lunedì 9 giugno 2008

….. LA STORIA DI SISSI ….

Abbiamo lasciato Sissi sotto il divano, ricordate?

Incavolata e affamata ma decisa a resistere ad oltranza!

Ricordo bene il periodo, era verso la fine di Dicembre del 1996.

 Dal 1 di Gennaio 97 sarei rimasta a casa dal lavoro, finalmente avrei fatto solo la mamma a tempo pieno, casalinga felice con mille interessi messi da parte durante gli anni lavorativi.


Ora guardando Sissi, pensavo con fiducia alla lotta che mi aspettava, contenta del tempo che potevo dedicargli per farmi accettare ed amare da lei.

Ricordo con piacere quelle ore, io seduta vicino al divano che le parlavo dolcemente, cercando di avvicinarmi con la ciotola del cibo, per poi fermarmi davanti al suo furioso soffiare e l’annaspare dei suoi artigli pronti a lasciarmi addosso il suo rifiuto.

Il cibo lasciato a distanza di sicurezza, la cassetta per i suoi bisogni in caldaia.

Durante il giorno non mangiava, quasi a dimostrarmi che non la “comperavo”,

non andava neppure “in bagno”.

Ma la notte!

Di notte protetta dall’oscurità mangiava, mangiava dosi industriali di crocchette e umido, e usava il bagno.

 Se mi alzavo, incuriosita per vedere la sua reazione all’ambiente, immancabilmente vedevo i suoi occhi d’oro che mi fissavano indifferenti da sotto il divano.

Poi ho iniziato a dargli la pappa solo in mia presenza, parlandogli dolcemente allungavo la ciotola; le prime volte rispondeva soffiando e guardandomi con astio, poi piano piano si avvicinava al cibo, mangiava con gli occhi fissi nei miei, pronta a balzare sotto il suo rifugio al primo movimento sospetto!

Così per 40 giorni!

Ma ogni giorno che passava Sissi si avvicinava di più alla ciotola che io tenevo sempre più vicino a me.

Mangiava vicino, certo, ma non l’avevo mai sfiorata, i suoi occhi dicevano che non era pronta.

Non era pronta a lasciarsi alle spalle il suo passato, non si fidava di nessuno, ma io non riuscivo a lasciarla stare, lei era la “mia gatta”, no, di più, lei era me.

In Sissi ho trovato tante cose di me, nel suo modo di chiedere senza dirlo, il suo rannicchiarsi per prendere le coccole ad occhi chiusi, facendo finta di dormire, il suo “sorriso” nei momenti di solitudine che ci trovava felici di essere assieme.

Ecco che sto divagando, ma torniamo alla mia principessa.

La prima timida carezza è stata una conquista da Everest, sole io e lei, con quegli occhi che mi parlavano, mi chiedevano di non farla soffrire.

Era disposta a ritentare, ma solo con poche persone, ed io ero una di quelle.

Dovevo accettarla così, con quel suo carattere spigoloso, ho allungato la mano toccando il suo mantello d’argento e ho sentito la paura attraverso il suo corpo irrigidito.

Avrei voluto stringerla tra le braccia, accarezzarla e baciarla, ma sapevo che non potevo, era lei che stabiliva le regole, lei che dava il tempo.

Una cosa strana, non ha mai fatto le fusa, se a volte succedeva, si fermava spaventata e si guardava attorno quasi a cercare il colpevole.

Per oggi basta, ora Sissi è fuori dal suo volontario esilio.

Alla prossima…

32 commenti:

  1. sarà l'indole carica di sensibilità che ho nel cuore, ma.....questa storia è allucinante, da farci un libro.....aspetto l'abbraccio e le coccole!......di Sissi!....ciao

    RispondiElimina
  2. Buongiorno sono a Roma di nuovo. smk

    RispondiElimina
  3. passo per invitarti alla mia festa virtual del mio compleanno che si terrà il 10-06-2008 sul mio sito:http://echidipoesia.com, ci saranno giochi ed un regalo da portare via, porta tutti i tuoi amici del tuo blog e non

    ti aspetto

    baci baci iry

    RispondiElimina
  4. Semplicemente... quanto vorrei trovare un umano che si prende la briga di fare ciò che hai fatto tu con la micetta con me...

    sarebbe davvero bello. ma lo ammetto, al momento soffio molto... e ci sono tante ferite da curare...

    grazie per essere passata nel mio blog.

