasera ma con sincerita' :)

    RispondiElimina
  35. chiunque conosca questi teneri manigoldi (mentre l'augusto sederotto di picchiotto mi contende la tastiera) sa che si può parlare di afflato interspecifico, dove il pensiero razionale si arresta, e lascia il posto alla suggestione dell'Anima Mundi

    RispondiElimina
  36. Cara Cesy... la commozione è tanta... ci sono storie che nn puoi dimenticare .. ci sono parole che rimangono scolpite nel cuore x sempre...

    scusa l'assenza m a stiamo vivendo un dramma terribile quello dell'alluvione

    RispondiElimina
  37. Ho le lacrime agl'occhi...

    Sono sicura che Carolina sia stata vicina ad Elena, l'abbia aiutata anche durante le crisi...

    Ci sono dei giorni in cui i ricordi ci servono per continuare, per pensare a quanto siamo stati fortunati ad incontrare persone speciali nella nostra vita...

    RispondiElimina
  38. Bello il tuo post!!!

    L'amicizia è preziosa che lascia un vuoto grande!! Ciao!

    RispondiElimina
  39. Un'esperienza davvero particolare, capace di toccare il cuore. Penso che gli animali possano essere una grande forza quando, come in questo caso, sono molto amati.

    un bacio

    Rue

    RispondiElimina
  40. UN' emozione... un abbraccio.

    RispondiElimina
  41. Fai vibrare il mio cuore come sempre, grazie! E stasera più del solito...

    Sono grata alle tue parole che spesso ridanno il senso reale dell'esistenza.

    RispondiElimina
  42. Non so...anch'io ho dei ricordi e dei pesi (buoni) così. Non mi fanno più forte. Ogni giorno che passa sento dei macigni.

    RispondiElimina
  43. Una storia dolorosa e bellissima. I nostri amici animali hanno un senso in più, quello dell'amore incondizionato. E sono loro a "sceglierti" ed è per sempre. Gli amici che ci lasciano non ci lasciano mai veramente, io credo. Finché noi viviamo, anche loro vivono. Dentro di noi. E sicuramente anche negli occhi di una gattina. Un abbraccio di Buona Domenica.

    RispondiElimina
  44. Mi ha stretto il cuore questa storia

    :( gli animali esprimono molto...ci consolano a volte dalle futili parole degli uomini.

    Buona domenica :)

    un abbraccio!

    RispondiElimina
  45. Una storia triste e commovente. Mi spiace tanto per la tua amica.

    Hai scritto questo post con il cuore.

    E' davvero molto bello.


    un abbraccio

    RispondiElimina
  46. Tu sai che ho un cane, Yoda che amo moltissimo, ricambiata.

    Ma molti anni fa, 12 , ho perso una carissma amica che ha combattuto con la forza di amazzone un cancro, per 7 anni. Viveva da sola con una gattina stupenda. Anche questa gattina era la sua perenne guardiana, e condivideva le sue sofferenze. Cristina era il nome della mia amica, come me, era stoica ma non riusciva mai ad ingannare la sua gattina.

    Adesso la gattina vive con un nostro amico che già aveva un cane e un altro gatto.

    Un abbraccio Cesy

    :)

    RispondiElimina
  47. Non ci sono parole alla perdita di un amico, è un pezzo di vita che sembra abbandonarci. Invece è lì sempre pronto a rivivere e a darci tenerezze di cui, forse solo ora ,comprendiamo l'importanza. E ci sarà un giorno, come è successo a me, che qualcuno ti vedrà sorridere davanti alla sua foto perchè l'hai visto ridere come faceva sempre quando vi raccontavate qualche facezia. Un abbraccio e... viva i gatti

    RispondiElimina
  48. non sai come posso capirti, un amico è un bene cosi' prezioso!!!

    riesci sempre a farmi commuovere!

    RispondiElimina
  49. Mi ha colpita questo tuo post.

    Suscita grandi emozioni xchi crede nell'amicizia. Per chi ama gli animali.

    Leggendo...poi aumenta...

    quel che io chiamo...il nodo....

    alla gola.

    Dal cielo una finestra.

    RispondiElimina
  50. Son stata qui a leggere un po' di cose e su questo meraviglioso post,ti lascio l'augurio di una serena giornata.Kiara

    RispondiElimina