    C.

    RispondiElimina
  5. Quando si amano gli animali ...siamo sicuramente delle belle persone..e tu sei davvero speciale cara amica

    Ti abbraccio

    Biby

    RispondiElimina
  6. Sei stata grande (!) hai saputo rispettare i tempi ed ascoltare il reale bisogno di Sissi ed è per questo che oggi puoi raccontare una bella storia a lieto "fine".. cosa che purtroppo non sempre succede quando le persone prendono con sè degli animali turbati.

    Ti lascio un sorriso e un grande abbraccio! :**

    RispondiElimina
  7. Non posso fermare le lacrime ogni volta che leggo di questa splendida gatta.....

    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  8. vieni sul mio blog c'è una cosa che ti riguarda

    RispondiElimina
  9. sempre più bella e coinvolgente questa storia...

    bacioni buona giornata

    RispondiElimina
  10. Ciao carissima,

    grazie come sempre per le tue parole!

    E grazie per questo racconto che è sempre più bello e mi fa conoscere sempre più un pochino di te!

    Un bacio.

    Martina.

    RispondiElimina
  11. Bello leggerti...



    E' stato un piacere incrociarti...


    Un abbraccio*

    RispondiElimina
  12. bella la tua gattina, davvero molto bella

    RispondiElimina
  13. ...un bel caratterino...la gattina...

    ...la sua bella testolina deve contenere terribili esperienze che

    ne hanno provocato questi atteggiamenti che, in sostanza, sono di autodifesa e diffidenza...

    RispondiElimina
  14. che bella storia...ma del resto i gatti sono cosi, sempre padroni loro della situazione, il loro 'concedersi' alle coccole è solo a loro discrezione e se ne han voglia, amo il gatto proprio per qst loro carattere che , pure io, mi ritrovo moltissimo....penso che nella mia vita precedente devo essere stata un gatto o , cmq , un felino.....

    un abbraccio e buona serata cara!

    RispondiElimina
  15. dio mio, chissà cosa ha passato... poverina...

    RispondiElimina
  16. mi emozioni sempre con i tuoi racconti...sei dolcissima!

    ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  17. ...perchè tu credi che esita per davvero?

    RispondiElimina
  18. Dovevi proprio amarla moltissimo...

    Tenero il racconto..


    Grazie per essere passata : )


    P.s. ma sei di Brescia?

    RispondiElimina
  19. "Avrei voluto stringerla tra le braccia, accarezzarla e baciarla, ma sapevo che non potevo"

    Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
  20. Mi hai proprio emozionata. Io sono una gattofila da quando ero alta come un barattolo. Li amo infinitamente i gatti; sono il proseguio del mio essere.

    RispondiElimina
  21. Sissi e Billy, una bella accoppiata.....loro almeno ci fanno compagnia, senza pretese.

    Ciao Sister.

    Federico

    RispondiElimina
  22. Ciao Cesy cara, un abbraccione! :)


    Suny

    RispondiElimina
  23. E' bella la storia di Sissy, è la storia di una rinascita.

    un abbraccio

    Rue

    RispondiElimina
  24. E' una storia meravigliosa! anche io mi riconosco molto nei miei gatti..sono una parte di me...

    RispondiElimina
  25. è una storia bellissima e commovente, sopratutto per chiama i gatti e si occupa di una certosina un po' selvaggia...

    grazue

    RispondiElimina
  26. che meraviglia la tua gatta!!!!

    RispondiElimina
  27. Conquistare la fiducia richiede sempre molta pazienza e sacrificio. A volte un passato non è mai facile da estirpare, rimangono le cicatrici. Ma sissi è amata e coccolata ora, ha trovato una vera casa.

    RispondiElimina
  28. come va con Sissi?.......ciao

    RispondiElimina
  29. molto bello ciaoooo

    RispondiElimina